• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Usa, Pena di Morte: 158ma condanna annullata

Usa, Pena di Morte: 158ma condanna annullata

Nel 2012 un uomo della Louisiana, Rodricus Crawford, viene giudicato colpevole di uno dei più efferati crimini immaginabili: l’uccisione di suo figlio, di meno di un anno di età. La condanna a morte è automatica. L’opinione pubblica è sazia. Giustizia è fatta.

Invece, il 19 aprile Crawford è diventato il 158mo condannato alla pena capitale riconosciuto innocente da quando negli Usa, dal 1977, sono riprese le esecuzioni.

Suo figlio è morto di cause naturali, una polmonite letale, come era emerso già cinque anni fa.

La contea di Caddo è nota a chi si occupa di pena di morte per i processi basati sul pregiudizio razziale e sulla condotta non professionale della Procura.

Nel processo che sto raccontando il procuratore Dale Cox, coinvolto in un terzo del totale dei casi in cui tra il 2010 e il 2015 le giurie hanno chiesto la condanna a morte degli imputati, aveva così convinto i giurati: Gesù Cristo avrebbe certamente condannato a morte Crawford, colpevole di aver soffocato suo figlio. Non andò così.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di GeriSteve (---.---.---.35) 22 aprile 23:07

    Il fatto che la "Giustizia" possa essere ingiusta è fatto gravissimo e terribilmente diffuso.

    Quando questi fatti emergono (solo pochi casi su tanti) è bene dare il massimo di pubblicità, perchè il problema è enorme e sottovalutato.

    L’abbinamento con la pena di morte invece non mi convince. Il messaggio è del tipo: se non l’ammazziamo abbiamo la possibilità di arrivare in tempo a scoprire che era del tutto innocente.

    Per evitare queste clamorose ingiustizie serve a poco abolire la pena di morte: servono invece giurie indipendenti, capaci e giuste. Negli USA i giudici sono elettivi ( quindi compiacenti al loro elettorato) e nessuno valuta la competenza delle giurie popolari. Inoltre, per Costituzione, negli Usa non è consentito appellarsi contro sentenze ritenute ingiuste.

    A fronte di questi fatti, la pena di morte - che è un problema vero- diventa un argomento di distrazione dalla affidabilità della giustizia, che è un altro problema vero e ancor più grosso.

    GeriSteve

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità