• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Trainspotting: critica forte ed aspra contro la società borghese

Trainspotting: critica forte ed aspra contro la società borghese

Trainspotting è un film del 1996 diretto da Danny Boyle. Renton e un gruppo di amici vivono drogandosi con l’eroina. Ci sono Sick Boy e Spud, i quali si drogano con Renton e poi ci sono Begbie, un uomo estremamente irascibile e Tommy, un bravo ragazzo di indole oltremodo docile.

Un giorno Renton decide di disintossicarsi ed esce con gli amici in discoteca. Gli amici di Renton sono impegnati con varie ragazze e Renton finisce nel letto di una studentessa molto giovane, Diane, desiderosa di provare droga, sesso e trasgressione.

Tommy ha registrato una cassetta di lui e della sua fidanzata che fanno sesso. Tale cassetta viene presa per scherzo da Renton. Lo scherzo di Renton si trasforma in un incubo per Tommy che viene lasciato dalla ragazza e comincia a drogarsi anche lui con l’eroina. Anche Renton e gli altri tornano a drogarsi e un neonato muore, neonato che molto probabilmente è figlio di Renton.

Poco dopo Spud finisce in prigione per una rapina e Renton comincia a disintossicarsi e dopo lunghi tormenti ci riesce e comincia a vivere i suoi giorni tra tristezza e depressione. Nel periodo nel quale Renton si cura dall’assuefazione all’eroina, periodo nel quale tale personaggio è costretto a lottare contro una terribile crisi di astinenza, è tormentato dai sensi di colpa per il suo amico Tommy, per il suo amico Spud e per il figlio che ha perso.

Successivamente Renton va a vivere a Londra dove trova un buon lavoro e una casa accettabile dove vivere. Poco dopo Begbie e Sick Boy vanno a casa di Renton e restano per un bel po'. Renton disapprova la cosa, ma non lo mostra agli amici di vecchia data. Tutti e tre tornano in Scozia, nel luogo dove hanno sempre vissuto, per la morte ed il funerale di Tommy.

Sick Boy, poco dopo il funerale dell’amico, suggerisce un’idea: comprare una partita di eroina capitata ad uno spacciatore di sua conoscenza per 4.000 sterline e vendere tale partita a Londra per 20.000. L’affare criminale riesce quasi completamente e la partita di eroina viene venduta per 16.000 sterline. Tale quantità di denaro viene rubata da Renton mentre gli altri dormono e il solo Spud osserva la cosa ma non ostacola Renton nella sua ruberia. Lo stesso Renton lascia una considerevole somma di denaro a Spud in una cassetta di sicurezza.

Renton alla fine del film spiega che non ci sono ragioni per giustificare il suo gesto: Renton in fondo è una cattiva persona, come si sente dalle sue parole. Poi Renton aggiunge che ora egli sceglie di vivere come gli altri, di accontentarsi di beni materiali e di vivere una vita borghese. Invece, all’inizio del film lo stesso Renton aveva detto che l’eroina è un modo per “scegliere” di non vivere e di non essere come gli altri.

È proprio questo il fulcro del film: vivere e adeguarsi alla società o non vivere rifiutando in modo assoluto e anarchico ogni schema sociale. Trainspotting è un film di aspra critica alla società borghese: un film dissacrante, un film paradossale, un film di personaggi oltremodo eccentrici.

Ewan McGregor, nella parte di Renton, mette in scena un personaggio esilarante, corposo e paradossale come gli altri suoi amici. Robert Carlyle, nella parte di Begbie, invece, mette in scena un personaggio violento, iracondo e oltremodo rabbioso, un personaggio facilmente suggestionabile ed irritabile.

L’intero film è percorso da uno humour nero e sarcastico, un umorismo pungente e tagliente allo stesso tempo. Alcune scene del film, inoltre, sono veramente impressionanti. La prima che colpisce di sicuro è la discesa di Renton nel “gabinetto peggiore della Scozia”, come viene definito dallo stesso personaggio. Poi c’è la scena che mostra Renton in crisi di astinenza, scena davvero raccapricciante e terrificante allo stesso tempo.

Un film che mostra degrado, criminalità, problemi legati alla droga, emarginazione e tanto altro. Un film davvero ben riuscito e riconosciuto per il suo valore sia dal pubblico che dalla critica. Un film che è stato tratto dal romanzo omonimo dell’autore Irvine Welsh.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità