• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Le domande senza risposta sulla “democrazia digitale” del M5s

Le domande senza risposta sulla “democrazia digitale” del M5s

«Che cos’è? Una piattaforma? Un portale? No, è il Sistema Operativo del M5S», scrive Beppe Grillo, dopo mesi e mesi di promesse e ritardi della fantomatica «applicazione» (così la chiama Casaleggio, almeno lui usa il termine giusto, Beppe?) per la democrazia digitale del MoVimento 5 Stelle.

Ma guai a fare domande. Chi osi ricordare all’ex comico le sue promesse è scemo oppure orbo, scrive con la consueta volontà di confronto. E le domande non sono nemmeno tali: sono «tiritere da giornalista pidimenoellino».

Siccome è un anno e mezzo che cerco di porgli domande sull’argomento (a lui o a Casaleggio) senza successo, e siccome credo che la promessa di democrazia digitale sia una cosa complicata ma seria, vorrei proseguire la mia tiritera (pur da noto astensionista, mi spiace Beppe) ricordando al «capo politico» del movimento e al suo antiquato ideologo quello che da qualche tempo tutti hanno potuto registrare con le proprie orecchie. Sì, anche noi pennivendoli:

«Per le politiche i candidati del M5S saranno scelti on line e il programma sarà discusso e completato attraverso una piattaforma in Rete» (16 settembre 2012).

«P come Programma: Il Programma del M5S esiste (chi dice il contrario mente) ed è visibile sul blog. Prima delle elezioni politiche sarà integrato e migliorato dagli iscritti al M5S attraverso una piattaforma on line» (Beppe Grillo, 6 novembre 2012).

«In futuro tutte le proposte confluiranno nella piattaforma Liquid Feedback, gli specialisti le scriveranno e i cittadini potranno votare la scelta migliore» (Beppe Grillo, 22 marzo 2013).

«L’applicazione per la discussione da parte degli iscritti delle proposte di legge dei nostri parlamentari sarà rilasciata entro il mese di settembre» (Beppe Grillo, 19 settembre 2013).

Insomma, una piattaforma che non è piattaforma, che è in arrivo ma non deve arrivare (guai a dire il contrario), che serviva per integrare un programma che non è stato integrato e per discutere insieme leggi che non sono state discusse.

Il tutto proprio mentre alcuni eletti del M5S incalzano sull’argomento (Orellana: «Ancora una volta lo staff ci prende in giro»; Battista: «Non pervenuta»), e a breve distanza dalla scomunica (incomprensibile secondo la logica di Grillo per cui i cittadini devono attivarsi e fare da soli, non aspettare sia lui a fare per loro) dell’unico tentativo concreto visto finora di democrazia digitale «liquida» nel movimento, il "Parlamento Elettronico". Un caso?

Più che una «tiritera» sembrano legittimi dubbi, caro Beppe. E il fatto che non giungano mai risposte nel merito non fa che confermarlo.

Ancora. Sì, sappiamo che l’«applicazione» è in fase di test. Ma come mai circondare di tanta segretezza un lavoro che gli attivisti locali hanno invece condotto in modo totalmente trasparente, coinvolgendo i «cittadini»? Si può sapere se, per esempio, sarà a codice aperto o meno? Chi la sta sviluppando e come? Con quali costi? Come mai le caratteristiche non sono discusse a loro volta in rete? E tante altre tiritere che ti risparmio, Beppe, perché tanto non hai le risposte.

Foto: Paolo Mariani69/Flickr

Questo articolo è stato pubblicato qui

I commenti più votati

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.83) 4 ottobre 2013 12:01

    Ma sbaglio o ha detto che sara’ liquid feedback ?
    Allora tutte le informazioni le potete trovare qua: http://liquidfeedback.org/

    • Di (---.---.---.50) 6 ottobre 2013 09:03

      Sì, ma non è questo il punto dell’articolo. Tutti sappiamo cos’è LiquidFeedback.
      Il nocciolo dell’articolo è questo: è stata promessa da anni, ma ancora non si vede. Inoltre non si sta parlando delle caratteristiche che avrà questa piattaforma: l’autore si chiede giustamente se il codice sarà aperto oppure no, e tante altre domande che non hanno nulla a che fare con la tecnologia LF in generale. Un consiglio spassionato: leggeteli gli articoli, prima di commentare.

  • Di (---.---.---.27) 4 ottobre 2013 22:55

    questo movimento non ha più nulla da dire, nel momento in cui ha deciso di entrare ed aderire alla nuova Casa del Fascio (Parlamento), vera sede politica dell’antisocialismo contemporaneo.
    le vere opposizioni si fanno sotto le mura del Regnante.

  • Di (---.---.---.22) 6 ottobre 2013 15:52

    Chiedo scusa, ma ho una domandina per l’autore (e per tutti quelli che si preoccupano per le sorti del M5S).
    Scusate, ma a voi cosa interessa cosa faccia e come si organizzi il M5S, visto che non lo votate e non ne fate parte alcuna?
    Se non vi piace, continuate a non votarlo e casomai criticate le sue posizioni politiche rispetto ai problemi del Paese: magari, criticate le soluzioni che propone, se non siete d’accordo.
    Ma perchè mettete bocca sulla sua organizzazione interna? Non è mica casa vostra!
    Capisc’ a me smiley

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares