• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Europa > Caso Regeni | Quelle parole, insopportabili, tra Italia ed Egitto, su (...)

Caso Regeni | Quelle parole, insopportabili, tra Italia ed Egitto, su Giulio Regeni

Altro che esondazioni del Nilo. Ogni volta che l'Egitto, e per Egitto si intende il sistema di potere che lo rappresenta, dentro e fuori i suoi confini nazionali, apre bocca su Giulio, esondano le acque di quel fiume di rabbia ed indignazione che si gonfiano giorno dopo giorno, ora dopo ora, semplicemente perché si sta prendendo in giro la dignità di una famiglia a cui è stato strappato nel peggiore dei modi, il proprio figlio.

 
Un Paese, al quale è stato sottratto un suo cittadino che non ha saputo tutelare né prima e né durante e né dopo, dai fatti tremendi, diabolici, malefici, accaduti in quel maledetto gennaio e febbraio del 2016 nella terra delle piramidi. Siamo entrati nel terzo anno di questa vicenda. E le parole, fiumi di parole, di convenienza, di stile, di formalità, continuano a perdersi ogni volta che i rappresentanti dei due Paesi si parlano.
Eppure una cosa potrebbero farla. Avere la decenza di starsene zitti. Perché l'Egitto non è interessato a scoprire la verità ed assicurare i colpevoli alla giustizia, ma è interessato ad affermare la sua verità faziosa ed i suoi colpevoli alla sua ingiustizia e l'Italia, o meglio chi la rappresenta, non ostacola questo modo di fare, ad oggi. D'altronde cosa aspettarsi da un Paese che non è riuscito a fare luce e verità piena su vicende come quelle di Moro, sullo stragismo italiano?
Un Paese che verrà giudicato dalla storia, così come l'Egitto, ma per una volta si vorrebbe che non fosse la storia, con i suoi tempi biblici, a sancire la verità, per una volta si vorrebbe viverla e conoscerla questa benedetta verità in tempi umanamente accettabili, celeri.
 
Il tempo è fondamentale in tutto ciò, ed i strateghi del male, di quel male che ha conosciuto Giulio e che tanti ancora oggi continuano a vivere sulla propria pelle in Egitto, lo sanno bene quanto sia importate lasciar correre e scorrere la clessidra della non verità, passando da vari artefici, depistaggi, menzogne. Quale senso del pudore si può pretendere da chi violenta i diritti umani quotidianamente? Ed allora Italia ed Egitto continueranno a cullarsi in quei rapporti considerati fondamentali sia per i due paesi sia per il Mediterraneo e il Medio Oriente, passando dai numerosi progetti economici comuni, nella cooperazione contro "l’immigrazione illegale e il terrorismo, nella collaborazione per la sicurezza e la stabilità del Mediterraneo e del Medio Oriente, e nel campo dell’energia". Il resto, in questi rapporti bilaterali, sta diventando solo una convenienza, una clausola di stile, che infanga la dignità di chi la verità per Giulio la pretende.
 
Marco Barone

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità