• giovedì 17 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Politica > Reato di tortura: perché l’Italia non l’ha ancora ratificato?
di Julian Mazzotta martedì 26 giugno 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(6 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Reato di tortura: perché l’Italia non l’ha ancora ratificato?

1988: l'italia ratifica la Convenzione ONU contro la tortura. 2012: il reato di tortura non è ancora stato inserito nel nostro ordinamento. Ventuno anni dopo, l'esigenza di una tale legiferazione diventa prepotentemente urgente. Ma quali sono i perché della mancata promulgazione di una tale legge?

L'Italia è in una flagranza di reato abituale e quotidiana. Le sue 205 carceri contenevano, il 31 gennaio scorso, 66.973 persone che sono calate, quattro mesi dopo, di poche centinaia, arrivando a 66.310. Oggi ci sono in carcere 21mila persone detenute oltre la capienza regolamentare delle strutture. Più del 40% dei presenti – quasi 27mila persone - sono in attesa di un giudizio definitivo. Gli operatori carcerari sono in sottorganico. Mancano condizioni minime di igiene, non sono rispettati i minimi essenziali sanitari, mancano farmaci, assistenti, psicologi. Mancano docce o coperte per l'inverno. Questa è la pestilenziale realtà nazionale che dovrebbe oggi essere specchio e monito per le istituzioni e la società.

Il reato di tortura ventuno anni dopo non è presente in Italia per questo motivo: lo Stato stesso sarebbe il primo ad essere condannato.

E su questo interviene, instancabile e determinata, la deputata radicale Rita Bernardini: "Il Ministero della Giustizia anziché promuovere un provvedimento di amnistia e di indulto che consenta di far rientrare immediatamente nella legalità la giustizia e le carceri italiane, si adopera per dividere detenuti e operatori penitenziari in due categorie: quelli - pochissimi e fortunati - che possono vivere la detenzione o il lavoro negli istituti secondo quanto stabilito dalla Costituzione e dall'ordinamento penitenziario e quelli - tantissimi e reietti - che continuano ad essere sottoposti a trattamenti disumani e degradanti, fuori da ogni legalità".
 
Se Voltaire diceva che la civiltà di un paese si vede dalle condizioni delle proprie carceri, in che civiltà vive quell'Italia che detiene in condizioni illegali i propri cittadini e che ha paura di riconoscere il reato di tortura?


di Julian Mazzotta martedì 26 giugno 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(6 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Parole chiave

Tortura Carcere

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione