• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Sciopero anti-italiani, Brown: “Atteggiamento indifendibile”

Sciopero anti-italiani, Brown: “Atteggiamento indifendibile”

DAVOS - Gli scioperi selvaggi sono “indifendibili”: così il primo ministro britannico Gordon Brown al programma della bbc “political show”, mentre centinaia di lavoratori nel Regno Unito incrociano le braccia per protestare contro la presenza degli operai italiani della siracusana Irem, nel cantiere della raffineria Lindsey oil della Total, nel Lincolnshire.

Brown ha detto alla Bbc che comprende le preoccupazioni dei lavoratori ma gli scioperi selvaggi “non sono la cosa giusta da fare”: il premier britannico parlava dal forum mondiale di Davos dove ieri è stato lanciano un “allarme protezionismo” in relazione alle conseguenze della crisi economica globale.


Il governo ha annunciato colloqui
con le parti sociali per cercare di risolvere la situazione. E il ministro delle attività produttive Peter Mandelson sempre da Davos ha detto che il protezionismo potrebbe trasformare la recessione in depressione, accennando al rischio di dannosissime ritorsioni. “Sarebbe un enorme errore fare un passo indietro rispetto a una strategia che, nelle regole, consente alle compagnie britanniche di operare in Europa e a quelle europee di operare da noi”.

“Ho sempre compreso le preoccupazioni della gente. Si guardano attorno e dicono ma perché quei lavori non li possiamo avere noi, sono lavori che possiamo fare” ha detto Brown alla Bbc. Ma invece degli scioperi selvaggi, “quello che dobbiamo fare, col tempo, come ho sempre detto, è che laddove ci sono lavori nel Paese abbiamo bisogno di gente specializzata sviluppata in questo paese”. In altri termini, creare specializzazioni ad hoc come quelle degli operai della Irem, necessarie per concludere - nei 4 mesi indicati dalla commessa - il delicato lavoro di costruzione loro affidato.

Per Brown la vicenda degli scioperi anti italiani è divenuta una patata bollente sia nei rapporti con l’Italia e gli alleati europei, sia soprattutto di fronte al Paese: da un lato non può difendere il protezionismo, dall’altro il premier che coniò lo slogan “british jobs for british people”, mentre la crisi picchia durissimo in Gran Bretagna non può non tutelare i lavoratori. Un sondaggio di pochi giorni fa dava il Labour indietro di 15 punti rispetto ai conservatori di David Cameron.

Brown ha detto alla Bbc che per aumentare la specializzazione intende creare corsi di training, in modo da essere “pronti per gli eventi in modo più efficace che in passato”. E ha aggiunto: “nessuno governo nella storia sta facendo di più per cercare modi per aiutare la gente disoccupata a ritrovare un lavoro il prima possibile”.

Il premier ha anche aggiunto che anche nell’atmosfera di stagnazione attuale, “ogni mese cambiano di mano” circa due milioni di lavori, e ci sono circa 500mila posti di lavoro non occupati. Potranno tornare, domani, al lavoro gli italiani (e i portoghesi) della Irem? i sindacati britannici a muso duro insistono che il problema non è il protezionismo nè il razzismo: “nessuno dice che paesi diversi non possono vincere in vari contratti” afferma Paul Kenny, segretario generale del sindacato Gmb. Insomma la Irem poteva benissimo vincere l’appalto come ha fatto, ma avrebbe dovuto impiegare manodopera locale. E kenny rivolta la frittata: “nessuna compagnia dovrebbe discriminare un lavoratore in base a dove è nato. Non si può dire “solo gli italiani possono fare questo lavoro” come è successo in questo caso”. Ma la Irem aveva stipulato di poter utilizzare la sua manodopera: specializzata.

Commenti all'articolo

  • Di checco (---.---.---.84) 1 febbraio 2009 23:56

    Io penso che questo sia solo frutto della crisi attuale e della mancanza di prospettiva offerta ai lavoratori, solo delle dirigenze sindacali miopi possono mettere i lavoratori gli uni contro gli altri, anche se è vero che loro dicono solo che potevano assumere manodopera locale. Quindi d’altra parte si può dire che usare lavoratori stranieri per abbattere il potere contrattuale dei britannici è uno schifo, non è il mercato ma solo una damping salariale violento e che scatenerà solo razzismo.
    immaginiamoci cosa succederebbe se le ditte che fanno i lavori in italia portassero manodopera cinese o rumena o di qualsiasi altro paese...pensiamo a cosa direbbero Lega o ex-AN...adesso loro difendono il diritto della azienda italiana, ma se non sbaglio lottavano per l’italianità di Alitalia (a spese dei cittadini) e quindi in questa occasione il nostro governo deve solo tacere

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares