• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Musica e Spettacoli > Una confusione ben organizzata

Una confusione ben organizzata

Dopo trent’anni di silenzio, il Confusional Quartet, uno dei più validi gruppi della “new wave italiana”, ha inciso un nuovo disco, intitolato appunto “Confusional Quartet” (Hell Yeath Recording).

Verso la fine degli anni Settanta avvenne l’esplosione della New wave italiana, con varie band che si segnalarono all’attenzione del grande pubblico, soprattutto a Bologna (come i Gaznevada e gli Skiantos). Tra i gruppi che vissero quella felice e caotica età del rock nostrano ci fu anche il Confusional Quartet, nato nel 1978 dall’incontro tra quattro musicisti felsinei: Lucio Ardito (basso), Marco Bertoni (tastiera), Gianni Cuoghi (batteria), Enrico Serotti (chitarra).

Dopo un’iniziale incursione nel jazz-rock, il quartetto bolognese s’immerse nel suggestivo mondo della new wave e del rock sperimentale, partecipando al festival Bologna Rock, tenutosi al Palasport felsineo nell’aprile del 1979, con un’originale cover della canzone di Domenico Modugno "Nel blu dipinto di blu". Nel 1980 uscì il loro primo long-playing, intitolato semplicemente Confusional Quartet (Italian Records), che riscosse un certo successo; tuttavia, dopo qualche tempo il gruppo si sciolse. L’anno scorso si è assistito alla “reunion” di Ardito, Bertoni, Cuoghi e Serotti, che nel 2012 hanno inciso un nuovo disco, ancora dal titolo Confusional Quartet (Hell Yeath Recording), quasi a voler riprendere il discorso musicale esattamente dal punto in cui è stato interrotto trent’anni fa. Un ritorno gradito, foriero di un futuro percorso creativo di assoluto valore.

Si tratta di undici brani puramente strumentali, che alternano spunti progressive a dissonanze lancinanti, con una “confusione” tra jazz, musica sperimentale, new wave e rock, che risulta particolarmente piacevole agli amanti della fusion e che, in certi passaggi, richiama alla mente i King Crimson, mostri sacri della musica rock degli anni Settanta. Tra i pezzi di Confusional Quartet segnaliamo, in particolare, FuturFunk, pubblicato anche come singolo insieme a un interessante video, in cui si raccontano, attraverso suggestive immagini, la storia della Libia, l’ascesa e la caduta del dittatore Muammar Gheddafi (cfr. Confusional Quartet – FuturFunk).

Giuseppe Licandro

(LucidaMente, anno VII, n. 84, dicembre 2012)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares