• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Crollano i Castelli: l’inadeguatezza di un leghista al posto di (...)

Crollano i Castelli: l’inadeguatezza di un leghista al posto di comando

Sorprende non poco l'atteggiamento dell'ex Viceministro alle infrastrutture Roberto Castelli, specchio della decadenza di una classe politica inadeguata al momento storico che stiamo attraversando. Incalzato da Maurizio Zamparini (prima) e con maggior veemenza da un gruppo di cassintegrati sardi, il Senatore abbandona la platea di Santoro.

C'era una volta un'Italia felice, tutta sorrisi e canzonette, così come ci viene tramandata dai filmati che raccontano il boom economico degli anni '60 e, perché no, dalle miriadi di film che raccontano il servizio militare di Gianni Morandi. Ma i tempi passano, la leva obbligatoria è stata abolita, il buon Gianni condurrà (a suon di euro!) il Festival di Sanremo e l'Italia scopre i suicidi per la disperazione di chi non riesce ad arrivare al 15 del mese.

C'erano una volta uomini politici degni di questo nome: Berlinguer e Almirante su tutti, uomini eleganti dai toni pacati e mai inopportuni. Avversari che ispiravano al rispetto ed al buon senso ogni parola del dibattito politico, consapevoli del ruolo istituzionale che un tempo rivestivano i leader politici: persone preparate culturalmente e professionalmente, non mere bestie da campagna elettorale. Oggi ci accontentiamo di un bel sedere, due belle labbra che ispirano pensieri torbidi. O, nella peggiore delle ipotesi, di personaggi discutibili quali Borghezio, il Trota ed il Senatore Castelli, incapace di ribattere alle lecite rimostranze di un operaio sardo.

Il salotto di Santoro non sarà certo accogliente come quello di Letterman, chi accetta un invito, soprattutto se proviene dagli schieramenti del centrodestra, sa bene a cosa va incontro.

Non dev'essere sembrato così al senatore lombardo, il quale già palesemente in difficoltà per i boati ed i fischi provenienti dalla platea, palesemente schierata non a favore dell'antagonista Enrico Letta, bensì contro un malcostume ed il modus agendi della politica italiana: se ci fosse riuscito il nipotino d'arte, staremmo tessendo le lodi del nuovo leader dell'opposizione. 

Ma purtroppo, l'unico a far sobbalzare dalla seggiola Castelli, è stato un operaio sardo di cui non conosciamo il nome che peraltro sarebbe un dettaglio irrilevante. Gente così fiera della propria appartenenza di classe (non quella operaia, ma la classe dei cittadini vilipesi dai governanti) non ha bisogno di essere identificata perché diventa trasposizione stessa del dissenso. Il buon Castelli (senatore, il cui indennizzo parlamentare è pagato attingendo alle tasche degli italiani... un dipendente di lusso, insomma!) non riesce a sostenere il peso delle argomentazioni addotte dall'operaio e da Maurizio Zamparini, presente in studio per presentare il proprio movimento d'opinione "Movimento per la gente". Castelli prova la difesa: attacca il presidente del Palermo Calcio, offende il movimento d'opinione che considera inutile, perché per l'ex candidato sindaco di Lecco, il difficile è il prendere i "voti" (e lui ne sa qualcosa, vista la trombata subita alle ultime comunali...).

Prova a difendersi ancora il lumbart: perde le staffe, spara a zero sulla Sicilia ed il suo malgoverno, si tira addosso gli strali di buona parte dello studio, su internet è una bolgia di insulti dettati dall'insofferenza. Dichiara di essere disposto alla "rissa" (dialettica, scommettiamo), salvo poi arroccarsi e fare spallucce davanti alla mole di insulti riversatagli addosso. E' lo sfogo di una nazione affamata da anni di cabarettisti a palazzo Chigi, di persone che non frequentano festini e ristoranti pieni. E' lo sfogo di chi ha paura di non farcela. 

Persino il vulcanico Zamparini sembra il più fine dei pensatori, dinnanzi alla pochezza e all'incapacità argomentativa di Castelli.

La fuga dal dibattito, il sottrarsi alle domande di un pubblico inferocito, rappresenta per chiunque una immediata sconfitta dal punto di vista dell'immagine. Se a fuggire è un politico dovremmo iniziare a dubitare delle sue capacità, ma se quel politico è Castelli, i dubbi sono facilmente risolti. In senso negativo, ovviamente.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.197) 27 gennaio 2012 17:12

    Sono d’accordo sul fatto che gli insulti non siano mai giustificabili.
    Tuttavia da un esponente di primo piano sulla nostra scena politica e soprattutto menbro del Governo fino a poco tempo fa, ci si aspetta che sia in grado di ascolate e, auspicabilmente comprendere i disagi e le problematiche della gente.

    Chi ha visto tutta la trasmissione ricorderà che prima del dibattito con l’operaio sardo Castelli aveva già polemizzato con un rappresentante del movimento dei camionisti dandogli dell’ignorante e con alcuni manifestanti siciliani ai quali, dopo l’esposizione dei loro problemi, ha ribattuto con argomentazioni riguardanti non i fatti in questione ma gli sprechi della regione Sicilia ed il numero dei rappresentatni in tale regione.

    Ritengo grave il fatto che Castelli abbia abbandonato lo studio, ma ritengo ancora più grave che un ex membro del Governo non sia in grado di ascolatare gli argomenti dei cittadini che protestano, indipendentemente dal fatto che possa essere d’accordo o meno con loro.

    Questo è sintomatico dell’ormai appurato distacco della politica dalla realtà.

    Ribattere con argomenti diversi rispetto a quelli di cui si parla, non ascoltare ed insultare (ricordiamo che la Lega ed i suoi esponenti non sono nuovi a fatti del genere ma a parti invertite in cui sono esponenti politici della Lega stessa a dare dei rompic****i, ecc. ) a mio parere sono indicativi del fatto che molti politici ormai vivono in una realtà diversa da quella dei fatti e non sono in grado di comprendere i reali problemi che devono affrontare, che è il loro compito oltre che dovere. Castelli, ma anche gli altri esponenti politici, hanno il dovere di dare risposte e di rispondere anche a chi li accusa di avere fatto poco o niente per risolvere certe situazioni di disagio.

    Complimenti a Castelli e a tutti i politici che non sono in grado di ascoltare anche chi non la pensa come loro e che a volte, probabilmente per esasperazinoe comprensibile, usa delle parole e dei toni eccessivi. Ascoltare è il primo passo per comprendere. Comprendere è il primo passo per risolvere. Chi di voi non ascolta non è in grado di risolvere i problemi del paese e dovrebbe iniziare a dedicarsi ad altro.

    PS: per par condicio anche le risposte di Letta non mi sono piaciute, seppure almeno pacate.

    • Di Nicola Spinella (---.---.---.104) 27 gennaio 2012 18:50
      Nicola Spinella

      Beh, caro amico, Letta ha capito che aria tirava... e si è stato in silenzio...

      chiamalo fesso!

      Il distacco dalla politica era inevitabile: la società italiana che produce è nettamente migliore dei suoi rappresentanti. Almeno personalmente non mi sento rappresentato da questa manica di deficienti.
      Letta ieri sera ha avuto dalla sua parte due fattori: il primo (da non trascurare) è che volente o nolente non è stato maggioranza (nemmeno minoranza, se consideriamo l’attività d’opposizione del PD) e inoltre aveva dinnanzi un avversario palesemente inadeguato. In quella circostanza, ogni primo colpo era per il leghista...

  • Di radi33 (---.---.---.6) 28 gennaio 2012 00:39

    La scena ripresa dalla regia di "Servizio Pubblico" era degna della sceneggiatura per un film sulla fine di un regime:
     Letta zitto e privo di possibili argomenti e Castelli arroccato sulla dialettica e sugli argomenti banali tratti dai talk show peggiori degli anni appena trascorsi.
    L’Italia vera era in scena: quella che senza "porcellum" manderebbe a casa tutti, ma proprio tutti quelli che siedono in Parlamento e darebbe vita ad un nuovo governo fatto di gente proba, Si proba, nel senso di onesta, ma anche di provata serietà e impegno nel proprio fare. Di quella che non fa politica perchè non sa che altro fare o per trarne vantaggi personali altrimenti irraggiungibili, di quella che non è insediatanei ruoli di governo e nelle principali aziende con il mandato di soggiogare un’intera nazione ai paragdimi della disonesta ed assassina finanza internazionale, ammantata da un perbensimo falso e ributtante.
     Purtroppo è stato solo un momento, uno dei rarissimi, forse l’unico, più eticamente alto momento di espressione di membri del popolo italiano degli utlimi 15 anni, dominati dalla ricerca dei falsi ed insulsi miti del consumismo, funzionale all’incremento del potere degli affamatori degli onesti. 

    • Di Nico (---.---.---.102) 28 gennaio 2012 08:04
      Nicola Spinella

      Ciao Radi,


      io penso che l’Italia andata in scena fosse, per forza di cose, quella vera: abbiamo assistito alla rabbia della gente (che dir se ne voglia, c’è un generale sentimento di esasperazione in giro) e alla perpetua mancanza di risposte della classe politica, sempre pronta a denigrare quegli stessi cittadini da cui succhia le risorse che le permette di fare quella bella vita fatta di viaggi alle Maldive (vedi Casini), escort a pagamento (vedi "quell’altro"), e yacht in sardegna.
      Il problema della legge elettorale c’è ed è evidente, come è evidente che questo governo tecnico non ha le capacità per riformare un sistema che l’anno prossimo riconsegnerà l’italia in mano ai soliti noti.

      Grazie e a presto!

  • Di (---.---.---.22) 28 gennaio 2012 12:16

    se il saggio indica la luna, gli stolti guardano il dito. io trovo MOLTO PIU’ GRAVE CHE UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA NON AVENDO ARGOMENTI VALIDI DICA CON VEEMENZA CHE LUI IN SICILIA, E AL SUD IN GENERE NON C’E’ MAI STATO. UN MINISTRO PERDIO!! COME CI SI PUO’ VANTARE DI ESSERE UN MINISTRO ITALIANO E AVER FATTO SOLO GLI INTERESSI DELLA SUA REGIONE SE NON SOLO DELLA SUA PROVINCIA, E NESSUNO CHE SI SCANDALIZZI PERCHE’ TANTO E’ LEGHISTA!!

    • Di Nico (---.---.---.102) 28 gennaio 2012 13:43
      Nicola Spinella

      Caro Amico, sinceramente non me ne frega molto che questo ministro non sia mai venuto in Sicilia... ANZI! ne andrei fiero!

      Scherzo, ovviamente.
      Non c’è da scandalizzarsi per un motivo molto semplice: la secessione, di fatto, si è realizzata sul piano elettorale.
      Lega al Nord, AN al centro, PDL al sud.
      Se il leghista venisse qui, gliene diremmo troppe e i suoi amichetti pidiellini non sarebbero sufficienti ad impedire le contestazione. 
      Ma poi... avevi tutta questa voglia di trovarti Castelli...non so...a Taormina? 

      Sul fatto che "un ministro della repubblica" siamo d’accordissimo... Ma detto tra noi: che razza di ministro è stato? Lui come tanti traffichini: servono POLITICI veri, formati, di cultura. Non questa sottospecie di bestie da campagna elettorale...

      Grazie! A presto!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares