• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > La scuola bocciata. Un libro di Tommaso Travaglino

La scuola bocciata. Un libro di Tommaso Travaglino

Il professore, dopo averci a lungo pensato, ha maturato la sua decisione: prenderà un anno sabbatico. È irrevocabile: lui pensa a lungo prima discegliere, valuta pro e contro da ogni angolazione, ma quando decide… non c’è appello. Forse è una “testa dura”, come dice qualcuno; o forse ha capito meglio degli altri che la sua aspirazione non può più aspettare: deve mettersi a scrivere.

E i suoi alunni, che dice di amare al di sopra di ogni altra cosa? Sarà dura, ma li rivedrà l’anno prossimo. E come farà per dodici mesi senza stipendio? Tutto calcolato, ha già chiesto un prestito. L’impulso, ormai, non può più essere tenuto a freno: le cose tutt’intorno si sono fatte talmente gravi che il solo attendere un minuto di più sarebbe un delitto… Un libro fatto di storie, al plurale, ci tiene a sottolineare l’autore nell’Introduzione: non una narrazione lineare e velatamente autobiografica, bensì il resoconto intrecciato e schietto degli incontri avuti negli ultimi anni con discenti, colleghi, dirigenti, incaricati ministeriali; le impressioni, le conseguenze, le riflessioni. Soprattutto sul marcio che alligna a volte in quell’istituzione che chiamiamo scuola e che dovrebbe venir ritenuta sacra da tutti, anche solo per il fatto che è lì che i nostri figli apprendono in buona parte la vita e prefigurano il loro ruolo nel mondo.

Per cui un episodio di corruzione in azienda o al comune fa schifo; ma fa scandalo (o, almeno, dovrebbe farlo) a scuola. Una scuola vista dall’interno nelle tante défaillance, ma anche nelle mille potenzialità che andrebbero risvegliate e rinvigorite. Da uno scrittore che, oltre a essere docente, è giornalista ed è stato sindacalista e formatore degli insegnanti.

T. Travaglino, La scuola bocciata. Viaggio nel lucido delirio della scuola italiana, ed. Dissensi, 2014, pp. 195, euro 14,90.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità