• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Troppo grassa per Instagram

Troppo grassa per Instagram

Le immagini di curve sinuose, sederi scolpiti e seni abbondanti non sono certo una merce rara, o almeno hanno smesso di esserlo con l'avvento dell'era dei social network. Su Facebook, così come su Twitter o Instagram impazzano le foto di belle ragazze seminude, che ricevono tanti like e commenti dai numerosi adulatori che popolano la rete. Ma cosa succederebbe se a postare una foto del suo fondoschiena fosse una ragazza troppo in carne per gli standard di bellezza moderni?
 
La risposta ci arriva dalla storia di Meghan Tonjes, una video blogger e cantante americana di ventinove anni, cui Instagram ha chiesto di rimuovere la foto che immortalava il suo lato B. La foto in questione è stata censurata dal team di Instagram perché: “Contiene immagini pronografiche”, che violerebbero le “rigide” norme del social.

Inutile dire che su Instagram è facile trovare contenuti molto più pornografici di questo, che a onor del vero non sembra affatto un oltraggio al pudore. Meghan s'interroga allora sulle ragioni che abbiano spinto la società a una tale censura e la sua risposta la dà in questo video.


“Vediamo ogni giorno immagini di donne magre con in dosso un costume da bagno o della biancheria intima e lo troviamo assolutamente normale, ma se invece si tratta di un corpo più grosso la foto viene evitata o disdegnata. Prima persavo 145 kili, per me è importante condividere con gli altri i cambiamenti del mio corpo e mostrare alle donne che è ok sentirsi bene con sé stesse”.

Il messaggio di Meghan è chiaro: il problema non sta nel fatto che Instagram abbia rimosso la sua immagine, ma nel perché questa fosse stata considerata inapprorpriata.

“Voglio che vi fermiate a riflettere su quante ragazze grasse vedete indossare costumi da bagno, lingerie, shorts o vestiti attillati, e quante di loro non vengano derise... Bene! Ora sapete perché ci sono donne come me – anche se in realtà non ce ne sono molte – che postano foto delle loro cosce, del sedere o della pancia o di altre parti del corpo che molte donne mostrano con fierezza senza sentirsi chiedere 'perché lo stai facendo?'. Ecco è questo ciò che siamo abituati a vedere, ciò con cui ci sentiamo a nostro agio”. 

La storia di Meghan ha presto fatto il giro del web e Instagram si è visto obbligato a porgere le sue scuse: “Lavoriamo duramente per trovare il giusto bilanciamento tra la creatività delle persone e la sicurezza di Instagram. La nostra politica pone delle limitazioni alle nudità o ai contenuti per adulti ma riconosciamo che a volte sbagliamo, come in questo caso”.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità