• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Vittoria della scuola pubblica a Bologna: “I soldi di tutti alla scuola di (...)

Vittoria della scuola pubblica a Bologna: “I soldi di tutti alla scuola di tutti”

Ci hanno pro­va­to in tutti i modiCon il sin­da­co, che prima snobba poi scende in campo vi­go­ro­sa­men­te contro i re­fe­ren­da­ri, che nega l’e­lec­tion day e che decide che la con­sul­ta­zio­ne av­ven­ga tra mille dif­fi­col­tà. 

Con il PD, che im­pe­gna la sua ca­pil­la­re strut­tu­ra cit­ta­di­na come non av­vie­ne nep­pu­re quando nelle urne deve af­fron­ta­re i suoi av­ver­sa­ri po­li­ti­ci.

Con PDL e Lega Nord, i pre­sun­ti av­ver­sa­ri po­li­ti­ci, in­di­stin­gui­bi­li dal Pd nelle parole, nei toni e nelle ar­go­men­ta­zio­ni.

Con mi­ni­stri del go­ver­no delle ‘larghe in­te­se’, quali il sus­si­dia­ri­sta ciel­li­no Mau­ri­zio Lupi (Pdl), mi­ni­stro dei Tra­spor­ti e delle In­fra­strut­tu­re, e Maria Chiara Car­roz­za (Pd), mi­ni­stro del­l’I­stru­zio­ne. 

E na­tu­ral­men­te con la Curia, che con i moniti del ciel­li­no card. Caf­far­ra e del capo dei ve­sco­vi card. Ba­gna­sco, mo­bi­li­ta le par­roc­chie ma so­prat­tut­to ‘be­ne­di­ce’ po­li­ti­ci e forze po­li­ti­che che so­sten­go­no il fi­nan­zia­men­to pub­bli­co alle pro­prie scuole. Uno schie­ra­men­to che sulla carta rap­pre­sen­ta la schiac­cian­te mag­gio­ran­za del­l’e­let­to­ra­to.

Ci hanno pro­va­to, ma non ce l’han­no fatta. Alle urne, aperte per una sola gior­na­ta in pochi e spesso dif­fi­cil­men­te rag­giun­gi­bi­li seggi, si sono recati 85.934 bo­lo­gne­si, il 28,71% degli aventi di­rit­to. A favore della scelta A, quella di usare i fondi co­mu­na­li per la scuola pub­bli­ca e non per le pa­ri­ta­rie pri­va­te, si è espres­so quasi il 60% degli elet­to­ri. Una netta mag­gio­ran­za, che ha detto chia­ra­men­te al Comune di non ri­spon­de­re più “sei esclu­so” a nessun bam­bi­no che bussa alla porta della scuola pub­bli­ca, di non co­strin­ge­re più nes­su­na fa­mi­glia a iscri­ve­re il pro­prio figlio o la pro­pria figlia a una scuola pri­va­ta pa­ri­ta­ria mo­no­po­liz­za­ta dalla Chiesa.

Il cir­co­lo Uaar di Bo­lo­gna fe­steg­gia questa gior­na­ta as­sie­me agli altri pro­mo­to­ri del re­fe­ren­dum, e i suoi at­ti­vi­sti fe­steg­gia­no as­sie­me alle altre per­so­ne che hanno im­pie­ga­to le pro­prie ri­sor­se e le pro­prie ener­gie al­l’in­ter­no del Co­mi­ta­to Ar­ti­co­lo 33.

Il rin­gra­zia­men­to più grande va ai cit­ta­di­ni bo­lo­gne­si che si sono espres­si af­fin­ché i soldi di tutti vadano alla scuola di tutti. La scuola è il fon­da­men­to di un paese. Se la scuola è laica, civile e so­li­da­le lo sa­ran­no anche i futuri cit­ta­di­ni. Lo sarà l’in­te­ro paese.

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares