• sabato 19 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Politica > Lega e Mafia: 10 domande al Ministro Maroni
di WilNonleggerlo (sito) giovedì 18 novembre 2010 - 9 commenti oknotizie
3%
Articolo interessante?
 
97%
(41 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lega e Mafia: 10 domande al Ministro Maroni

1) Ministro Maroni, per molti anni la Lega Nord non ha avuto dubbi sulla mafiosità del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, arrivando a definirlo "brutto mafioso che guadagna i soldi con l'eroina e la cocaina", "bandito", "lestofante", "delinquente", "il camorrista mafioso di Arcore", uno che ha qualcosa di "nazistoide e mafioso", "Berlus-Cosa Nostra", "un palermitano che parla meneghino", "un palermitano nato nella terra sbagliata", "uno che ha fatto i soldi con la mafia", sostenendo che "Fininvest è nata da Cosa Nostra", che "al Nord la gente è ancora divisa tra chi sa che Berlusconi è un mafioso e chi non lo sa ancora". Nel 1998 Bossi dichiarò: "Fino a quando non sarà fatta chiarezza su che cosa è Forza Italia e su che cosa è la Fininvest, sulle finanziarie e su come pigliavano i quattrini, non ci potrà essere alcun dialogo con il Polo". Ecco, cos'è cambiato dal 2001 in poi, quali sono le prove -presu schiaccianti, vista la gravità delle accuse - che hanno dissipato ogni vostro dubbio?


 
2) Ministro Maroni, nel 1998 il quotidiano"La Padania" - organo ufficiale della Lega Nord - ha bombardato Silvio Berlusconi ed i propri uomini con una campagna giornalistica pesantissima, martellante. Alcuni titoli: "Soldi sporchi nei forzieri del Berlusca", "Un teste al processo Dell'Utri: fu Craxi a spingere B. in politica", "Silvio riciclava i soldi della mafia", "Tangenti alla Guardia di Finanza: Silvio condannato a 2 anni e 9 mesi", "Dove sono finiti i 1000 miliardi di Stefano Bontate?", "Un impero di prestanome: caro Silvio, perché li hai usati dal '68 all'84?", "Baciamo le mani", "Così il Biscione si mise la coppola", "Le gesta di LuckyBerlusca: il curriculum giudiziario del Cavaliere farebbe invidia ad un boss della mafia". Tale campagna sfociò in 10 domande chirurgiche, esplose in titoli a caratteri cubitali di questo tenore: "BERLUSCONI SEI UN MAFIOSO? RISPONDI!". Ministro Maroni: il Cavaliere ha mai risposto?

3) Ministro Maroni, come si pone nei confronti di Marcello Dell'Utri - suo compare in maggioranza - recentemente condannato anche in appello per Concorso Esterno in Associazione Mafiosa? Una decina d'anni fa dichiarava: "La richiesta di arresto per Marcello Dell’Utri è legittima, fondata e no persecutoria: l’ho valutata con attenzione e anche con sofferenza, ora si può decidere in piena coscienza. Sullo sfondo si intravede lo spettro di Cosa nostra, lo spettro della mafia". Oggi che sono stati provati i rapporti del Senatore Pdl con la mafia di Bontate prima, e quella di Provenzano e Riina poi, ora che i giudizi di merito si sono esauriti, perché la Lega Nord continua a trincerarsi in questo silenzioimbarazzante, in questa decennale omertà istituzionale?

4) Ministro Maroni, perché la Lega Nord ha prima negato l'autorizzazione all'arresto, e poi l'autorizzazione all'uso delle intercettazioni a carico del Sottosegretario e Deputato Pdl Nicola Cosentino, indagato per Concorso Esterno in Associazione Camorristica con accuse pesantissime?

5) Ministro Maroni, Roberto Saviano durante la trasmissione "Vieni via con me" ha dichiarato che la 'Ndrangheta al Nord dialoga con la Lega. Un'affermazione che probabilmente andava sviluppata meglio, probabilmente superficiale, ma quali sono le responsabilità del vostro partito nell'esplosione della mafia calabrese in molte zone del Nord Italia? Il vostro è un partito "radicato sul territorio", "vicino alla gente", giusto?, com'è possibile che in 20 anni di potere schiacciante abbiate permesso tutto questo, spesso negando l'entità del problema ed imbufalendovi con chi denunciava le infiltrazioni in molteplici settori dell'economia padana?

6) Ministro Maroni, come sa la vera forza delle organizzazioni criminali del nostro Paese è insita nella cosiddetta "Borghesia Mafiosa", e cioè in quell'insieme sconfinato di persone apparentemente per bene che consentono a Cosa Nostra, 'Ndrangheta e Camorra di proliferare, ingrandirsi, e debordare nell'economia legale. La Lega Nord in questi anni ha votato una quarantina di leggi-vergogna, provvedimenti che non solo hanno seviziato la Costituzione e permesso al Presidente del Consiglio di mantenere la fedina penale pulita, ma che hanno creato grave danno alla collettività, rallentando i processi, creando ingiustizia, rendendo le indagini più difficili. Sto parlando della riforma dei reati societari - a partire dall'abolizione del falso in bilancio - della riduzione dei termini della prescrizione, della infinita serie di condoni, edilizi, fiscali, tombali, della legge Cirami e di molto altro. Senza tralasciare la riforma che avrebbe tranciato le gambe all'utilizzo diintercettazioni telefoniche, per fortuna arenata in Parlamento Questa infinita serie di intralci al lavoro della Magistratura, quanto ha aiutato le mafie del nostro Paese?

7) Ministro Maroni, approposito di Pm. Perché avete permesso che il Presidente del Consiglio e la sua corte demolissero, delegittimassero con violenza inaudita l'immagine ed il lavoro della magistratura italiana? Giudici e Pm sono stati definiti Metastasi, Cancri, Anomalie, Cospiratori, Sovversivi, Comunisti, Antropologicamente Diversi, Mentalmente Disturbati. Attenzione, questi epiteti non sono stati attribuiti a magistrati disonesti (per altro quasi sempre vicini alla maggioranza), ma a tutti quelli che si permettevano di alzare la testa, e di indagare sulla classe dirigente più corrotta d'Occidente. Quella di cui lei fa parte, quella che conta un centinaio tra pregiudicati, indagati e prescritti tra Parlamento e Governo, record assoluto per il mondo democratico. Questo martellamento decennale, quanto ha ostacolato il decorso della giustizia, e quanto agevolato le mafie del nostro Paese?

8) Ministro Maroni, lei è probabilmente una persona onesta: non si sente un po' in imbarazzo nel condividere l'attività governativa con una persona più volte indagata per mafia, che ha offerto caffè ai più noti esponenti di Cosa Nostra (stando ad atti della magistratura), che continua a tacere sull'origine delle proprie fortune e che ha ospitato in casa (in casa!) per anni un pericoloso killer, bombarolo enarcotrafficante come Vittorio Mangano? Quando Silvio Berlusconi definisce il mafioso Vittorio Mangano "un eroe", quando Silvio Berlusconi attacca registi e scrittori e giornalisti che rischiano quotidianamente la pelle parlando di criminalità organizzata, lei cosa prova? Cosa ha provato oggi, sapendo che il quotidiano del Premier ha lanciato una nuova, brutale campagna contro Roberto Saviano, autore che vive da anni sotto scorta a causa della sua denuncia alla mafia, autore conosciuto ed amato dal mondo intero per il suo coraggio ed il suo impegno civile?

9) Ministro Maroni, negli ultimi 2 anni gli arresti sono stati tanti, questo è indubbio. Ma può spiegare a noi cittadini quale sia stato il suo contributo all'enorme lavoro di poliziotti e magistrati, quei professionisti schierati in prima linea spesso senza mezzi e risorse, con le stampanti scariche e le auto prive di benzina, quei professionisti che in molti casi hanno visto nello Stato un nemico, e non un partner affidabile? Perché oggi nessun giovane vuole più fare il magistrato, quali sono le responsabilità della Lega Nord, e del Governo di centrodestra?
 
10) Ministro Maroni, nel luglio 1998 il leader leghista Umberto Bossi rilasciò queste dichiarazioni: "La caduta del governo Berlusconi? Il Cavaliere venga da me, che gliela spiego io ...! Sono stato io a metter giù il partito del mafioso. Lui comprava i nostri parlamentari e io l'ho abbattuto". Oggi, stando alle dichiarazioni diparlamentari dei partiti più disparati e di alcune indagini, sappiamo che il vostro alleato non ha mai smesso di provare a comperare - spesso con successo - Deputati e Senatori della Repubblica italiana. Caro Ministro, perché la Lega si fa complice di queste dinamiche, dopo averle denunciate con tanta forza solo una decina di anni fa? Caro Ministro, la Lega si sarà mica venduta a Silvio Berlusconi?


di WilNonleggerlo (sito) giovedì 18 novembre 2010 - 9 commenti oknotizie
3%
Articolo interessante?
 
97%
(41 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione