• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Dopo 155 anni le lampade ad incandescenza vanno in pensione

Dopo 155 anni le lampade ad incandescenza vanno in pensione

L’Unione Europea ha stabilito nuovi requisiti di efficienza energetica che, le lampade prodotte per il mercato comunitario, dovranno rispettare a partire dal 1° settembre 2009.
 
Le lampadine alogene e quelle a incandescenza tradizionali, dunque, saranno gradualmente ritirate dal mercato entro la fine del 2012.

 
La lampada ad incandescenza fu inventata nel 1854 da Heinrich Goebel, un orologiaio tedesco emigrato in America. L’inventore non riuscì, però, a rendere pubblica la sua invenzione. Nel 1878, Thomas Alva Edison riuscì a costruirne un modello sufficientemente durevole. Joseph Wilson Swan, che nel 1860 aveva già costruito una simile lampadina, divenne partner di Edison e Poco prima della sua morte Heinrich Goebel riuscì a far valere i propri diritti d’inventore che furono poi acquistati da Edison.
 
Nel 1903 l’americano William David Coolidge introdusse l’uso del filamento di tungsteno, tuttora impiegato. (Wikipedia)
 
Dopo aver illuminato il mondo per circa 155 anni, la Comunità Europea con la
Direttiva 2002/95/CE del 27 gennaio 2003 sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, la manda in pensione Dal 1 settembre, infatti, le lampade da 100W, insieme con tutte le lampade a vetro colorato, bianche ecc., non possono essere più fabbricate e potranno essere vendute solo quelle già prodotte, al fine di smaltirne le scorte di magazzino.


Tutte le altre lampadine saranno mandate in pensione gradualmente (75W nel 2010, 60W nel 2011, 40W e meno nel 2012), per scarsa efficienza e troppo consumo di energia elettrica. Si calcola che la messa al bando delle tradizionali lampadine, di fatto, farà risparmiare circa 40TWh l’anno entro il 2020, l’equivalente dell’utilizzo energetico di 11 milioni di abitazioni europee per lo stesso periodo, è porterà a una riduzione di emissioni di CO2 fino a 15 milioni di tonnellate l’anno.

Per salvaguardare l’ambiente, l’obiettivo dell’UE è di tagliare le emissioni di gas serra del 20% entro il 2020, per un risparmio di circa 5 miliardi di euro. Il consumatore, infine, per il consumo domestico complessivo risparmierà tra i 25 e i 50 euro l’anno.
 
Le lampade ad incandescenza che hanno  durata di circa 1 anno , verranno sostituite dalle lampade fluorescenti che hanno una durata maggiore, variabile tra i 6-15 anni e fortemente influenzata dal numero di accensione e spegnimento. Il consumo di energia di questa nuova generazione di lampade, dunque, diminuirà di circa il 65 % e 80 %, a seconda del tipo e dell’uso che il fruitore ne farà: accendere e spegnere continuamente le lampade fluorescenti potrà ridurne la durata.
 
Unica controindicazione:le lampade fluorescenti contengono mercurio. Al termine dell’utilizzo sono, dunque, da considerarsi rifiuti speciali pericolosi e, come prevede il (D.Legge 151del 2005), bisogna smaltirle presso apposite strutture di raccolta. Se la lampadina si rompe, inoltre, sarà bene arieggiare la stanza prima di pulirla con un panno umido, evitando sempre che i frammenti vengano a contatto con la pelle.

Commenti all'articolo

  • Di Renzo Riva (---.---.---.55) 16 settembre 2009 16:15

    Va bene l’efficienza ma la durata con molte accensioni e spegnimenti? Per non dire il costo!
    Del risparmio della CO2 me n’impippo visto che non è imputabile a se non in frazioni minime del GHG.

    Mandi,

    Renzo Riva
    Via Avilla, 12
    33030 Buja - UD

    349.3464656
    renzoslabar@yahoo.it

  • Di illupodeicieli.leonardo.it (---.---.---.85) 16 settembre 2009 16:21

    Ho letto di una lampada speciale o diversa dalle altre che verrà prodotta da Panasonic: dovrebbe essere a led e la durata prevista è di circa 40 anni considerando un utilizzo medio di 5 ore e mezza al giorno e un costo di 40 dollari. (Questo è ciò che ricordo)Sono stato all’euroluce per ragioni di lavoro e posso dire che diverse aziende, non solo nostrane, non mi sono apparse pronte per "la sostituzione" ,per il passaggio, alle lampade fluorescenti o a led. Alcuni modelli "rendono" solo se utilizzano le lampade alogene e appaiono smorte con le fluorescenti. Chissà cosa accadrà in un prossimo futuro.

    • Di Renzo Riva (---.---.---.190) 30 settembre 2009 19:36

      Sai cosa accadrà in futuro con chi vuole governare su tutto anche sulla Natura?

      Pagherai, pagherai e pagherai solo e sempre più tasse per permettere loro di gridare al risparmio energetico come fa quell’ex-deputato Verdastro che risponde al cognome di Cento mentre lui gira per Roma col SUV.

      A grulli! Svegliate dal letargo il vostro cervello.

      Mandi,

      Renzo Riva

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares