• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Diventare cittadino italiano | Pata pata... ce l’abbiamo fatta!

Diventare cittadino italiano | Pata pata... ce l’abbiamo fatta!

Marcelline ce l'ha fatta. Chi è? Una mia amica che da sabato 13 ottobre è diventata cittadina italiana, nata in Guinea il 1 gennaio del 1968, quando io ne avevo 18. La storia della nostra amicizia risale a più di dieci anni fa, quando esasperata scrissi a tutti i giornali possibili, di carta e on line. Ne rimane una traccia integra e datata 30 ottobre 2008: Marcelline, profondo nero.

Abbiamo cantato insieme Pata Pata quando morì Miriam Makeba, che la Guinea la conosceva bene.

Il percorso per diventare cittadina italiana è lungo e complicato, la legge e la normativa è cambiata molto spesso e non permette sbagli o interpretazioni. Ho avuto la possibilità di seguirla nella sua richiesta finale perché il marito italiano -da anni in cassa integrazione e poi disoccupato- poteva contare solo sul lavoro di Marcelline; oggi è molto malato e in tempi recentissimi ricoverato in un hospice romano. Si erano sposati a Capranica a febbraio del 2012.

Scrivo per invitare tutti a voi a fare qualcosa nella vostra vita quotidiana, è un invito laico e molto semplice. Ce la possiamo fare se crediamo che ognuno di noi debba essere stimolato a dare quanto ha di buono in sè, quanto può esprimere al meglio come invitava il Maestro Manzi: ce la possiamo fare tutti a superare momenti oscuri della vita democratica del nostro Paese, quello con la p minuscola e maiuscola.

La voce di una persona al centralino è determinante per avere una speranza, una porta aperta, una spiegazione.

La spiegazione di un carabiniere, di un poliziotto, di un vigile può farci capire qualcosa e provvedere... perché non è facile addentrarci in una jungla di regolamenti in mobilità, figurarsi per chi si è trovato un deserto da affrontare per salvarsi la vita.

La signora che fa le pulizie negli uffici comunali e mi dice che è rimasta un impiegata che poi mi ascolterà, malgrado tutto, è come un faro nella notte.

Il sorriso e l'abbraccio della mia amica è come riconciliarsi con l'Umanità.

C'è sempre qualcosa di buono nell'aria, seppure in una atmosfera dove galleggiano avanzi indecenti e crudeli di notizie, privi di qualsiasi speranza nel miglioramento: non è mai troppo tardi per capirlo.

Grazie a chi non troverà mai spazio in cronaca per quanto di buono ha fatto, ma crede nel Bene Comune... io condividerò sempre, perché anche lo scrivere ci ha aiutate, a Marcelline e a me.

Doriana Goracci

“Ogni venerdì e Sabato sera, arriva l’ora del pata pata, la musica continua all’infinito, fino a quando la luce del mattino arriva a splendere”

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità