• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Crimini e misfatti: dalla Shoah al Medio Oriente

Crimini e misfatti: dalla Shoah al Medio Oriente

Continuare a parlare di arabi ed ebrei è sempre più difficile. Non parlarne però è impossibile. Quindi, si continua; questa volta partendo da un altro problema.

Il Giorno della Memoria - appena trascorso anche quest’anno - fu istituito “al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”, come recita la Legge 211 del 20/07/2000 che l’ha istituita (cinquantacinque anni dopo l’apertura dei cancelli di Auschwitz, casomai qualcuno non avesse fatto bene i conti).

Non nascondiamocelo, in questa ricorrenza c’è una buona dose di ritualità piuttosto fastidiosa per la sua superficialità, e so che ci si fanno spesso delle domande, anche in ambito ebraico, sulla sua utilità. Ma c’è anche un’attenta partecipazione di molti giovani, degna di nota, nelle numerose commemorazioni organizzate nelle scuole. Quindi, alla fine, meglio che ci sia, questa giornata, piuttosto che no.

Altrettanta ritualità, in questo caso repellente, in quelli che alla parola “ebrei” presentano sintomatologie di varia gravità: quelli meno preoccupanti si chiedono “perché ricordare solo gli ebrei?” con appena un po’ (oppure un bel po’, dipende dallo stato d’animo più o meno ostile) di acidità insita nella domanda. Anche se c'è qualcuno che lo chiede con un candore innocente che merita rispetto. A questi si risponde solo rimandando alla lettura della legge che ha istituito la giornata di "ricordo della Shoah". Al limite si può suggerire di chiedere una modifica in modo da comprendere, più chiaramente di quanto la legge non dica, le altre vittime dello sterminio - rom, omosessuali, testimoni di Geova, malati di mente, oppositori politici - oppure di istituire altre, diverse giornate del ricordo specificamente dedicate ad esse, così come “questa” giornata – ad oggi – è specificamente dedicata allo sterminio degli ebrei - gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte - e a chi gli si è opposto.

Questa frase si presta indubbiamente ad incerta interpretazione: va letto "...sterminio degli ebrei (cioè) gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte" oppure si intende "...sterminio degli ebrei e gli italiani..." ? E quando mai nel 2000 si sarebbe potuta fare una distinzione fra "ebrei" ed "italiani" ? Gli ebrei non erano riconosciuti come italiani? Sarebbe stato scandaloso. Alla fine mi pare legittimo sostenere la prima lettura e cioè che la legge parla solo dello sterminio degli ebrei e di coloro che si sono opposti a tale persecuzione.

Comunque sia, mi pare legittimo sostenere che non si può addebitare agli ebrei l’onere di essersi appropriati di ogni ricordo, di ogni dolore: non è una loro responsabilità. E’, semplicemente, un’accusa ingiusta (e nasconde altro). Fra l’altro la comunità ebraica ha sempre aderito a qualsiasi iniziativa che proponesse il ricordo delle altre vittime.

Ma poi ci sono quelli decisamente gravi - al limite del delirio antisemita puro – come quel consigliere comunale del PD (e con lui molti altri, generalmente di sinistra, senza però dimenticare i vari Casa Pound o Militia Christi o Forza Nuova o Stormfront eccetera) che ha affermato: “Celebrare la Giornata della Memoria senza nominare i crimini commessi da Israele nei confronti del popolo palestinese in nome della “sicurezza”, significa legittimare posizioni ipocrite e vergognose, esercitando una memoria parziale, ambigua, che replica ed accentua la solitudine e l'isolamento colpevole in cui il popolo palestinese è stato lasciato da parte della comunità internazionale”.

Questo tizio non arriva nemmeno a distinguere un ebreo da un israeliano. E parla. Come se ogni ebreo fosse un israeliano (cosa che non è), come se ogni israeliano fosse un ebreo (cosa che non è), come se i crimini contro il popolo palestinese fossero stati commessi solo dagli israeliani (cosa che non è), come se i crimini non fossero mai stati commessi dai palestinesi contro gli israeliani (cosa che non è), come se i palestinesi non avessero mai commesso crimini contro gli ebrei non israeliani (cosa che non è). Eccetera.

A proposito della questione, magari diamo un’occhiata a questo video in cui parla l’attuale Muftì palestinese o anche ricordiamoci dell’altro Muftì, quello che prendeva il tè con Hitler proprio mentre milioni di ebrei venivano infilati nelle camere a gas.

Insomma, ce ne sarebbero di cose da dire. Senza nulla, ma proprio nulla, togliere alla denuncia (magari in un’altra giornata, per favore) delle sopraffazioni e delle violenze che Israele può aver commesso, nella sua storia, contro i palestinesi.

Forse però è opportuno ricordare a questo tizio (e anche ad altri) che quei sei milioni di ebrei che prima sono stati soppressi nelle camere a gas e poi carbonizzati nei forni crematori, sono proprio quelli che in Palestina non ci avevano mai messo piede perché, stupidamente, ottusamente, ingenuamente, non avevano capito niente di quello che stava succedendo in Europa né hanno mai voluto dare retta a quei vituperati sionisti che già da mezzo secolo mettevano in guardia contro l’antisemitismo montante. Non avevano ascoltato gli unici che una qualche idea sul destino che si preparava per il popolo ebraico se l’erano fatta.

A meno che, naturalmente, non si abbia la convinzione che tutto ciò che la Giornata della Memoria ricorda, non sia altro che una bufala. Se qualcuno è negazionista, lasci perdere. Legga altro; magari si faccia un po’ di psicoterapia se ha del tempo libero.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares