• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

gilda piroddi

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 0 10 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0

Ultimi commenti

  • Di gilda piroddi (---.---.---.88) 17 gennaio 19:03

    Da ragazza non sempre ho vissuto spensieratamente. Troppi problemi, troppi dolori, troppa inadeguatezza, vera o solamente avvertita poco importa. L’esagerata necessità di essere accettata, amata e compresa (sopratutto dal genere maschile) a volte mi ha portato a fare anche scelte sbagliate. Speravo che le mie fragilità interiori venissero comprese senza esprimerle . Poi sono faticosamrente diventata più consapevole, un pò meno fragile ma sempre più critica con me stessa più che con gli altri. Ora tanto tempo è passato e nonostante mi sia sempre difficile comunicare sono diventata più comprensiva con me stessa; accetto i miei sbalzi d’umore, le mie malinconie, mi commuovo con facilità e le ingiustizie mi fanno ancora tantissimo arrabbiare; però purtroppo sempre più vincono le disillusioni. Mi capita di pensare a quanto sarebbe bello tornare indietro, magari con la consapevolezza di adesso.. Penso che le malinconie di oggi siano causate da questo brutto periodo che stiamo vivendo: l’inverno e le limitazioni causate dal maledetto virus. Ancora però mi risolleva l’idea di un domani con il sole dell’estate, con il mio meraviglioso mare e con il virus debellato. Allora non penserò più ai miei capelli bianchi ed al mio tempo che si sta consumando.

  • Di gilda piroddi (---.---.---.216) 12 gennaio 15:01

    Aumenta il numero di risse convocate via social ed io ritengo che questi giovanissimi andrebbero puniti severamente anche facendoli lavorare nel sociale. Rimango allibita quando leggo commenti che giustificano questi comportamenti perchè il covid impedirebbe la socializzazione. Ma quale socializzazione? Ritengo che forse questi giovani socializzino anche troppo con i "social ". Le guerriglie urbane ci sono sempre state ma ora vengono amplificate da video in rete che danno a questi ragazzi qualche momento di popolarità o quella che loro ritengono tale. Sono ragazzi annoiati, maleducati, egocentrici che identificano nei clic e nei like un modo per sentirsi realizzati. Le chiusure delle scuole non fanno altro che aumentare disagi e stupide voglie di protagonismo. Sarò troppo severa ma forse se le famiglie fossero meno permissive e più presenti certi giovani non sarebbero così superficiali e violenti. Mi consola sapere che, naturalmente, la maggioranza dei giovani sono molto distanti da questi pericolosi gruppuscoli.

  • Di gilda piroddi (---.---.---.202) 6 gennaio 19:18

    Anch’io faccio i miei auguri a Mila Brollo, spero che il maledetto virus diventi solo un brutto ricordo e che possa ritornare alla sua vita di prima piena di vitalità e di iniziative.

    Leggo tante testimonianze di persone colpite dal covid e ormai detesto negazionisti, no vax , complottisti e tutti i dubbiosi imbecilli in genere.

    Per non perdere completamente la fiducia nel prossimo evito di leggere i commenti che compaiono sotto gli articoli online o sotto i post in genere perchè ho capito che la cattiveria e la stupidità urlano mentre la riflessione e la saggezza si fanno sentire senza strillare. 

    Spero di poter essere vaccinata quanto prima perchè solo il vaccino o qualche nuova cura o entrambe le cose potranno farci rientrare nella normale quotidianità. Spero anche che le classi politiche e tutti quelli che "decidono" si rendano conto di quanto si deve fare per "sanificare" ecologicamente ed eticamente l’intero pianeta.


  • Di gilda piroddi (---.---.---.202) 31 dicembre 2020 16:15

    Doriana ho letto da qualche parte che ora le capre sono infelici a causa di quanto successo alla povera Agitu e questa frase mi ha profondamente commosso ed intenerito. Paradossalmente io penso che fatti così efferati oltre che causarci tanto dolore servano a conoscere e far conoscere un’ anima così bella che lascerà un segno profondo in tutti noi. I social sono anche questo, venire a contatto con esempi di vita che potranno aprire altre menti ed altri cuori . Il Trentino e l’Italia tutta hanno perso un sorriso meraviglioso ma si potrà seguire il suo esempio di come si possa creare un’azienda biologica puntando sul recupero delle terre abbandonate . Vogliamo giustizia e la completa verità su questo delitto. Non dimentichiamo quanto la stessa Agita scrisse il 31 dicembre 2919: "Noi siamo artefice del cambiamento è il cambiamento comincia da noi!! " Grazie come sempre cara Doriana per averci narrato in ogni sfaccettatura la vita di Agitu. Nessuno merita di morire così e tantomeno lo meritava questa splendida ed appassionata donna.

  • Di gilda piroddi (---.---.---.108) 19 dicembre 2020 14:46

    Quanti bei ricordi i tuoi Doriana! Mi hai trasportato nel tuo passato ed ho quasi vissuto le tue emozioni. Che bei tempi e che bella famiglia la tua!

    Posso anche dire che di belle famiglie ce ne erano tante in quegli anni . Ricordo i miei Natali: la mia numerosa famiglia (8 figli!) si riuniva con i parenti anch!’ essi numerosi e tavolate chiassose ma felici. Avevamo così poco ma non sentivamo la necessità di avere di più, perchè eravamo guidati da una grande fantasia che trasformava anche i cocci di vetro in splendidi piatti con cui giocavamo a fare le mamme ed i papà. Il mio babbo, che faceva il cuoco, era spesso assente anche per le festività ma ci rendeva felici ricevere i regali dell’epifania aziendale che era molto generosa . Poi gli anni portarono con se problemi, dolori e poca spensieratezza ma quanto vorrei poter rivivere almeno gli affollati pranzi natalizi, le letterine, che promettevano bontà e studio, sotto i piatti dei genitori e le poesie declamate a gran voce per fare felici gli adulti!

    Il tempocambia tutto, non ci si riunisce come una volta, i parenti si allontanano, nuove famiglie si formano compresa la mia. Rimangono rimpianti, nostalgie e la speranza di futuri Natali sereni con le tradizioni che continueranno.

    Anche tu cara Doriana ritroverai la voglia di tuffarti in un gomitolo di strade, la stanchezza si attenuerà e sentiraii l’affettuoso calore emanato dall’abbraccio dei tuoi figli.


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità