• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Bossi Jr. candidato dalla Lega in Lombardia

Bossi Jr. candidato dalla Lega in Lombardia

La notizia è ufficiale: la Lega ha candidato consigliere in Lombardia Renzo Bossi, secondogenito del leader del Carroccio, già finito sulle cronache per le sue bocciature alla maturità e per il gioco su Facebook "Rimbalza il clandestino" che si diceva creato da lui.

Bossi Jr. candidato dalla Lega in Lombardia

Renzo Bossi, figlio di Umberto, candidato a Brescia come consigliere, ovviamente dalla Lega, sembrerà certamente ai più nient’altro che il protagonista dell’ultimo di molti casi di nepotismo, che specialmente nel nostro Paese abbondano. Ma a frenare subito le malelingue interviene il viceministro delle infrastrutture Roberto Castelli: "Niente a che vedere con altre candidature di figli, mogli o parenti vari che sono stati inseriti in liste bloccate, con la certezza di essere eletti. Il figlio di Umberto Bossi dovrà affrontare la campagna elettorale e ottenere le preferenze sufficienti. Credo che sia, per un ragazzo di ventun anni, un atto di coraggio di fronte al quale mi tolgo tanto di cappello".
 
La dichiarazione di Castelli sottolinea la smentita già fatta dalla Lega ("Le solite calunnie contro il povero Renzo, messe in giro per attaccare Umberto") riguardo alle voci che vedevano il giovane Bossi inserito nel cosiddetto "listino bloccato" di Roberto Formigoni, che gli avrebbe assicurato un posto sicuro in Giunta, a quanto si diceva come assessore allo Sport. Sempre secondo Castelli: "Non è stato inserito nel listino bloccato, dovrà mettere tutta la sua forza".
 
Il ventiduenne Renzo era già stato protagonista di smentite riguardo alla sua presunta creazione del gioco su Facebook "Rimbalza il clandestino", che gli aveva procurato una denuncia dell’Arci per istigazione all’odio razziale. Al padre Umberto il compito di difenderlo: "È stato accusato di aver creato il gioco ma lui non c’entra, era in Francia". E poi la smentita sul presunto incarico affidatogli in un consiglio d’amministrazione per l’Expo di Milano, che gli avrebbe fruttato ben 12.000 euro al mese.
 
Il figlio del Senatur era poi finito sui giornali anche per i suoi insuccessi in campo scolastico (è riuscito a superare l’esame di maturità infatti solo al quarto tentativo). Renzo è inoltre team manager della nazionale padana di calcio con la quale ha partecipato, l’estate scorsa, al Campionato mondiale delle nazioni non riconosciute.
 
Ora saranno da verificare le sue competenze politiche nel corso della campagna elettorale, e si vedrà soprattutto se Bossi Junior sarà in grado di conquistarsi la fiducia dei bresciani e farsi votare. Vedremo se smentirà le parole pronunciate qualche anno fa da papà Umberto, che così l’aveva presentato al popolo della Lega: "Mio figlio un delfino? Per il momento è soltanto una trota".

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.13) 2 febbraio 2010 19:09

    Le Veline si e Renzo B. no? Quando mai. Sarà sufficiente un buon lancio su qualche fanpage è avrà tutte le preferenze dei soggetti affetti da PESCITUDINE. Non serve Interrogare le stelle per sapere che perfino gli alieni hanno tra noi i loro estimatori. Da ricordare comunque che i neuroni "specchio" assicurano Riflessi e Riflessioni calibrate sulla cerchia dei soggetti più vicini. (=> http://forum.wineuropa.it

  • Di (---.---.---.153) 3 febbraio 2010 09:04

    Un solo appunto: per la costituzione non è il livello di istruzione che legittima ad occuparsi della res publica... certo ci si può fare ironia, ma non si deve nemmeno pensare di creare caste sociali in base al titolo di studio e livello di istruzione.

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.101) 3 febbraio 2010 11:53
    Doriana Goracci

    Questa finta informazione sinistra, scorda che non volevano neanche loro, quelli di destra la Gelmini e dal 2000.
    La Gelmini Tagliata: Nel mese di marzo dell’anno 2000 una signora, presidente del consiglio comunale del Comune di Desenzano sul Garda per Forza Italia, fu espulsa dal consiglio, su mozione del suo partito, con la seguente motivazione [Delibera del consiglio comunale n. 33 del 31/03/2000]:

    *”manifesta incapacità ed improduttività politica ed organizzativa“. * Questo consigliere comunale si chiamava

    Maria Stella Gelmini
    - attuale Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca scientifica.
    Rimando pure a nomi cari...della sinistra che non mi hanno mai risposto...
    http://www.agoravox.it/attualita/societa/Era-17-ottobre-2009-a-Roma-e

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares