• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Venezia: due grandi mostre al Museo Correr

Venezia: due grandi mostre al Museo Correr

La Fondazione de Musei Civici Veneziani per un doppio evento all’insegna della coerenza, della valorizzazione e dell’internazionalità.

Al Museo Correr di Venezia hanno visto la luce nello stesso giorno due mostre legate da una forte connessione e che possono essere visitate in un unico percorso: "L’Immagine della città europea dal Rinascimento al Secolo dei Lumi", presente fino al 18 maggio, e "Léger 1910-1930 La Visione della Città Contemporanea", fino al 2 giugno. Curatore della prima è Cesare de Seta che subito intende specificare che:

“Sarebbe stata una banalità e un luogo comune esporre le vedute di Venezia del Canaletto. Una grande operazione, invece, è mettere a fuoco cinque tele di grande qualità di Gaspar van Wittel il quale in questa mostra è come una cerniera che ci fa capire come dal vedutismo topografico si passi al vedutismo come grande invenzione”

Grazie all’invenzione della prospettiva è l’Italia che per prima introduce l’Imago Urbis e il visitatore potrà scoprire la forma del tessuto urbano originale in un itinerario cronologico. Si tratta di un viaggio nel tempo nelle capitali d'Italia, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Inghilterra e Germania che fin dal Medioevo sono state soggetto privilegiato per propagandare le virtù dello stato, per mostrarne la bellezza e la ricchezza. De Seta ha voluto selezionare pezzi di qualità, pur molto diversi tra loro: disegni, tavole, tele, fogli incisi, tutto ciò per far capire che il furor urbis è un furor che invade ogni mezzo. Nell’interessante percorso della mostra si assisterà al divorzio irresolubile tra scienza ed arte: quando cioè la topografia entrò a pieno titolo a far parte delle discipline insegnate nelle Università, i vedutisti dovettero battere la concorrenza producendo opere straordinarie. Opere di Gaspar van Wittel, Didier Barra, Alessandro Baratta, Jacob Philippe Hackert, Bernardo Bellotto. Pochi passi tra i corridoi di Museo Correr ci portano alla mostra dedicata a Fernand Léger curata da Anne Vallye.

Se nella mostra precedente è evidente che la città rappresentava il centro della nazione, della fede, della vita sociale, nel XX secolo, in Francia in particolare, la città diventa il centro della modernità e Fernand Léger è il primo artista che cattura questa connessione particolare tra idea di città e idea di modernità. L’esperienza della città viene essenzialmente contenuta nel contrasto di forme e colori. Questo contrasto formale è quello che rappresenta il conflitto insito nell’idea di città moderna. Sono presenti anche opere di altri contemporanei dell’autore cui è dedicata la mostra, tra cui Duchamp, Picabia, Robert Delaunay, El Lissitzky, Mondrian, Le Corbusier, e nel percorso risulterà evidente che l’avanguardia cerca di sintetizzare e astrarre questo concetto di modernità catturandolo nell’opera d’arte.

L’esperienza della modernità consiste in quelle invenzioni che hanno cambiato la vita: la velocità, i treni, le automobili, gli aerei, il telefono. L’idea di modernità è un’idea che fa avvicinare due punti che in passato erano lontani e adesso sono uniti da ciò che il progresso consente. Ciò vale per lo spazio così come per le comunicazioni: tempo e spazio sono compressi e un’opera formalmente statica come un dipinto o una scultura esprimono l'ossimoro di "movimento nella staticità". Star della mostra La Ville del 1919, che appartiene alla collezione del Philadelphia Museum, che diventerà un vero e proprio manifesto della pittura dedicata al tema della città contempeoranea.

Foto:TracyElaine /Flickr

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità