Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Nuovo CCNL Trasporti. Video: la parola a chi guida i mezzi pubblici ogni (...)

Nuovo CCNL Trasporti. Video: la parola a chi guida i mezzi pubblici ogni giorno!

Come abbiamo detto in un precedente articolo, nel 2015 sono stati rinnovati o sono state presentate le ipotesi di rinnovo di numerosi contratti collettivi nazionali. Tra questi il contratto collettivo del settore trasporti autoferrotranvieri (mobilità TPL) che riguarda oltre 116mila lavoratori. Anche in questo come negli altri contratti collettivi nazionali rinnovati o in via di rinnovo è chiaro che l’attacco padronale è durissimo e che sempre più c’è un tentativo di togliere qualsiasi diritto a chi lavora e di impadronirsi di una parte sempre maggiore del suo tempo, in parallelo con lo smantellamento dei servizi pubblici.

In particolare il contratto di questo settore, peggiorando notevolmente le condizioni lavorative, implica che la qualità del servizio di trasporto pubblico andrà abbassandosi ulteriormente. Infatti, senza contare l’aumento irrisorio del salario (fermo da 8 anni) e l’obbligatorietà per tutti i lavoratori di versare una quota al fondo PRIAMO, vediamo chiedere a chi lavora maggiore flessibilità e la possibilità di deroghe alle limitazioni dell’orario in caso di eventi speciali o crisi dell’azienda; tutte misure per far sì che i lavoratori siano a piena disposizione dell’azienda sempre e quando questa vuole. Tutto questo in un settore in cui, come abbiamo documentato nel caso romano, i lavoratori vengono già ampiamente spremuti, contrariamente a quanto sostenuto dalla propaganda giornalistica. Il che tra l'altro apre e prepara la strada a un privato, là dove la privatizzazione ancora non è avvenuta.

In tutto questo i sindacati confederali sembrano essersi dimenticati cosa dovrebbe essere un CCNL, cioè uno strumento importante per affermare la forza collettiva dei lavoratori e così strappare condizioni di lavoro dignitose per tutti, anche per quelli che si ritrovano in situazioni individuali o aziendali particolarmente ricattabili. Il loro obbiettivo sembrerebbe piuttosto l’autoconservazione, come dimostra la piattaforma che stanno presentando e che pretendono di aver sottoposto ai lavoratori con il referendum del 28 novembre. Se questo ha visto la vittoria del SI facendo cantare alla vittoria CGIL, CISL, UIL e FAISA, come denunciano invece tanti lavoratori che vi si oppongono, si è trattato praticamente di una una truffa: infatti non solo non è stato organizzato e pubblicizzato a dovere ed è stato accompagnato da false promesse e minacce di precariato, ma spesso i lavoratori non sono stati messi nella condizione di poter votare. Di conseguenza a votare è stato il 40% dei lavoratori, di cui il 35% era sfavorevole. 
Contrariamente a quanto pretendono i confederali, a moltissimi lavoratori questo CCNL non va bene. Proprio per opporsi a esso a Firenze il 16 gennaio (h.14) si svolgerà un'assemblea chiamata dal Coordinamento Nazionale Autoferrotranvieri.
E’ importante sostenere le mobilitazioni di questi lavoratori e lavoratrici, troppo spesso, come di recente a Roma, accusati ingiustamente di essere dei fannulloni dai media e dai politici; infatti sono gli unici a poter fermare, lottando contro il peggioramento delle loro condizioni lavorative e cercando di migliorarle, il declino del trasporto pubblico locale e la sua privatizzazione, che porta poi, come è avvenuto a Firenze, a un evidente peggioramento del servizio... LA PAROLA AI LAVORATORI!

(Foto: Torange)

Questo articolo è stato pubblicato qui

loading...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità