• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Mondiali 2014: i conti in tasca al Brasile

Mondiali 2014: i conti in tasca al Brasile

grafico_copa_educa_saude

La CUT, Central única dos trabalhadores, è, con i suoi sette milioni e mezzo di iscritti, il più importante sindacato del Brasile e dell’America latina ed è chiaro nell’appoggiare la Coppa del Mondo di Calcio in Brasile. Tradizionalmente vicino al PT e al Movimento dei lavoratori senza terra, ha diffuso dei dati che fanno chiarezza su costi e benefici del mondiale 2014. Riporto alcuni dati in maniera schematica rimandando al sito della CUT per maggiori dettagli.

1) I mondiali hanno comportato un investimento pluriennale di 8.5 miliardi di euro. Nel solo 2013 sono stati investiti 34 miliardi in educazione e 28 in salute. Durante il governo di Dilma Rousseff gli investimenti in salute ed educazione sono stati di 275 miliardi. Pochi o molti che siano i soldi investiti nella Coppa è falso dire che si siano spesi più soldi che in salute ed educazione.

2) La quasi totalità degli 8.5 miliardi di investimenti è sotto tre voci: a) i 12 stadi multifunzionali (che vivono 365 giorni all’anno, solo sognati in Italia): 2,7 miliardi; b) 42 grandi progetti di mobilità urbana (strade, metropolitane…) altri 2,7 miliardi; c) 30 aeroporti rinnovati o costruiti ex novo per 2,1 miliardi.

3) Sia gli stadi che i progetti di viabilità sono stati realizzati in parti quasi uguali con investimenti federali e locali. Gli aeroporti sono stati realizzati al 60% con investimenti privati.

4) La Coppa avrebbe creato circa 100.000 posti di lavoro e 165.000 giovani hanno frequentato o stanno frequentato corsi in turismo. La proiezione di crescita del PIL 2014 legato alla coppa è di 10 miliardi di €. È infine incalcolabile la ricaduta sulla conoscenza nel mondo dell’arte e della cultura brasiliana: soft power.

I dati offerti dalla CUT sono ufficiali e come tali criticabili a patto di metterli a confronto con fatti e non sensazioni e stereotipi. Il Brasile è in campagna elettorale e tutto vale per far fuori il più importante governo progressista al mondo.

LEGGI ANCHE: Mondiali di calcio: ovunque ma non in Brasile?

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità