Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Napolitano e Renzi: traduzione di una intervista

Napolitano e Renzi: traduzione di una intervista

Ogni volta che sento Napolitano ho un moto di ammirazione per Ratzinger. Benedetto XVI si è dimesso, dopo di che si è rinchiuso nel suo silenzioso eremo, diventando quasi invisibile, e se qualche rarissima volta, ha parlato, è stato solo in appoggio al suo successore. Uno stile ed una correttezza che gli vanno riconosciuti. Napolitano, invece, esterna a getto continuo come una condotta dell’acqua scoppiata.

D’accordo: ha diritto di parola come tutti, in più è senatore ed ex presidente, il che lo rende autorevole, ma nessun ex presidente, neppure Cossiga o Saragat, furono afflitti da una simile incontinentia externandi. Ci vuole misura in tutto. Il che, peraltro, la dice lunga sulla neutralità con cui ha esercitato il suo mandato.

Veniamo al merito. Il 22 us Napolitano ha concesso una alluvionale intervista al Messaggero (o anche qui riassunta) sul referendum costituzionale che lo vede fra gli sconfitti, come egli stesso ammette. Il succo della ennesima, lunghissima e non necessaria esternazione è che la colpa della sconfitta è tutta di Renzi. Per la verità, più ancora che di Renzi è del popolo bue che ha votato male e che, su certe materie, dovrebbe votare solo quando a ferragosto cade la neve, ça va sans dire, come aveva già affermato a proposito della Brexit.

Subito dopo il popolo che non capisce, è stata colpa di Renzi che ha personalizzato troppo il confronto, sottovalutando la sua impopolarità. E questo il past president lo aveva detto già sul finire della campagna elettorale.

Ma soprattutto la critica si incentra sulla infausta decisione di affiancare alla riforma costituzionale il nuovo sistema elettorale dell’Italicum che avrebbe fornito al no un formidabile argomento di propaganda. E qui il discorso merita qualche chiosa. In effetti, il “combinato disposto” fra legge elettorale e riforma costituzionale è stata il principale leit motiv della propaganda del no (è argomento che ho largamente usato anche io) e simmetricamente ha costituito il maggior punto di debolezza del SI, al punto di dover annunciare, in piena campagna, che l’Italicum sarebbe stato sostituito. Quindi, nell’appunto di Napolitano un elemento di verità c’è.

Però va anche detto che Italicum e riforma costituzionale erano un unico progetto in cui un elemento completava l’altro e Napolitano ne era perfettamente consapevole. Gli scrupoli sul doppio turno, per cui uno che ha preso il 20% al primo turno può prendersi un premio del 54% dei seggi, gli sono venuti solo dopo, quando ha visto che erano i 5 stelle a vincere i ballottaggi. Per tutto il periodo in cui si è discusso della legge lui non ha emesso fiato. Questo sarebbe stato per 9 anni il “garante della Costituzione”!!

Nessuno può dire che io abbia simpatie per Renzi, per carità, ma di fronte ad una simile maramaldata si deve per forza dare ragione al fiorentino che, peraltro, ci fa un figurone con il suo discorso dopo la sconfitta della quale si addossava l’intera responsabilità. Ad un avversario come Renzi si può rendere l’onore delle armi, ad uno come Napolitano no.

In ogni caso cerchiamo di capire il perché di questa sfuriata dell’ex inquilino del Quirinale. Solo un tentativo di fare scaricabarile? Sarebbe inutile perché, appunto, Renzi si è assunto la responsabilità in esclusiva. Lo sfogo di un rancore senile perché Renzi non lo sarebbe stato a sentire? Ma non pare che dal Colle siano venuti a Renzi particolari consigli, che peraltro, Napolitano non dice di aver dato. E comunque, l’ex Presidente è un animale a sangue freddo: se fa una uscita del genere non è solo per livore, ma c’è sempre un qualche disegno politico.

L’impressione che si ricava è quella di una lettera di licenziamento. Come si sa, i due non si sono mai amati e l’uomo del Colle avrebbe preferito di gran lunga Letta. Renzi fu accettato perché probabilmente avrebbe avuto la forza -che Letta non avrebbe avuto – di costringere tutto il suo partito sulla via della riforma costituzionale. Non è privo di significato che fra i due non siano affatto mancati sgarbi reciproci nei primi mesi di governo, mentre i rapporti sono nettamente migliorati dopo le elezioni europee del 2014, quando Renzi ebbe il famoso 40% che lo mise saldamente in sella.

Peraltro, dopo la bocciatura della Corte Costituzionale, il 3 dicembre 2013, tutta la maggioranza di governo fu concorde nel decidere una nuova legge elettorale maggioritaria e Napolitano era d’accordo. Questo fece sì che Renzi fosse accolto (o almeno sopportato) anche da molti di quei poteri forti che all’inizio non lo avevano visto con simpatia. E Napolitano si fece garante presso tutti per Renzi, in cambio della riforma costituzionale che stava a cuore a tutti. E forse, si pensava anche ad un’ulteriore e più radicale riforma dopo che il plebiscito avesse approvato questa prima rata. Un disegno che avrebbe potuto anche sopravvivere ad una sconfitta di misura (del tipo 48 a 52) ma che, dopo questa catastrofe, non può essere riproposto per un lungo periodo. Di qui la decisione di “licenziare” Renzi che non è stato capace di impedire questa sconfitta.

Napolitano (e chi gli sta dietro) non è minimamente interessato ad una seconda stagione renziana che vede incapace sia di arginare l’onda montante “populista”, sia di poter riattivare il ciclo di una riforma costituzionale. D’altra parte, Renzi non è neppure proponibile per un accordo con Berlusconi, dopo la rottura del gennaio 2015 e Napolitano pensa ad una “grande coalizione” sul modello della “cittadella europeista” che regge il governo a Berlino ed a Strasburgo.

Napolitano sa che una eventuale maggioranza M5s, Lega, Fratelli d’Italia potrebbe anche riaprire il fascicolo della sua messa in stato d’accusa e cerca di scongiurare questa eventualità.

Dunque, Renzi non serve più, va messo da parte e lasciato al suo destino quale che sia. La traduzione dell’intervista è: “Ti avevamo affidato un compito ma lo hai sbagliato. Ora te ne devi andare. Da tutto e per sempre”.

Non sembra privo di significato che non dica nulla su Gentiloni che potrebbe essere la nuova carta su cui puntare. Oppure non è da sottovalutare l’ipotesi di una carta Franceschini come risultante del “patto dei due presidenti”, purché rivolta anche essa ad una intesa “europeista”.

Forse Renzi avrà presto modo di constatare quale valanga di disgrazie seguirà questa intervista natalizia del suo ex garante.

Questo articolo è stato pubblicato qui

loading...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità