• mercoledì 16 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Cronaca Locale > Undici mesi di Giunta Pisapia: un bilancio, in attesa di Expo e (...)
di Bruno Carchedi (sito) mercoledì 18 aprile 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Undici mesi di Giunta Pisapia: un bilancio, in attesa di Expo e Multiutility

E' passato poco meno di un anno da quando Giuliano Pisapia è stato eletto sindaco di Milano. Forse è troppo presto per fare un bilancio sia pure parziale, ma alcuni giudizi si possono già dare. All'attivo possiamo citare l'area C, e cioè la diminuzione del traffico e la lotta - necessariamente solo agli inizi - contro l'inquinamento atmosferico, il Registro delle coppie di fatto, i vigili di quartiere, le piste ciclabili, ecc. Si dirà che non è molto, ma è anche vero che non sono neanche molti 11 mesi di governo della città. E comunque tutto questo traccia una nuova direzione di marcia, che segna certamente una discontinuità positiva rispetto alle giunte precedenti. Ciononostante alcune critiche possono essere fatte, anzi dovrebbero essere fatte, anche da chi a suo tempo sostenne con entusiasmo il nuovo sindaco nella competizione elettorale contro la giunta uscente, quella della signora Moratti.


La questione principale che oggi salta agli occhi in modo chiaro è la mancata partecipazione della cittadinanza alle scelte dell'amministrazione. L'elezione a sindaco di Giuliano Pisapia fu chiamata la "primavera milanese". Fu un fatto assolutamente nuovo e straordinario. Fu la sconfitta delle segreterie di partito che avevano deciso per altri candidati e la vittoria della partecipazione di massa della cittadinanza per un candidato alternativo. Una vittoria della democrazia, una ventata di aria fresca nella vita della città. Ma oggi tutto questo non c'è più. Il grande coinvolgimento della cittadinanza nel momento elettorale si è trasformato nel mancato coinvolgimento della cittadinanza nella gestione e nelle scelte amministrative. Fra i sostenitori della nuova giunta domina la paura che le critiche possano fare il gioco degli avversari che ogni giorno attaccano per principio e in modo sguaiato tutto quello che fa la giunta, preoccupati unicamente di farsi propaganda a prescindere dal merito delle questioni. Domina l'autocensura, l'idea sbagliatissima e controproducente che la critica debba necessariamente significare rottura e non contributo. Una specie di "lasciamolo lavorare", invece che "aiutiamolo a lavorare". Questo atteggiamento alla lunga può fare molti più danni che non la vociante a farsesca opposizione dei De Corato e dei Salvini a Palazzo Marino. E tutto questo mentre almeno due nuove grandi questioni stanno di fronte alla giunta: l'Expo 2015 e la Multiutility del Nord. Vediamo.

L'Expo è l'ennesima colata di cemento di milioni di metri cubi, un'altra grande opera che porterà miliardi di euro nelle tasche di costruttori e immobiliaristi, nonché benefici economici e professionali a schiere fameliche di architetti, studi legali e consulenti di ogni tipo, colore e cordata. Per non parlare del rischio 'Ndrangheta. E quindi lascerà in eredità - come sempre avviene in questi casi - un grande debito pubblico e una serie di scatoloni di vetro e cemento che rimarranno inutilizzati per anni. Senza peraltro sostenere in modo duraturo l'economia della città. Finito l'Expo, tutto tornerà come prima, anzi peggio di prima.

L'Expo non andava assolutamente fatto, ma la giunta Moratti aveva deciso. E va bene. L'Expo andava rivoltato come un calzino, rivisto da cima a fondo, ma la giunta Moratti aveva ormai precostituito le scelte. E va bene, fino a un certo punto. Forse qualche timida correzione si poteva fare, ma non è stata fatta. E questo non va bene. Di conseguenza massima continuità con le decisioni della giunta precedente. Non è vero che non si poteva fare niente. Come sostenuto da Emilio Molinari, leader del movimento per l'acqua pubblica, si poteva ad esempio convocare un grande meeting con i movimenti alternativi che a livello internazionale lottano per i beni comuni, come l'acqua, la salute, le energie rinnovabili, che lottano per la sovranità alimentare. E' così velleitario - si chiede Molinari - pensare a un confronto tra questi movimenti e la politica, a partire da quella degli enti locali? Però nulla è stato fatto. Calma piatta sul fronte dei sostenitori della giunta, e silenzio del sindaco.

Ma se per quanto riguarda l'Expo la frittata è ormai fatta, non altrettanto si può dire del progetto di Multiutility del Nord, cioè la fusione di quasi tutte le aziende ex municipalizzate delle grandi città del Centro Nord, da tempo privatizzate. Creando un'unica holding finanziaria dell'elettricità, dei rifiuti e dell'acqua potabile, da costituire con la fusione di A2A di Milano e Brescia, IREN di Genova, Torino, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, ACEGAS di Padova e Trieste, ecc. Tutte aziende con buchi di bilancio per miliardi. Una scelta inspiegabile dal punto di vista economico, che darà vita a un monopolio destinato ad assorbire e finanziarizzare tutti i servizi pubblici locali del nostro paese, acqua compresa, alla faccia del recente referendum. Negando di fatto ogni potere decisionale ai comuni e impedendo ogni forma di controllo e partecipazione democratica dei cittadini.

Anche su questa questione siamo in attesa che la giunta dia segni di vita. In caso contrario nessuno potrà impedirci di pensare che l'intreccio perverso fra politica e affari sia soltanto una caratteristica del passato. Aspettiamo fiduciosi... ma non troppo.

Casa originale di questo articolo



di Bruno Carchedi (sito) mercoledì 18 aprile 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione