• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Educazione alla cittadinanza: l’hashtag #Obiettivo50mila diventa (...)

Educazione alla cittadinanza: l’hashtag #Obiettivo50mila diventa #Obiettivoltre78mila

L'iniziativa popolare partita dall'ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani – delle raccolte firme per re-inserimento dell’ora di educazione civica di un tempo – oggi edulcorata come “Educazione alla cittadinanza” - come materia curricolare nelle scuole di ogni ordine e grado ha raggiunto oltre le 78mila firme di cittadini e genitori italiani competenti che guardano al presente in modo consapevole proiettati verso un futuro migliore.

Sono oltre 78mila le firme a sostegno della proposta di legge dei sindaci per introdurre l’educazione alla cittadinanza a scuola consegnato ad inizio anno 2019 alla Camera dei deputati.

Gli hashtag #Educazioneallacittadinanza e #Obiettivo50mila da settembre 2018 a gennaio 2019 hanno rappresentato sul social network questa iniziativa popolare che impone oggi a chi ci governa di dare un seguito alle oltre 78mila voci che ri-chiedono il re-inserimento di una materia fondamentale per l'educazione scolastica, la quale in questi ultimi 25 anni non è stata, evidentemente, considerata di tale importanza.

La proposta di legge è stata depositata alla Corte di Cassazione, il 14 giugno 2018. Da allora ci sono state molte giornate di mobilitazione dei sindaci italiani, finalizzate a raccogliere le 50mila firme in sei mesi necessarie per il deposito della proposta di legge in parlamento. Nelle piazze italiane sono state allestiti banchetti e gazebo, con eventi organizzati nelle principali città italiane dove migliaia di volontari si sono adoperati per distribuire materiale informativo relativo all'iniziativa.

La proposta di legge, il materiale grafico e gli aggiornamenti sugli eventi della campagna sono stati pubblicati sul sito e sulle pagine social dell’Anci, ma null'altro sulla carta stampata e sui media tradizionali. Grazie al web quelli della nostra generazione hanno potuto scoprire questa importante azione popolare nata dal basso.

Chi scrive è convinto che il cambiamento possa avvenire solo tramite l’insegnamento a scuola di una materia che prevede lo studio della Costituzione e del Codice Civile e la creazione di una coscienza civica nelle nuove generazioni in modo da assicurare preziosi alleati ai tanti operatori del settore della comunicazione e dell'educazione che ogni giorno combattono con le armi della ragione per trasmettere valori quali il rispetto delle regole e della legalità. È dalla scuola che dobbiamo ripartire ed è ai più giovani tra i cittadini che è necessario far conoscere l’educazione civica, l’educazione ambientale, la legalità, la Costituzione, il diritto italiano e quello internazionale dell'Europa.

#Oltre78mila cittadini italiani come il sottoscritto si sono impegnati in questo percorso accomunati da un sempreverde spirito civico: ora tocca al Parlamento avviare il cambiamento nelle scuole sin dall'inizio del prossimo anno scolastico, settembre 2019.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità