• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Centinaia di morti civili causati dai Droni Usa: tutti i numeri

Centinaia di morti civili causati dai Droni Usa: tutti i numeri

L'Italia acquisterà armamenti per i droni che utilizza in Afghanistan? Al di là del costo, di certo molto elevato, quello che più interessa è il prezzo che sicuramente dovranno pagare le vittime civili. 

The Bureau of Investigative Journalism ha condotto un'inchiesta (ecco la metodologia utilizzata dai giornalisti) molto approfondita tra i dispacci di Wikileaks sulle vittime provocate dagli aerei comandati a distanza utilizzati dagli Stati Uniti in Pakistan, Yemen e Somalia. Parallelamente, il New Yok Times ha rivelato che Obama, sin dai primi giorni del suo insediamento, era a conoscenza delle vittime civili provocate dai droni Usa: sino a pochi giorni fa (l'inchiesta è datata 29 maggio) si credeva che il Presidente fosse all'oscuro dei dati. In realtà, rivelerebbero le carte, Obama veniva informato entro poche ore. Ad esempio nel sud della Somalia si bombardò a tappeto una vastissima area di addestramento pur di uccidere un leader militare: vi si riuscì, ma decine di donne e bambini morirono a seguito dell'attacco.

Naturalmente provocare morti civili non è mai piacevole. Non tanto per la vita di quelle persone, quanto per gli effetti che si hanno nei confronti dell'opinione pubblica. Obama, dunque, avrebbe trovato un escamotage: ridefinire il termine "civili", escludendo da questa categoria tutti gli uomini in età militare caduti in una zona "strategica" di guerra. A dimostrarne lo status di "civili" sarebbe dovuta essere un'indagine di intelligenge "postuma". Naturalmente questa modifica ha permesso di falsare i bilanci, abbassando notevolmente i dati ufficiali circa il numero di morti "non combattenti". Tant'è vero che, tra il maggio 2010 e il settembre 2011, la Cia avrebbe dichiarato di non aver ucciso nessun uomo "civile" in Pakistan.

L'infografica in basso chiarisce il numero di attacco di Droni Usa in Pakistan, Yemen e Somalia dal 2004 ad oggi. E' evidente che dall'insediamento di Obama il numero è schizzato. I numeri del 2012 sono ancora parziali, naturalmente, ma si rimane stupiti per i 117 attacchi nel 2010 in Pakistan.

Ma veniamo ai dati sulle vittime. 

In Pakistan dal 2004 sono stati condotti 327 attacchi con i Droni. Di questi ben 275 sono stati ordinati da Obama. Impossibile stabilire il numero esatto di morti, ma si va da un minimo di 2.464 a un massimo di 3.145. Di questi tra i 484 e gli 830 sono civili (175 i bambini accertati). Solo nell'ultimo mese del 2012 si sono susseguiti quattro attacchi: il 29 aprile, il 5, 23 e 24 maggio: circa 50 persone sono state uccise. Una ventina erano civili.

In Yemen la guerra è pressoché segreta. In totale le operazioni statunitensi sarebbero state da 44 a 54, di queste tra le 31 e le 41 utilizzando Droni. I numeri tuttavia, sono incerti perché si stima che altre decine di operazioni siano state effettuate in segretezza. In totale i caduti sarebbero tra i 317 e gli 861; di questi tra i 58 e i 138 erano civili. Ventiquatro i bambini.

Anche in Somalia le operazioni belliche sono condotte in segretezza. Gli attacchi con droni sono stati come minimo tre. I morti 169, 57 dei quali civili. Tre erano bambini.

Questi sono gli "effetti collaterali" della "guerra al terrorismo" condotta dagli Stati Uniti e intrapresa dopo l'11 settembre. Da notare che quel giorno a New York morirono 2.752 persone. La vendetta Usa ha già provocato quasi il doppio delle vittime. 

Obama ha dichiarato di voler armare anche i Droni italiani. E' bene che il nostro Paese conosca le conseguenze di una scelta del genere. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità