• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Violenza sulle donne: #iocimettolafaccia partiamo dall’educAZIONE per una (...)

Violenza sulle donne: #iocimettolafaccia partiamo dall’educAZIONE per una nuova generazione

C’è bisogno di un cambiamento reale seguito da azioni concrete, per questo il nostro Centro antiviolenza Marie Anne Erize di Tor Bella monaca ha deciso di lanciare una nuova petizione per sensibilizzare, informare e chiedere interventi precisi e reali per il contrasto alla violenza di genere. Ti invitiamo a firmare e partecipare alla conferenza stampa di apertura. Aiutaci ad aiutare, e mettiamoci la faccia.

di Stefania Catallo

#iocimettolafaccia partiamo dall’educAZIONE per una nuova generazione. Violenza sulle donne: nessuna assuefazione!

Mi chiamo Stefania Catallo e sono la fondatrice del centro antiviolenza ‘Marie Anne Erize’ di Tor Bella Monaca e Ambasciatrice del ‘Telefono Rosa’. Operiamo in questa estrema periferia di Roma per arginare il fenomeno della violenza di genere, accogliendo ogni giorno le donne che si rivolgono a noi cercando un aiuto per se stesse e per i loro figli, nonostante le tante difficoltà, soprattutto economiche, che affrontiamo in quanto non abbiamo mai avuto fondi né dalle istituzioni, né dai servizi sociali.

Dalla nostra riapertura, nel febbraio 2015, abbiamo creato una Biblioteca di circa ottomila volumi, registrata nell’Archivio delle Biblioteche Nazionali e una sartoria solidale dove, attraverso il lavoro, queste donne possono iniziare ad affrancarsi dalla sudditanza economica che le lega ai loro compagni violenti, impedendo loro di rendersi autosufficienti. Abbiamo inoltre sviluppato percorsi di autostima che, partendo dalla cura della propria immagine, favoriscano la consapevolezza del proprio valore. Tutto questo perché crediamo nella cultura come base del cambiamento.

A volte, però, non sono solo le donne a volersi raccontare a noi: capita che anche gli uomini violenti sentano la necessità di cambiare e inizino un percorso di riabilitazione, bussando alla nostra porta. “La violenza era la mia passione. La violenza era mitizzata: ne ero innamorato. Per me, l’amore era solo sopraffazione”. Queste le parole con le quali un ex utente del nostro centro antiviolenza ha descritto il suo passato di maltrattante. “Ma”, ha continuato, “la grande rivoluzione umana è cambiare se stessi, poiché il nemico è dentro di noi”, sintetizzando la portata del proprio cambiamento personale.

Quest’uomo, che ha deciso di mostrarsi e raccontare il suo vissuto in prima persona, rappresenta un esempio di come sia possibile realizzare un recupero: cambiare si può e, soprattutto, si deve. A cominciare dall‘educazione familiare e, in seguito, attraverso la scuola e l’impegno personale.

E’ giunto il momento in cui anche gli uomini prendano posizione sul fenomeno: è ora che s’interroghino e trovino la volontà di allontanarsi dagli schematismi, maschilisti e patriarcali, che sono alla base di un comportamento violento. E’ ora che anche loro facciano sentire la loro voce, che ci mettano la faccia. Ed è quanto mai necessario un impegno istituzionale serio e concreto, per favorire il cambiamento e interrompere questa ‘mattanza’ quasi giornaliera, che ha per vittime donne di tutte le età e condizione sociale. Invitiamo quindi tutti, soprattutto gli uomini, firmare la petizione e a inviare una foto con l’hashtag #iocimettolafaccia sulla nostra pagina Facebook omonima, al fine di manifestare la presa di posizione contro la violenza di genere. La politica del nostro centro è quella di favorire un punto d’incontro tra i sessi, non di erigere muri. Solo con la reciproca collaborazione si può giungere a un risultato concreto e reale.

E’ necessario, infine, che nei programmi scolastici, già a partire dalle scuole elementari, venga introdotta l’educazione all’affettivitàChiediamo che essa venga inserita come materia di studio: per questo motivo, la petizione viene indirizzata anche al ministro dell’Istruzione pubblica, sen. Valeria Fedeli.

La conferenza stampa di apertura della petizione si terrà venerdì 13 gennaio 2017, alle ore 10.00, presso l’Aula Magna del Liceo scientifico statale ‘E. Amaldi’, alla via Domenico Parasacchi 21 in Roma.

Per gli accrediti scrivere a: segreteriacespp@libero.it entro mercoledì 11 gennaio 2017.

Mettiamoci la faccia e lavoriamo affinché la cultura possa diventare l’arma mediante la quale si possa sconfiggere la violenza contro le donne.

Questa petizione sarà consegnata a:

  • Presidente della Repubblica Mattarella
  • Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli
  • Presidente del Consiglio dei Ministri Gentilon

Primi firmatari:

  • Fabio Cannatà, dirigente scolastico Istituto Istruzione Superiore “E. Amaldi”
  • Salameh Ashour, presidente comunità palestinese di Roma e del Lazio
  • Marco Babacci, ex utente centro antiviolenza ‘Marie Anne Erize’
  • Stefano Bitti, direttivo centro antiviolenza ‘Marie Anne Erize”
  • Marc Buisson, amministratore delegato Day Ristoservice SpA
  • Francesca Romana Cerri, direttrice Teatro Manhattan di Roma
  • Anna Grazia Concilio, giornalista
  • Filippo D’Alessio, direttore Teatro Tor Bella Monaca di Roma
  • Giusy De Gori, beauty blogger Rossetto&Merletto e consulente di immagine
  • Dario Lo Scalzo, giornalista, scrittore e videomaker
  • Vittorio Lussana, direttore Periodico italiano magazine e Laici.it
  • Manuela Maliziola, ambasciatrice Telefono Rosa e fondatrice ass. Famiglia Futura di Ceccano
  • Wanda Montanelli, portavoce ONERPO (Osservatorio Nazionale ed Europeo per il Rispetto delle Pari Opportunità) e coordinatrice CdD (Consulta delle Donne)
  • Patrizia Palombo, presidente Telefono Rosa Frosinone
  • Mario Pontillo, volontario penitenziario sportello Rebibbia ass. Il Viandante
  • I Sottopassaggio, rappers (Ivano Di Serafino & Giovanni Sabellico)
  • Verino Tinaburri, segreteria Lega SPI CGIL Municipio VI Roma
  • Jacopo Venier, direttore LiberaTv

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità