• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Sì TAV: Milano - Torino - Parigi, il TGV c’è ma in Italia va a 80 (...)

Sì TAV: Milano - Torino - Parigi, il TGV c’è ma in Italia va a 80 Km/h.

La velocità media del TGV è di soli 80 Km/h sulla vecchia linea storica e la percorrenza dei 247 Km da Milano a Modane (confine con la Francia) avviene in ben 185 min. . L'integrazione nel Progetto Prioritario Europeo n. 6 parte a sua volta delle reti di trasporto trans europee TENT, corridoio 3 Mediterraneo della Rete Centrale Europea ovvero la Lisbona-Kiev, costa 1.7 Mld non molto più del costo di ammodernamento.

 

Ci sarebbe, a detta di qualche giornalista, con la perentorietà dell'Ipse dixit e la cultura di Qui Quo Qua, già il TGV per chi volesse percorrere in Alta Velocità la tratta MI – TO Francia. E' vero che c'è il TGV, ma è vero anche che la velocità media del TGV è di soli 80 Km/h sulla vecchia linea storica dove le performance del Train a Grand Vitesse (300 Km/h omologati e capacità di ben 446) restano del tutto mortificate e la percorrenza dei 247 Km da Milano a Modane (confine con la Francia) avviene in ben 185 min., non diversamente da come farebbe una vecchia Littorina degli anni '50 del secolo scorso.

Per un confronto: Italo per percorrere i 247 Km che separano Milano da PdE Monte Bibele a 60 Km da Firenze, impiega 73 min. Dunque la vecchia linea esistente da MI – TO per la Francia andrebbe comunque ammodernata. I costi di ammodernamento sarebbero inferiori alla costruzione di un linea del tutto nuova e questo è stato uno dei primi incipit per lo Step Low Cost per la TAV da parte del Governo Monti, all'indomani dell'accordo di Lione siglato il 4 dicembre 2012 da Hollande e Monti.

Rispetto al progetto originario del 2011 i costi – i cui oneri complessivi sono al 50% per la UE e al 25% per Italia e 25% per Francia – scendono da 8.9 a 4.4 Mld per la tratta italiana. Studi recenti, 2015, hanno messo in luce la possibilità, con opportuni adeguamenti di ridurre i costi della tratta italiana di oltre il 50% per un ammontare complessivo di 1.7 Mld : rinvio della gronda merci a scavalco di Torino, riduzione delle gallerie a 8.9 Km quella di Sant'Antonio eliminazione di quella dell'Orsiera, adeguamento infrastrutturale e tecnologico delle linee esistenti.

Con una spesa dunque di poco superiore a quella dell'adeguamento si viene a realizzare una tratta fondamentale per intanto dei collegamenti Italia Francia la quale però si colloca nel Progetto Prioritario Europeo n. 6 parte a sua volta delle reti di trasporto trans europee TENT e dal 2013 è una porzione del corridoio 3 Mediterraneo della Rete Centrale Europea ovvero la Lisbona Kiev. La prospettiva è storica: il collegamento Ovest / Est, Atlantico / Urali con tutto quanto ciò comporta in termini commerciali, di rapporto intraeuropeo e di rapporto con la Russia.

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità