• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Musica e Spettacoli > Ma "Che aria tira" in Italia?

Ma "Che aria tira" in Italia?

È uscito a fine marzo il nuovo album (etichetta Ala bianca/Warner) del gruppo etno-rock il Parto delle Nuvole Pesanti, che affronta molteplici tematiche sociali

 

Tre anni dopo il fortunato Magnagrecia, il gruppo etno-rock il Parto delle Nuvole Pesanti ritorna sulla scena musicale con l’ottimo Che aria tira (Ala bianca/Warner), il suo dodicesimo album, uscito a fine marzo. Fondato nel 1990 da Salvatore De Siena e Peppe Voltarelli, il Parto delle Nuvole Pesanti si è segnalato come uno dei complessi folk-rock più versatili dell’ultimo ventennio, capace di spaziare dalla world music alla canzone d’autore, con interessanti incursioni anche nel mondo del teatro.

Il gruppo calabro-emiliano oggi è composto, oltre che da De Siena (voce e chitarra), da Amerigo Sirianni (chitarra e mandolino), Mimmo Crudo (basso), Antonio Rimedio (fisarmonica e fiati) e Manuel Franco (batteria). Tra i suoi dischi più famosi, a parte Magnagrecia, ricordiamo: Roccu u stortu (2001), colonna sonora dell’omonimo spettacolo teatrale di Francesco Suriano e Fulvio Cauteruccio; Ho visto anche zingari felici (2003), cover del noto long-playing di Claudio Lolli pubblicato nel 1976; Il parto (2004), contenente la canzone Onda calabra, il cui videoclip è stato premiato all’VIII edizione del Meeting delle etichette indipendenti; Slum (2008), tratto dall’omonimo spettacolo teatrale diretto da Milvia Marigliano. Il nuovo album, mescolando armoniosamente musica popolare e atmosfere rock, affronta tematiche di stringente attualità, come la title track Che aria tira, dissacrante ballata che mette a nudo le incongruenze dell’Italia odierna, desiderosa di «aria pulita», ma ancora costretta a respirare «aria brutta».

Le altre nove canzoni del cd affrontano, oltre a temi sociali, anche problematiche esistenziali: La nave dei veleni, ispirata al libro di Carlo Lucarelli Navi a perdere (Edizioni Ambiente), denuncia la piaga dell’ecomafia; Crotone ricorda le devastazioni ambientali compiute dalla Pertusola Sud; Ho visto gente lavorare parla delle tragiche “morti bianche”; Vento di Scirocco è una esortazione ad apprezzare le gioie dell’esistenza; Qualcuno mi ha detto prende spunto dalle suggestive riflessioni della poesia Il più bello dei mari di Nazim HikmetVita detenuta è un j’accuse contro le disumane condizioni delle carceri italiane; Alì Ochalì tratta delle guerre di religione, narrando la storia di un condottiero ottomano di origini calabresi; Terapia sociale contesta il delirio della farmacologia, che spesso promette miracoli illusori; chiude l’album La poltrona, ironica tarantella sul trasformismo imperante nella politica italiana.

Per chi desiderasse un gustoso assaggio di Che aria che tira può visionare l’omonimo video – assai divertente – che i cinque musicisti hanno realizzato con la regia di Stefano Croci: 

 

Giuseppe Licandro

(LucidaMente, anno VIII, n. 88, aprile 2013)

 

Le immagini: una foto che ritrae Salvatore De Siena, Mimmo Crudo, Manuel Franco, Amerigo Sirianni e Antonio Rimedio (fonte: www.partonuvolepesanti.com/); la copertina del cd Che aria che tira.

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares