• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Iran: mai così tante le violazioni dei diritti umani negli ultimi 20 (...)

Iran: mai così tante le violazioni dei diritti umani negli ultimi 20 anni

Il rapporto di Amnesty International descrive violazioni sistematiche avvenute prima, durante e, soprattutto, dopo le elezioni di giugno, quando le autorità hanno fatto ricorso alle milizie Basiji e alle Guardie rivoluzionarie per sopprimere le proteste di massa convocate a seguito del contestato esito del voto.

La situazione dei diritti umani in Iran è la più negativa degli ultimi 20 anni. Lo ha dichiarato Amnesty International, presentando un rapporto sulla repressione seguita alle elezioni presidenziali di giugno.

"La leadership iraniana deve assicurare che le numerose denunce di torture, stupri inclusi, di uccisioni illegali e di ulteriori violazioni dei diritti umani siano sottoposte a indagini approfondite e indipendenti" - ha dichiarato Hadj Sahraoui, vicedirettore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. "I membri delle milizie e delle forze di sicurezza che si sono resi responsabili di violazioni dei diritti umani devono essere chiamati a rispondere del loro operato, nessuno escluso".

Amnesty International ha anche sollecitato la Guida suprema, l’Ayatollah Ali Khamenei, a consentire la visita in Iran di due esperti-chiave delle Nazioni Unite in materia di diritti umani, affinché possano contribuire allo svolgimento delle indagini.

"La Guida suprema dovrebbe ordinare al governo di invitare il Relatore speciale dell’Onu sulla tortura e quello sulle esecuzioni sommarie e arbitrarie, onde assicurare che le indagini siano rigorose e indipendenti. Finora le indagini annunciate da varie autorità iraniane sono sembrate determinate più dalla volontà di coprire le violazioni che di accertare la verità", ha spiegato Sahraoui.

Il rapporto di Amnesty International descrive violazioni sistematiche avvenute prima, durante e soprattutto dopo le elezioni di giugno, quando le autorità hanno fatto ricorso alle milizie Basiji e alle Guardie rivoluzionarie per sopprimere le proteste di massa convocate a seguito del contestato esito del voto.
 
Il rapporto comprende testimonianze di persone arrestate nel corso delle proteste, alcune delle quali sono state costrette a lasciare il Paese.

Nelle ultime tre settimane, oltre 90 studenti sono stati arrestati e ad altri è stato impedito di proseguire gli studi, col chiaro intento di evitare la ripresa delle manifestazioni e spingere gli studenti a non continuare a chiedere il rispetto dei diritti umani e della libertà accademica.

"Il governo iraniano deve dimostrare di aver voltato pagina rispetto a quanto accaduto in estate, garantire che la gestione dell’ordine pubblico nel corso delle proteste sarà basata sul rispetto degli standard internazionali in materia di uso della forza e, infine, togliere dalle strade i Basiji e le altre forze di sicurezza" - ha affermato Sahraoui. "Chiunque sia arrestato deve essere protetto dalla tortura e dagli altri maltrattamenti, i prigionieri di coscienza devono essere rilasciati e coloro che sono stati condannati al termine di processi iniqui, compresi i "processi spettacolo" che hanno rappresentato una parodia della giustizia, devono ottenere una revisione dei casi oppure essere rilasciati. Tutte le condanne a morte devono essere commutate e gli imputati in attesa di giudizio devono essere processati in modo equo".

Le autorità iraniane hanno istituito due organismi per indagare sulla crisi post-elettorale e sul trattamento dei detenuti: un comitato parlamentare e una commissione giudiziaria composta da tre persone. Non è noto quale mandato e quanto potere siano stati conferiti ai due organismi e le conclusioni del comitato parlamentare non sono state rese pubbliche.

Manfred Nowak, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, e Philip Alston, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie e arbitrarie, hanno chiesto di visitare l’Iran e sono in attesa di una risposta ufficiale.

Secondo fonti ufficiali, nella violenza post-elettorale sono state uccise 36 persone. L’opposizione parla di oltre 70 manifestanti.

In tutto il Paese, dopo le elezioni, sono state arrestate 4000 persone, delle quali circa 200 rimangono in carcere.

Nonostante numerose richieste, negli ultimi 30 anni le autorità iraniane hanno costantemente negato ad Amnesty International l’autorizzazione a visitare il Paese. L’Ambasciata di Teheran a Londra da almeno cinque anni rifiuta qualsiasi comunicazione o richiesta d’incontro da parte dell’organizzazione per i diritti umani.

Commenti all'articolo

  • Di LIBERALVOX SocialNetwork (---.---.---.111) 16 dicembre 2009 11:53
    LIBERALVOX SocialNetwork

    Sono una ragazza di 25 anni e chiarisco che il movimento "no b-day" è nato su internet. Facebook è stato il suo promulgatore, in pochissimi giorni ha raggiunto 350 mila iscritti e mai è stato voluto o creato con l’intento di appoggiarsi ad un partito politico. Televisioni e giornali hanno attribuito tutto ciò a Di Pietro per tentare di sminuire la faccenda, così chi ascoltava i tg o leggeva i giornali avrebbe pensato alla solita trovata "dipietrista"! Scomodo far pensare che cervelli attivi in quest’Italia malata possano organizzarsi e ritrovarsi per manifestare il loro dissenso nei confronti del Premier, figura che riteniamo non rappresentarci. Io ero a Roma il 5 dicembre, eravamo più di 1milione, un corteo di oltre 5 Km. Famiglie con bambini, anziani e giovani che sfilavano pacificamente con un ideale comune, chiedere un nuovo percorso politico. Per un’Italia migliore non è necessario essere di sinistra, per non votare Berlusconi non bisogna essere comunisti o dipietristi, ma è sufficiente essere semplicementi "onesti", andare oltre le logiche opportunistiche di partito, oltre i propri affari ed intrallazzi personali, oltre le spartizioni di una torta che ormai non c’è più e soprattutto non mettere mai in stand by il proprio cervello... e chissà che dalle ceneri di questo casino tutto italiano e dalle pagine del web non nasca un nuovo movimento: il partito degli onesti!
    >>>VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU: HTTP://LIBERALVOX.BLOGSPOT.COM

  • Di Dino Brancia (---.---.---.149) 16 dicembre 2009 14:56
    Dino Brancia

    Non mi dica che vuole associare il commento alle violazioni dei diritti umani?

    Per il resto condivido le sue esternazioni con qualche riserva, è vero quello che Lei dice , "no b-day" è nato su Facebook, è vero anche che gli iscritti sono tanti, ma su questo carro purtroppo sono saliti i politici che hanno strumentalizzato l’iniziativa partita dal popolo.

    Lei come tanti Italiani non si sente rappresentata da questo Governo e sono d’accordo con Lei, ma l’attuale Governo è stato eletto democraticamente da una percentuale di Italiani molto alta e si sentono leggittimamente rappresentati, e nelle vere democrazie, la minoranza compreso il sottoscritto deve rispettere l’esito delle urne.

    Per quanto concerne il partito degli "onesti" con me sfonda una porta aperta e condivido con Lei, ma bisogna abbassare i toni e tornare ad essere gentili e concreti.

    La ringrazio per l’intervento e La saluto con questa frase per riflettre tutti insieme se veramente vogliamo cambiare il Bel Paes.

    "Lo scopo della nostra vita è di servire la Forza che ci ha creati, e dalla cui misericordia o approvazione dipende il nostro stesso respiro, servendo con lealtà le Sue creature. Questo significa amore, che dovrebbe sostituire l’odio che si vede ovunque".
    (Mahatma Gandhi)

     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares