Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Ambiente > Sesto Forum mondiale dell’Acqua: un’occasione sprecata

Sesto Forum mondiale dell’Acqua: un’occasione sprecata

Il 17 marzo si è concluso a Marsiglia il Sesto Forum Mondiale dell’Acqua.

Insieme a Wash United, avevamo avanzato esplicite richieste ai ministri presenti al Forum per la modifica della bozza di Dichiarazione ministeriale del 7 febbraio, con particolare riguardo agli articoli 3 e 30, perché si distinguesse tra diritti umani genericamente intesi e lo specifico diritto all’acqua e ai servizi igienici.

Queste richieste sono purtroppo state disattese: sebbene leggermente modificati nella forma, questi articoli insistono sull’impegno a promuovere l’accesso all’acqua e ai servizi igienici all’interno degli obblighi assunti dai singoli stati in materia di diritti umani. Infatti dispongono: 

3. "Ribadendo il nostro impegno a realizzare pienamente gli obiettivi di sviluppo del millennio, e in seguito all'adozione di risoluzioni delle Nazioni Unite (A/RES/64/292, A/HRC/RES/15/9, A/HRC/RES/16/2 e A / HRC/RES/18/1) relative al riconoscimento del diritto umano all'acqua potabile sicura e pulita ed ai servizi igienico-sanitari, ci impegniamo ad accelerare la piena attuazione degli obblighi in materia di diritti umani per quanto riguarda l'accesso all'acqua potabile sicura e pulita ed ai servizi igienico-sanitari con tutti i mezzi appropriati, come parte dei nostri sforzi per superare la crisi idrica a tutti i livelli".

30. "[…]L'accelerazione dell'attuazione degli obblighi in materia di diritti umani riguardanti l’accesso ad acqua potabile sicura ed a servizi igienico-sanitari per il benessere e la salute di ognuno, in particolare per i più vulnerabili, e il miglioramento la gestione delle acque reflue[…]"

Il processo che ha portato a questo risultato è stato aperto soltanto a un piccolo numero di organizzazioni della società civile, e soprattutto non c’è stato l’auspicato confronto interministeriale che avrebbe sicuramente portato a una dichiarazione che rispecchiasse più accuratamente il diritto internazionale: limitarsi infatti a richiamare gli obblighi degli stati in materia di diritti umani sulla base delle risoluzioni adottate dall’Assemblea generale e dal Consiglio per i diritti umani dell’Onu e dall’Assemblea dell’Organizzazione mondiale del commercio, documenti sicuramente più autorevoli rispetto a quelli prodotti dal Forum, non promuove di fatto l’auspicata considerazione del diritto all’acqua ed ai servizi igienici come fondamentale per la sopravvivenza e quindi indipendente da qualsivoglia altro obbligo, ma confina tale diritto all’interno della più ampia legislazione internazionale sui diritti umani, che come sappiamo è applicata con importanti differenze da stato a stato.

Amnesty International sollecita i governi a garantire l’assunzione di una posizione coerente in tutte le sedi opportune e insiste affinché in futuro le dichiarazioni internazionali relative ad acqua e servizi igienico-sanitari, comprese quelle che saranno adottate in occasione della Conferenza di Rio del giugno 2012, e le future risoluzioni delle Nazioni Unite, esprimano un impegno esplicito verso la realizzazione dei diritti ad acqua e servizi igienici per tutti.

Per leggere il testo intero della Dichiarazione ministeriale, clicca qui

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Visita di Obama in Italia, Amnesty chiede a Renzi di parlare dei diritti umani
il dio profitto recitato da Renzi
Buone novelle laiche
Regi Lagni, terra di nessuno
Un’agenda in sette punti per i diritti umani in Afghanistan


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità