Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Salute > Cancro ovarico e talco: facciamo chiarezza

Cancro ovarico e talco: facciamo chiarezza

Negli Stati Uniti una sentenza ha risarcito la famiglia di una donna morta di cancro alle ovaie per aver usato il talco. Ma alla prova dei fatti nessuno studio clinico ha mai studiato questa correlazione. 

di Cristina Da Rold

“Non vi è nessuna evidenza scientifica per asserire con certezza che l’utilizzo del talco provoca il cancro alle ovaie”. Questo il commento rilasciato a OggiScienza dalla dottoressa Domenica Lorusso, Dirigente medico presso l’Istituto Tumori di Milano, a poche ore dalla sentenza di una giuria del Missouri che ha condannato la Johnson & Johnson a pagare ben 72 milioni di dollari di risarcimento alla famiglia di una donna la cui morte per cancro alle ovaie sarebbe correlata con l’utilizzo per l’igiene intima di due prodotti della nota azienda contenenti talco. Secondo l’accusa, la Johnson & Johnson sarebbe stata a conoscenza della pericolosità dei prodotti e avrebbe taciuto per non compromettere le proprie vendite.

“Si tratta di una sentenza che sconcerta la comunità scientifica – spiega Domenica Lorusso, a cui abbiamo chiesto di commentare la notizia – dato che a oggi non abbiamo dati incontrovertibili e studi clinici controllati per testare la possibile cancerogenicità del talco.”

La Johnson & Johnson non è stata tirata in causa per caso. Nel maggio del 2009 un gruppo di consumatori mise in piedi una campagna, la Campaign for Safe Cosmetics, chiedendo all’azienda di eliminare alcuni ingredienti dai suoi prodotti per la cura personale per bambini e adulti. Dopo tre anni di petizioni, pubblicità negativa e una minaccia di boicottaggio, l’azienda nel 2012 ha definitivamente eliminato gli ingredienti in questione, che erano1,4-diossano e formaldeide, entrambi considerati probabili cancerogeni per l’uomo. “Probabilmente proprio questo fatto ha alimentato le opinioni negative che hanno portato alla sentenza, anche se non è mai stato fatto alcuno studio clinico conclusivo sugli effetti del talco” sottolinea la dottoressa.

Gli errori qui sembrano essere molteplici. Anzitutto la sovrapposizione fra quello che è un possibile fattore di rischio cancerogeno e un agente eziologico conclamato, come sono l’amianto per il mesotelioma e il fumo per il tumore del polmone. A differenza di questi ultimi -ci spiega la dottoressa- il talco non è mai stato sottoposto a uno studio clinico che abbia dato un risultato di certezza sul suo ruolo nel carcinoma dell’ovaio. Vi sono stati in passato solo degli studi epidemiologici che hanno messo in luce un’associazione fra l’insorgenza del tumore ovarico e le donne che consumavano il talco per l’igiene intima, associazione non confermata in successivi studi e quindi i dati finali sono assolutamente contraddittori. Per i non addetti ai lavori, la differenza fra uno studio epidemiologico e uno clinico è che il primo si limita a osservare la presenza di un fenomeno in una certa popolazione, individuandone gli aspetti principali, mentre il secondo studia, appunto clinicamente, il fenomeno nelle persone interessate.

Insomma, una storia non così lontana dal fraintendimento solo di qualche mese fa a proposito della cancerogenicità della carne rossa. Anche in quel caso la stampa e l’opinione pubblica hanno confuso fra quello che è un possibile cancerogeno (i cui effetti non si possono escludere, ma al tempo stesso non si possono affermare perché non sono ancora stati studiati) e un agente eziologico, cioè una causa vera e propria, per il quale è stata cioè dimostrata e confermata la correlazione con l’insorgenza del cancro.

“Peraltro in questa sentenza si parla genericamente di tumore ovarico, quando invece sappiamo che ci sono almeno cinque tumori ovarici diversi” precisa la Lorusso. “Il cancro è una malattia come sappiamo estremamente eterogenea e soprattutto multifattoriale, per cui prima di parlare di una causa per il cancro, è necessario definire con precisione di che cosa si sta parlando esattamente per evitare il rischio che un’informazione così generica crei un panico scientificamente infondato.”

@CristinaDaRold

Leggi anche: Tumore dell’ovaio: il rischio aumenta con le terapie ormonali sostitutive

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia

Questo articolo è stato pubblicato qui

loading...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità