• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Quando scegli ginecologo e medico di base, non affidarti al (...)

Quando scegli ginecologo e medico di base, non affidarti al caso!

Testa o croce?, la nuova campagna Uaar. 

Con lo slogan “Testa o croce? Non affidarti al caso” è partita la nuova campagna dell’Uaar mirante a sensibilizzare l’opinione pubblica circa la scelta dei propri medici.

«Questa nuova campagna — spiega la portavoce dell’Uaar, Adele Orioli — nasce dalla constatazione che in materia di salute diamo molte scelte per scontate. E se in alcuni casi ciò non comporta particolari conseguenze, lo stesso non si può dire per altri, come per la scelta del proprio ginecologo o del proprio medico di base. Sappiamo bene infatti che gli ospedali sono purtroppo pieni di ginecologi obiettori, spesso assunti e promossi proprio per la loro adesione alla dottrina cattolica, e che non sono infrequenti i casi in cui ostacolano l’intenzione di interrompere una gravidanza, o decidono di non sottoporre la gestante a diagnosi che possano condurre alla decisione di non far nascere un bimbo già condannato per tutta la vita a una malattia invalidante.

Ecco — sottolinea Orioli — in casi come questo avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su tali questioni è fondamentale. E lo stesso dicasi per la scelta del medico di base. Un medico che considera la vita un bene indisponibile, che appartiene a Dio, potrebbe non tenere conto delle nostre volontà se non siamo in condizione di esprimerle. E anche se fossimo in condizione di esprimerle potrebbe curarci secondo le proprie convinzioni morali e lasciarci soffrire inutilmente. Per questo invitiamo tutti e tutte a far luce su questi aspetti. Prima che sia troppo tardi».

«Ci rendiamo conto di essere una goccia in mezzo al mare e di non avere davanti alla bocca megafoni paragonabili a quelli piazzati davanti al papa, anche quando attacca aborto e libertà di decidere come morire come ha fatto in queste settimane. Ma proprio per questo — prosegue Orioli — pensiamo sia necessario moltiplicare gli sforzi in difesa della laicità dello Stato e della Sanità di questo paese».

«Non mettiamo in nessun modo in discussione la competenza dei medici. Ma se andando dall’oculista non ci sono validi motivi per porsi dubbi in relazione alle sue credenze religiose, vi sono altre situazioni in cui è indispensabile prestare maggiore attenzione ai consigli che riceviamo (per esempio, in materia di contraccezione) e alle cure che ci propongono (che potrebbero rappresentare un accanimento terapeutico). La nostra libertà — conclude Orioli — è un bene prezioso. Esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso».

La campagna — lanciata oggi sui social con l’hashtag #Nonaffidartialcaso — campeggerà nelle prossime settimane su volantini e manifesti su iniziativa dei circoli dell’associazione sparsi su tutto il territorio nazionale.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità