• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Europa > Presidenziali francesi: Macron-Le Pen escono vincitori dal primo (...)

Presidenziali francesi: Macron-Le Pen escono vincitori dal primo turno

Emmanuel Macron e Marine Le Pen sono i due "vincitori" del primo turno delle elezioni presidenziali francesi. 

 

Alle 5 di mattina i dati danno il candidato di En Marche !, Macron, al 23,9%, seguito dalla leader del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, al 21,5%. 

Il gollista Fillon, leader dei Repubblicani, si ferma al 19,94%, seguito da risultato, piuttosto buono invece per la campagna fatta, di Jean-Luc Mélenchon, che arriva al 19,62%. Grandissima disfatta per il Partito Socialista - quello del presidente uscente Hollande, il cui candidato, Hamon, si ferma al 6,35%. 

Seguono Nicolas Dupont-Aignan al 4,7%, Jean Lassalle all'1,2, Philippe Poutou con 1,1 e François Asselineau, Nathalie Arthaud e Jacques Cheminade, che ottengono tra lo 0,2 e lo 0,9%. 

 

Per il secondo turno, che si terrà il prossimo 7 maggio, sia Hamon che Fillon hanno detto ai propri elettori di sostenere Macron. Mélenchon non si è invece espresso a tal proposito: 

«Non ho ricevuto un mandato dai 450mila che hanno presentato la mia candidatura perché potessi esprimermi per loro». 

E' la prima volta che i due "grandi partiti", il Ps e la destra gollista, non saranno presenti al secondo turno delle presidenziali. La partecipazione è stata del 78,23%.

Commenti all'articolo

  • Di GeriSteve (---.---.---.113) 24 aprile 2017 14:42

    C’è chi dice che Hamon e Fillon sono bravi perchè fanno fronte anti Le Pen, mentre Melenchon no, ha perso e non ci vuole stare.

    Io direi tre cose:

    1) Se Hamon avesse avuto il buon gusto di ritirarsi, al ballottaggio ci sarebbe andato Melenchon e non Macron. Sarebbe stato un vero ballottaggio contro chi ha governato fin’ora: uscirne con il razzismo nazionalista o rivalutando il popolo piuttosto che i poteri forti?

    2) tutto ciò era prevedibile, quindi è lecito ritenere che Hamon abbia mantenuto la sua candidatura proprio per favorire Macron con il fronte anti Le Pen

    3) se io fossi un elettore di Melenchon, a questo punto mi asterrei: ci pensino gli elettori di Hamon e Fillon ad eleggere Macron, che sosterrà esattamente il sistema che dice di voler cambiare e che anche Hamon ha sostenuto disperdendo i voti di sinistra.

    GeriSteve

  • Di pv21 (---.---.---.59) 24 aprile 2017 19:17

    Ora tocca a noi >

    Dopo la “mezza vittoria” di PL Bersani e la “decadenza” di S Berlusconi, i geniali strateghi del PD silurarono l’avveduta metodicità di E Letta e decisero di giocarsi l’atout del pimpante “rottamatore” M RENZI, al fine di surclassare l’onda montante del Movimento Grillino.

    Incontenibile l’entusiasmo per il 40% alle elezioni Europee: frutto della “svolta” annunciata con il Bonus di 80 euro.

    M Renzi dà avvio ad una vorticosa esternazione di “travolgenti” misure anti crisi e di riforme “epocali”. Insieme a infervorati appelli all’ottimismo, speranza e fiduciosa attesa.


    Passano 3 anni.

    Mentre il PD si “trasfigura” spuntano man mano delle “dissonanze”, tutte inascoltate. E arriva il momento clou.

    Dopo la sonora batosta al referendum M Renzi molla la premiership.

    P Gentiloni si becca una “eredità” di riforme da revisionare, conti pubblici non assestati e gravi problemi sociali ancora pendenti. Il Debito pubblico è cresciuto di almeno 150 miliardi (+6%) con 7-8 miliardi/anno di ulteriori interessi da pagare. Una “solida” ripresa è di là da venire e si prospetta un’altra dolorosa manovra “correttiva”.


    Ecco il punto.

    Nei sondaggi l’attuale PD, a firma M Renzi, è dato al 27%. Al terzo posto dopo lo M5S ed il rassemblement di centrodestra caro a S Berlusconi. DA TENERE ben presente è che, a bocce ferme, in una futura coalizione di governo di fonte parlamentare anche una forza politica di appena il 12-15% potrà assumere un ruolo determinante.


    Ergo.

    A fronte delle primarie alla gente di centrosinistra restano solo 2 scelte.

    Continuare con questa “congrega” politica sempre più gestita a immagine e somiglianza del suo sommo leader carismatico. Facendo tesoro di una mai tramontata “scuola” democristiana.

    OPPURE. Cogliere l’opportunità del voto per notificare il “totale rigetto” di una linea politica: monocorde e “favolistica”,  sorretta da “potentati” personificati, tanto “verticistici” quanto “esclusivi” e non confutabili. NON PERDERE così l’occasione di dare il chiaro segnale che serve da subito un programma “veridico”, discusso e condiviso, fatto di soluzioni tangibili e misure efficaci.


    PS: a un magistrale comunicatore, per sua natura, non passa quella Febbre del Tribuno che non conosce remore, limiti …

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità