• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Per una legge pro eutanasia

Per una legge pro eutanasia

Depositata in Cassazione da Associazione Coscioni, Exit e Uaar una proposta di iniziativa popolare per venire incontro alla volontà di scegliere degli italiani. Eccone il testo

Nel 1998, nel suo libro La morte opportuna. I diritti dei viventi sulla fine della loro vita (pubblicato in Italia da Avverbi edizioni, pp. 288, € 14,00), Jacques Pohier scriveva che «l’eutanasia volontaria non è una scelta tra la vita e la morte, ma una scelta tra due modi di morire».

Da allora è passato quasi un quindicennio e, mentre in tutto il mondo civile – compresi i Paesi a maggioranza cattolica – la questione del fine vita è stata affrontata con mentalità aperta e proposte di legge avanzate, in Italia si è rischiata l’approvazione del retrogrado e famigerato “ddl Calabrò” (vedi in fondo i link agli articoli di LucidaMente sulla tematica). Scampato, vista la fine della legislatura, il pericolo maggiore, lo scorso 21 dicembre, a Roma, presso il Pa­laz­zac­cio della Cassazio­ne, è stata de­po­si­ta­ta una proposta di legge di ini­zia­ti­va po­po­la­re avente come og­get­to il ri­fiu­to dei trat­ta­men­ti sa­ni­ta­ri e la li­cei­tà del­l’eu­ta­na­sia. I promotori sono l’Associazione Luca Coscioni, Exit e l’Uaar (Unione degli ateri e degli agnostici razionalisti). La data non è casuale: infatti, il 20 dicembre 2006 si spense Piergiorgio Welby, a lungo impegnato sulla tematica eutanasia. Punti ca­rat­te­riz­zan­ti della pro­po­sta sono l’as­so­lu­to ri­spet­to della li­ber­tà di scelta del pa­zien­te (espres­sa anche at­tra­ver­so te­sta­men­to bio­lo­gi­co) e la depenalizzazio­ne dell’eu­ta­na­sia. Affinché il nuovo Parlamento italiano possa esaminare la proposta presentata, occorre che essa sia sottoscritta da 50.000 firme. Il testo com­ple­to della pro­po­sta è ri­pro­dot­to di seguito.

Ri­fiu­to di trat­ta­men­ti sa­ni­ta­ri e li­cei­tà del­l’eu­ta­na­sia

Re­la­zio­ne – Ben oltre la metà degli ita­lia­ni, se­con­do ogni ri­le­va­zio­ne sta­ti­sti­ca, è a favore dell’euta­na­sia legale, per poter sce­glie­re, in de­ter­mi­na­te con­di­zio­ni, una morte opportu­na invece che im­po­sta nella sof­fe­ren­za. I ver­ti­ci dei par­ti­ti e la stampa naziona­le, invece, pre­fe­ri­sco­no non par­lar­ne. Niente di­bat­ti­ti su come si muore in Italia, tranne quando alcune storie per­so­na­li si im­pon­go­no: Eluana e Bep­pi­no Englaro, Gio­van­ni Nuvoli, i leader ra­di­ca­li Luca Co­scio­ni e Piero Welby. Oggi, chi aiuta un malato ter­mi­na­le a morire – magari un ge­ni­to­re o un figlio che implo­ra di porre fine alla sof­fe­ren­za del pro­prio caro – ri­schia molti anni di car­ce­re. Il di­rit­to co­sti­tu­zio­na­le a non essere sot­to­po­sti a trat­ta­men­ti sa­ni­ta­ri contro la nostra volon­tà è co­stan­te­men­te vio­la­to, anche solo per paura, o per igno­ran­za. La conseguen­za è il raf­for­za­men­to della piaga tanto del­l’eu­ta­na­sia clande­sti­na che dell’accani­men­to te­ra­peu­ti­co. Per ri­me­dia­re a questa si­tua­zio­ne, pro­po­nia­mo poche regole e chiare, che sta­bi­li­sca­no con pre­ci­sio­ne come cia­scu­no possa esi­ge­re le­gal­men­te il ri­spet­to delle pro­prie decisio­ni in ma­te­ria di trat­ta­men­ti sa­ni­ta­ri, ivi in­clu­so il ri­cor­so al­l’eu­ta­na­sia.

Art. 1 – Ogni cit­ta­di­no può ri­fiu­ta­re l’i­ni­zio o la pro­se­cu­zio­ne di trat­ta­men­ti sa­ni­ta­ri, nonché ogni tipo di trat­ta­men­to di so­ste­gno vitale e/o te­ra­pia nu­tri­zio­na­le. Il per­so­na­le sanitario è tenuto a ri­spet­ta­re la vo­lon­tà del pa­zien­te ove essa: 1) pro­ven­ga da sog­get­to mag­gio­ren­ne; 2) pro­ven­ga da un sog­get­to che non si trova in con­di­zio­ni, anche tem­po­ra­nee, di incapa­ci­tà di in­ten­de­re e di volere, salvo quanto pre­vi­sto dal suc­ces­si­vo art. 3; 3) sia ma­ni­fe­sta­ta ine­qui­vo­ca­bil­men­te dal­l’in­te­res­sa­to o, in caso di in­ca­pa­ci­tà sopravve­nu­ta, anche tem­po­ra­nea dello stesso, da per­so­na pre­ce­den­te­men­te no­mi­na­ta, con atto scrit­to con firma au­ten­ti­ca­ta dal­l’uf­fi­cia­le di ana­gra­fe del comune di residenza o do­mi­ci­lio, “fi­du­cia­rio per la ma­ni­fe­sta­zio­ne delle vo­lon­tà di cura”.

Art. 2 – Il per­so­na­le sa­ni­ta­rio che non ri­spet­ti la vo­lon­tà ma­ni­fe­sta­ta dai sog­get­ti e nei modi in­di­ca­ti nel­l’ar­ti­co­lo pre­ce­den­te è tenuto, in ag­giun­ta ad ogni altra con­se­guen­za penale o civile rav­vi­sa­bi­le nei fatti, al ri­sar­ci­men­to del danno, morale e ma­te­ria­le, pro­vo­ca­to dal suo com­por­ta­men­to.

Art. 3 – Le di­spo­si­zio­ni degli ar­ti­co­li 575, 579, 580 e 593 del codice penale non si ap­pli­ca­no al medico e al per­so­na­le sa­ni­ta­rio che ab­bia­no at­tua­to tec­ni­che di eu­ta­na­sia, provocan­do la morte del pa­zien­te, qua­lo­ra ri­cor­ra­no le se­guen­ti con­di­zio­ni: 1) la ri­chie­sta pro­ven­ga dal pa­zien­te, sia at­tua­le e sia ine­qui­vo­ca­bil­men­te ac­cer­ta­ta; 2) il pa­zien­te sia mag­gio­ren­ne; 3) il pa­zien­te non si trovi in stato, nep­pu­re tem­po­ra­neo, di in­ca­pa­ci­tà di in­ten­de­re e di volere,salvo quanto pre­vi­sto dal suc­ces­si­vo art. 4; 4) i pa­ren­ti entro il se­con­do grado e il co­niu­ge siano stati in­for­ma­ti della ri­chie­sta e, con il con­sen­so del pa­zien­te, ab­bia­no avuto modo di col­lo­quia­re con lo stesso; 5) la ri­chie­sta sia mo­ti­va­ta dal fatto che il pa­zien­te è af­fet­to da una ma­lat­tia pro­dut­ti­va di gravi sof­fe­ren­ze, in­gua­ri­bi­le o con pro­gno­si in­fau­sta in­fe­rio­re a di­ciot­to mesi; 6) il pa­zien­te sia stato con­grua­men­te ed ade­gua­ta­men­te in­for­ma­to delle sue condizioni e di tutte le pos­si­bi­li al­ter­na­ti­ve te­ra­peu­ti­che e pre­ve­di­bi­li svi­lup­pi cli­ni­ci ed abbia di­scus­so di ciò con il medico; 7) la tec­ni­ca di eu­ta­na­sia ri­spet­ti la di­gni­tà del pa­zien­te e non pro­vo­chi allo stesso soffe­ren­ze fi­si­che. Il ri­spet­to delle con­di­zio­ni pre­det­te deve essere at­te­sta­to dal medico per iscrit­to e con­fer­ma­to dal re­spon­sa­bi­le della strut­tu­ra sa­ni­ta­ria ove sa­ran­no at­tua­te le tec­ni­che di eu­ta­na­sia.

Art. 4 – Ogni per­so­na può sti­la­re un atto scrit­to, con firma au­ten­ti­ca­ta dal­l’uf­fi­cia­le di anagrafe del comune di re­si­den­za o do­mi­ci­lio, con il quale chiede l’ap­pli­ca­zio­ne dell’eu­ta­na­sia per il caso in cui egli suc­ces­si­va­men­te venga a tro­var­si nelle con­di­zio­ni pre­vi­ste dal­l’art. 3, comma 5 e sia in­ca­pa­ce di in­ten­de­re e volere o ma­ni­fe­sta­re la propria vo­lon­tà, no­mi­nan­do con­tem­po­ra­nea­men­te, nel modo in­di­ca­to dal­l’art. 1, un fi­du­cia­rio, perché con­fer­mi la ri­chie­sta, ri­cor­ren­do­ne le con­di­zio­ni. La ri­chie­sta di ap­pli­ca­zio­ne del­l’eu­ta­na­sia deve essere chiara e ine­qui­vo­ca e non può essere sog­get­ta a con­di­zio­ni. Essa deve essere ac­com­pa­gna­ta, a pena di inammissibili­tà, da un’au­to­di­chia­ra­zio­ne, con la quale il ri­chie­den­te at­te­sti di es­ser­si ade­guatamen­te do­cu­men­ta­to in ordine ai pro­fi­li sa­ni­ta­ri, etici ed umani ad essa relativi. Al­tret­tan­to chiara ed ine­qui­vo­ca, nonché espres­sa per iscrit­to, deve essere la conferma del fi­du­cia­rio. Ove tali con­di­zio­ni, uni­ta­men­te al di­spo­sto di cui al pre­ce­den­te art. 3, comma 7 siano ri­spet­ta­te, non si ap­pli­ca­no al medico ed al per­so­na­le sa­ni­ta­rio che ab­bia­no at­tua­to tec­ni­che di eu­ta­na­sia, pro­vo­can­do la morte le pa­zien­te, le di­spo­si­zio­ni degli ar­ti­co­li 575, 579, 580 e 593.

Ricordiamo che sulle tematiche del fine vita LucidaMente è intervenuta più volte. Ad esempio, con:
Quando Martini difese Welby
«…e alla fine / ce l’hai fatta, / l’hai liberata, / e quel purosangue d’una puledra / ha saltato gli steccati / e via!»
Il testamento biologico? Intanto, fallo on line!
“Testamento biologico. Istruzioni per l’uso. Il punto della situazione in Italia e a Bologna”
Un 2011 in LiberaUscita
“Sospesi tra terra e cielo”
Sul testamento biologico un’operazione antidemocratica
Corpo, potere, idea, testamento biologico
Alla fine, “L’ultimo gesto d’amore”
Temi di fine vita: un nuovo metodo
Da Luca Coscioni a Eluana Englaro
Il dominio del potere su anime e corpi
Prepotenza “cattolicista” e carte di autodeterminazione
Andarsene con dignità Da Luca Coscioni a Eluana Englaro

Inoltrea cura della nostra rivista e dell’associazione LiberaUscita, nel 2007 è stato dato alle stampe Non sono un assassino. Il caso “Welby-Riccio” francese (Prefazione di Mario Riccio, Introduzione di Giancarlo Fornari, inEdition editrice/Collane di LucidaMente, pp. 176, € 15,00) di Frédéric Chaussoy, traduzione di Je ne suis pas un assassin, edito in Francia da Oh! Editions. Per saperne di più: La vicenda di un giovane, della madre e di un medico“In Francia affetto e simpatia, in Italia…”“Non sono un assassino”: quando prevale l’umanità“Occorre rispettare il volere dei malati”Il caso Humbert e l’anomalia italianaVideo della presentazione in prima nazionale di “Non sono un assassino” di Frédéric Chaussoy.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno VII, n. 84, dicembre 2012)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.80) 29 dicembre 2012 15:26

    Il progetto mi sembra proprio buono, ma visto ci sono difficiltà, conviene fare piccoli passi, ad esempio di proporre per l’eutanasia solo gli aderenti all’uaar e gli altri promotori del progetto.

    Chissa’ che, essendo un piccolo numero, la cosa possa passare inosservata.Proviamoci.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares