• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Solo per i tuoi occhi: una mostra esclusiva al Guggenheim di (...)

Solo per i tuoi occhi: una mostra esclusiva al Guggenheim di Venezia

Un’esposizione che mette in luce non solo il valore della collezione Dreyfus-Best, ma anche e soprattutto rende il visitatore consapevole del valore dell’impatto e della forza dell’arte nel corso dei secoli.

Sulla grande terrazza di Palazzo Venier dei Leoni è Philip Rylands, l’attuale direttore del Museo Guggenheim di Venezia,a introdurre e presentare la mostra curata da Andreas Beyer "Solo per i tuoi occhi. Una collezione privata dal Manierismo al Surrealismo". La mostra intende rendere pubblica una preziosa selezione di opere provenienti dalla Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best di Basilea con una scelta di 111 pezzi, tra oggetti, dipinti, disegni e sculture (fino a oggi mai presentati nel contesto della raccolta di cui fanno parte) che spaziano dal Medioevo al presente.

Alla conferenza stampa Rylands intende sottolineare la personalità dei due mecenate : la Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best, di per sè Gesamtkunstwerk unica, accosta opere profane a oggetti di ars erotica e ars religiosa che datano a partire dal XII secolo; i disegni dei maestri del Rinascimento e del Barocco incontrano gli enigmatici mondi pittorici del Surrealismo, le eccentriche visioni oniriche del XVIII secolo si confrontano con i pezzi fantastici del Manierismo, il Simbolismo si armonizza con la Pop Art.

Tra gli innumerevoli capolavori presenti a Venezia si contano opere di maestri come Hans Baldung Grien, Hans Bellmer, Arnold Böcklin, Victor Brauner, Pieter Bruegel il Vecchio, Angelo Caroselli, Giorgio de Chirico, Francesco Clemente, Salvador Dalí, Francesco del Nomé (‘Monsù Desiderio’), Gustave Doré, Max Ernst, Frans Floris, Johann Heinrich Füssli, Marten van Heemskerk, Jan van Kessel, Alfred Kubin, René Magritte, Man Ray, Gustave Moreau, Richard Oelze, Yves Tanguy e Andy Warhol. Nello spazio Guggenheim di Venezia i pezzi esposti vengono accostati in maniera assolutamente originale, in un’impresa pionieristica in cui originalità e qualità sono capisaldi irrinunciabili, nel rispetto di un principio che esclude qualsiasi casualità. La prima sala evoca l’ambiente privato della collezione Dreyfus e viene riprodotto uno spazio intimo, mentre le altre sale hanno un carattere maggiormente espositivo per dare alle opere spazio e aria “da respirare”, come spiega il curatore.

L’esposizione è co-organizzata dalla Collezione Peggy Guggenheim, insieme al Kunstmuseum di Basilea, in Svizzera, dove sarà allestita dal 21 settembre 2014 al 4 gennaio 2015. A côtè della mostra sono previsti progetti educativi, a testimonianza dell’autentica devozione verso l’arte, alla cui realizzazione ha contribuito la Fondazione Araldi Guinetti di Valduz. La realizzazione della mostra è stata generosamente sostenuta dalla Maison di Alta gioielleria Giampiero Bodino. Ad accompagnare la mostra un catalogo, edito da Hatje Cantz in italiano, inglese e tedesco, con saggi del curatore Andreas Beyer e di Christian Müller, Bodo Brinkmann, Seraina Werthemann e Philip Rylands, con il contributo di Giulia Mazzolani. Solo per i tuoi occhi. Una collezione privata, dal Manierismo al Surrealismo, info@guggenheim-venice.it www.guggenheim-venice.it/peg...;

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità