• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Cyberbullismo a Messina: le responsabilità di allievi, professori e (...)

Cyberbullismo a Messina: le responsabilità di allievi, professori e genitori

Un patetico quanto vergognoso episodio di cyberbullismo è avvenuto in una scuola media di Messina: una professoressa, probabilmente poco illuminata sulle "doti" da hacker di alcuni suoi giovani alunni, decise di utilizzare un software online per meglio interagire con la classe. E fin qui tutto nella norma.

Disgraziatamente la docente ebbe l'opinabile idea di utilizzare come credenziali d'accesso al software, per le varie utenze, i rispettivi nomi come username e le date di nascita come password di ciascuno allievo. Una chat interna avrebbe consentito la comunicazione istantanea tra la prof e gli scolari anche da casa.

Secondo voi, avide menti del presente e del futuro, cosa sarà accaduto? E' successo che uno o più studenti "spiritosi" (applicando la regola elementare dell'1+1) hanno utilizzato le credenziali di compagni per accedere alla chat sotto falsa identità e insultare in modo sessista, offensivo e oltraggioso altri compagni/e.

Improvvisamente tutti i dispositivi Whatsapp, presenti negli smartphone dei vari genitori, s'intasano di messaggi indignati provenienti dalle famiglie i cui figli/e erano stati insultati o derubati dei loro account dai cyberbulli.

La scuola viene repentinamente informata dell'accaduto e risponde a sua volta minacciando che: se i colpevoli non ammetteranno le loro colpe sarà punita tutta la classe e informata la Polizia Postale.

Se abitassimo nel paese di Utopia, i colpevoli si farebbero avanti, messi alle strette dai loro stessi genitori; così non è stato. Di conseguenza sarebbe auspicabile che siano proprio i tecnici informatici della Polizia a chiarire: gli indirizzi ip dei vari terminali mobili non mentono e i tabulati delle compagnie telefoniche nemmeno. 

Credo sia necessario fare in modo che anche i giovanissimi comprendano quanto dalle azioni avventate scaturiscano spesso conseguenze imprevedibili e lesive per il prossimo e per loro stessi.

Se noi genitori non riusciamo a far distinguere ai nostri figli la sottile differenza tra uno scherzo gradevole e un'azione infamante, forse siamo noi medesimi i veri responsabili delle loro deplorevoli gesta.

Infine, una tirata d'orecchio anche per la povera professoressa: la prossima volta sia lei stessa a creare i vari account per gli allievi e usi possibilmente credenziali prodotte da un generatore automatico di password; in rete se ne trovano tantissimi gratuiti.

L'errore nel quale è scivolata, suo malgrado, la nostra prof è lo stesso nel quale cadiamo quotidianamente anche noi genitori, concedendo assoluta libertà di movimento sul Web anche a ragazzini ancora troppo immaturi; talvolta per eccesso fiducia altre volte per semplice pressappochismo.

Internet è un formidabile strumento di conoscenza, tuttavia, se mal utilizzato può cagionare danni, specie quando i più vulnerabili vengono presi particolarmente di mira dai bulletti di turno. I malcapitati ragazzini rischiano di subire gravi danni alla personalità e all'autostima; quindi non sottovalutiamo mai i rischi provenienti dalla Rete!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità