• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Diversi bambini di una scuola elementare contagiati dalla "Ossiuriasi" a (...)

Diversi bambini di una scuola elementare contagiati dalla "Ossiuriasi" a Orta Di Atella (Ce)

Battaglia dei genitori di Orta Di Atella per una disinfestazione delle scuole del territorio.

Tutto è cominciato una sera quando una mamma su un gruppo Facebbok "La voce del cittadino" ha pubblicato che la propria bambina è stata contaggiata del virus "ossiuriasi" spiegandole i sintomi. Da quel momento altre mamme hanno avvertito nei propri figli lo stesso sintomo del primo allarme pubblicato sul gruppo facebook. 
Il gruppo "La voce del cittadino" è un gruppo creato da un cittadino ortese che da anni si batte per il rispetto dei bambini diversamente abili e per il rispetto di tutti i bambini in generale, da anni, il signor Michele Pisano (nella foto) ha cercato di far aprire gli occhi a tutti i genitori che hanno dei bambini ai complessi scolastici di Orta di Atella, che c'era bisogna di una immediata disinfestazione, la "profezia", se cosi la possiamo chiamarla si è avverata! Molte volte, Michele Pisano, non è stato creduto, ma lui ha sempre combattuto e adesso i fatti gli danno ragione. Sono diversi bambini ortesi che sono stati contagiati da questo terribile virus, non pericoloso ma molto fastidioso!
Veniamo al dunque, che cos'è la ossiuriasi?


Sono vermi responsabili della più comune parassitosi intestinale umana: l’infezione da ossiuri colpisce specialmente bambini in età scolare. Gli ossiuri (cioè i vermi che adesso dei bambini ortesi hanno nel proprio organismo), non causano nessun danno, ma provocano del forte prurito specie nelle parti intime e durante l'evacuazione si potrebbe notare la presenza di alcuni vermi. I vermi purtroppo depositano nell'organismo umano delle uova che maturano ogni sei ore e quando il bambino evacua vermi insieme ai sui bisogni fisiologici, vuol dire che il virus l'ha colpito già da un minimo di 20 giorni. La trasmissione si ha per via orale dato che su alcuni cibi, giocattoli, penne, o perché no, anche banchi di scuola (potrebbe essere un ipotesi), si possono depositare le uova del verme.


Come già scritto, il verme che deposita le uova nell'organismo umano e non ne deposita poche... ma circa 1200. Se si vuol avere un po di cattiveria, si potrebbe sospettare che i bambini che solo adesso hanno manifestato il virus possono essere stati colpiti già dai 20 o 40 giorni, infatti, solo dopo questo arco di tempo cominciano i primi segni, e proprio in questo arco di tempo sono state aperte le scuole ai bambini. Non si vuol accusare le scuole ortesi, ma se già da tempo, alcuni genitori hanno chiesto un disinfestazione dei complessi scolastici, perché non è stata fatta? Se dei bambini (circa una decina) sono stati contagiati da questo virus, non vuol dire che per forza sono stati contagiati nella scuola ma la scuola potrebbe essere anche un capo espiatorio, giacche è da tempo che si chiede una disinfestazione. 

Le mamme, adesso hanno protocollato una richiesta di incontro con il primo cittadino di Orta Di Atella, Giuseppe Mozzillo, con delle diagnosi mediche che affermano che effettivamente i loro bambini sono effetti da questo maledetto virus e chiederanno una disinfestazione dei complessi scolastici e minacciano di non mandare i bambini a scuola. A

llora, signor sindaco Giuseppe Mozzillo, anche se non si potrà mai accettare con sicurezza che il virus abbia colpito inizialmente nella scuola, come non si può affermare il contrario, ma una disinfestazione ogni tanto nelle scuole non fa male... la facciamo?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità