• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Articolo 18. La CGIL indice uno sciopero generale: "Si vuole gettare fumo negli occhi dei lavoratori"

Di Daniel di Schuler (---.---.---.23) 22 marzo 2012 18:58
Daniel di Schuler

Visto che sono stato un lavoratore subordinato per una buona parte della mia vita, dubito di avere alcunché da regolare con la categoria. Si invece parliamo dei sindacati che, orari e stipendi alla mano, hanno allegramente contribuito all’impauperimento dei lavoratori italiani, li tengo suppergiù nella stessa stima in cui tengo Confindustria.
Sindacalisti scomodi? Ma in quale paese? Sindacalisti comodissimi i nostri, capaci delle più alte dichiarazioni di principio, ma non di contattare uno straccio d’aumento.
Sindacalisti che gli imprenditori, di fatto, negli ultimi vent’anni sono andati d’accordissimo.

Ti voglio raccontare un aneddoto. Sono un fedelissimo ascoltatore della Radio della Svizzera Italiana; il suo secondo programma è di gran lunga la miglior stazione che trasmetta nella nostra lingua. Una settimana fa il suo notiziario ha riferito che sindacati ed imprese di costruzioni svizzeri avevano firmato il nuovo contratto nazionale. Tra le nuove norme, una che vietava alle imprese il licenziamento dei sindacalisti per ragioni connesse alla loro attività sindacale. Inutile rilevare come, in certi casi, l’arretratezza della legislazione elvetica lasci esterrefatti. Non trovi,però, che meriti una riflessione che il fatto che in un simile paese, dove fino ad ieri l’attività sindacale è stata resa così difficile, i lavoratori godano di diritti reali, oltre che di stipendi, infinitamente superiori ai nostri.

Che dipenda dal fatto che in svizzera i sindacalisti sono davvero, prima d’ogni altra cosa, dei lavoratori e si occupano, prima d’altro, della difesa puntuale, azienda per azienda, delle retribuzioni proprie e dei propri colleghi?

Quel che è certo, è che trovo ridicolo il modo in cui, nel nostro paese, si difende lo status quo. A sentire molti, pare che l’italia sia un paradiso dei lavoratori, come se bastasse una norma, applicata ad una ristretta elite, a difenderli. La verità è che l’Italia, per i lavoratori, è ormai un inferno, fatto di stipendi bassissimi, orari lunghissimi e tanto, tantissimo, lavoro nero.

Un inferno in cui non vedo cosa vi sia da difendere.

Quanto alla mia buona fede che dirti? Giusto o sbagliato che ti possa sembrare, dico sempre e solo quel che penso davvero.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.