• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Caso Moro: continua l’importante lavoro della Commissione d’inchiesta, (...)

Caso Moro: continua l’importante lavoro della Commissione d’inchiesta, ignorato dai media

Cosa risponderanno, oggi, le nuove generazioni, se provi a chiedere di Moro, delle BR, od in via generale della strategia della tensione?

Facile immaginare il responso, sarebbe drammatico. Eppure, su quella che è certamente la pagina più nera della storia della Repubblica italiana, continua, nonostante il lavoro meticoloso della Commissione parlamentare d'inchiesta sul caso Moro, che ha approvato, ad oggi, due le relazioni, un silenzio mediatico impressionate. Certo, qualche articolo isolato vi è stato, ma un nulla rispetto a quanto si può leggere negli atti pubblici dell'inchiesta. Capire cosa è accaduto nel caso Moro, la regia, capire chi sono stati i mandanti, gli esecutori, chi ha favorito il tutto, chi ha coperto, chi ne è stato complice è determinante per avere un quadro chiaro anche sulla strategia della tensione e non solo.

Quello che ben si può dire è che sono diverse le soggettività sia interne che estere coinvolte sia nel rapimento che nella morte di Aldo Moro, tra apparati, traffico d'armi, coperture e complicità di varia natura. Diverse le reticenze, enormi le contraddizioni. E diverse sono le "zone grigie" emerse nel lavoro della Commissione. Frutto anche del lavoro svolto da attenti osservatori, autori di diversi libri, magistrati e politici ed investigatori che non si sono piegati alla verità del sistema.

Si continua ad indagare sulla pista palestinese, sui rapporti tra BR e 'ndrangheta, su quello che è stato definito da alcuni come un piccolo parlamento dei servizi, Hyperion di Parigi, sulle modalità operative del rapimento, sul caso del bar Olivetti, sulle modalità di arresto di Morucci e Faranda, sulla trattativa, durante il rapimento, che per diverse analogie fattuali ha ricordato anche il pregresso sequestro Schleyer ecc.

Tanti i misteri, tanti gli interrogativi anche sulle BR, e ti continui a domandare chi fossero realmente, e tante le cose fatte con metodo sparire nel corso degli anni, tante le superficialità, tante le omissioni, tante le stranezze. Forse perché le realtà coinvolte sono plurime ed anche estere, forse perchè quello del caso Moro è semplicemente un drammatico affare di Stato che non può conoscere verità, perchè verità significherebbe un colpo atroce all'intero sistema democratico della Repubblica italiana. Eppure il miglior modo per tutelare la democrazia è arrivare alla verità e soprattutto bisogna chiedersi perché non si accende il faro della luce sul lavoro della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro? Per chi se lo fosse dimenticato, il 16 marzo, giorno in cui scrivo questo post, è l'anniversario del rapimento di Aldo Moro e dell'uccisione delle sue cinque guardie del corpo.

 
Marco Barone 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità