• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Religione > La classifica della violenza religiosa

La classifica della violenza religiosa

di Raffaele Carcano*

Come hanno mostrato Nick Hornby e l’IFFHS, all’umanità piace redigere e commentare ogni tipo di classifica, anche la più strampalata. Anche gli increduli non si sottraggono a questo passatempo, dedicandosi periodicamente a cercare di stabilire quale sia la religione peggiore. C’è chi ha risolto la questione con un moto di spirito («Le religioni non sono tutte uguali, sono ognuna peggiore dell’altra»), e c’è chi dedica settimane a disputare con i sostenitori dell’opinione opposta. Perché, alla fine, la controversia viene sempre ristretta a due sole fedi: l’islam e il cristianesimo. Con l’aggiunta, talvolta, di un terzo monoteismo, l’ebraismo.
Non c’è, ovviamente, alcun criterio oggettivo per stabilire quali requisiti debba avere la religione «pessima». Si tende, in genere, a far riferimento alla pratica della violenza, interna ed esterna, ma anche in questo caso non è facile fissare graduatorie: l’islam è stato molto più tollerante nei confronti dei non musulmani quando aveva un impero conquistato con le armi di quanto lo sia ora negli stati, anche minuscoli, in cui predomina; il cristianesimo non ha avuto alcuna pietà per il dissenso interno per quasi un millennio e mezzo, ma è indubbio che libertà religiosa e laicità siano concetti nati in paesi a predominanza cristiana. Se anziché alla storia ci si rifà ai testi sacri, la sostanza non cambia: Bibbia e Corano contengono tutto e il contrario di tutto, e infatti sono stati oggetto di infinite interpretazioni sia tolleranti, sia (molto più spesso) intolleranti. La conversione dell’intera umanità è pretesa sia dal Vecchio Testamento (Is 46,20-25), sia dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 10,16), sia dal Corano (8,38-40), ed è stata perseguita con la spada da tutti gli eserciti (giudei, cristiani, musulmani) che si sono in seguito rifatti a quelle parole. Anche la pena di morte per gli apostati, supportata da parole contenute nei libri (ritenuti) sacri, è stata prevista, comminata ed eseguita da rappresentanti di tutti e tre i ‘grandi’ (?) monoteismi. Ma anche il mazdeismo – da cui tutti e tre, direttamente o indirettamente, discendono – supportò campagne espansioniste basate sulla richiesta di Zarathustra di convertire l’umanità. E il simbolo più diffuso della religione sikh, il terzo monoteismo più diffuso del pianeta, è una spada a doppio taglio: i suoi fedeli devono indossare un pugnare rituale, e devotamente lo indossano.

Del resto, è vero che l’islam assicurò tolleranza, ma i non-musulmani dovevano pagare robuste tasse al califfato: quando cominciarono le conversioni interessate di chi non voleva più pagare imposte, le persecuzioni si intensificarono. Come è pure vero che libertà religiosa e laicità non furono certo volute dalla Chiesa: furono piuttosto un effetto collaterale della Riforma, e nemmeno immediato (il XVI secolo fu l’epoca in cui le Inquisizioni, quella cattolica e quelle protestanti, diedero il peggio di sé): la loro diffusione fu dovuta, all’inizio, alla convivenza forzata di confessioni cristiane di equivalenti dimensioni, e poi dalla decisione autocratica di sovrani illuminati, che apprezzarono i vantaggi che assicuravano.

La realtà è che homo sapiens è una specie capace di ‘accendersi’ facilmente, come mostra l’esperienza di molte riunioni condominiali: e l’appartenenza al gruppo enfatizza questa brutta eredità biologica. Accade ai tifosi di una squadra di calcio come ai ‘pacifici’ buddhisti (lo zen costituì un formidabile propellente delle avventure militari giapponesi), e può in teoria accadere ai soci UAAR così come ai membri di una bocciofila. Nessuna comunità è deterministicamente immune da qualche sbocco di violenza: inutile stilare classifiche, serve semmai capire come prevenirli.

La strada migliore è, probabilmente, pretendere e valorizzare quelle organizzazioni che assicurano già al loro interno democrazia e libertà di espressione, e che non si fanno promotrici di concezioni intolleranti nei confronti di chi non ne fa parte. Chi fa propri certi valori già a casa propria sarà infatti più ‘allenato’ a praticarli anche all’esterno. È una scelta, questa, che spetterebbe alle istituzioni fare, visto che in gioco ci sono principi costituzionalmente affermati, ma che è difficile che possa essere compiuta, in Italia, da partiti che sembrano prediligere la rissa e privilegiare la carriera di chi è più bravo di altri nell’alzare la voce durante i dibattiti in tv.

Le religioni non sono meglio: le posizioni estremiste sembrano essere più premianti. La ‘base’ sembra invece più tranquilla, almeno di default: non esistessero gli incendiari, si avrebbero probabilmente molti meno incendi. La maggior parte dei devoti (non solo cristiani) non prende nemmeno parte al culto settimanale, e questo già prova, di per sé, che l’integralismo è fenomeno di minoranza. La circostanza trova tuttavia riscontro anche nelle ricerche sociologiche: il World Values Survey, condotto tra il 2005 e il 2008 in 57 paesi di tutti e cinque i continenti, mostra che due terzi del campione concorda con l’affermazione che i leader religiosi non dovrebbero influenzare il voto, mentre soltanto il 15,7% si è dichiarato in disaccordo. La medesima domanda, riferita però al governo, ha dato risultati analoghi: il 64,4% d’accordo, il 18,6% in disaccordo. La palma di nazione con la popolazione più laica è andata, in entrambe le inchieste, a Taiwan (87,8% e 84,5% rispettivamente), seguita dalla Norvegia e, a sorpresa, dalla Polonia. La palma di popolazione meno laica è andata agli Stati Uniti (39,6% e 50,7% rispettivamente), seguita da Messico e Perù. Il parere del campione raccolto negli stati a prevalenza musulmana ha evidenziato un disaccordo ‘medio’: per la cronaca il 28,4% e il 25,2% in Marocco, il 17,7% e il 27,7% in Iran, Giordania 18,6% e 17,6%, Indonesia 10,8% e 26,1%, Mali 16,2%, Malaysia 8,8% e 13,7%, Turchia 9,2% e 11%.
Che lezione possiamo trarne? Che le popolazioni non sono più o meno integraliste a seconda della religione che professano. E che il pericolo viene quindi soprattutto da chi dà credito, fiducia e privilegi agli intolleranti. Si potrebbe dunque dire che la religione peggiore è quella i cui gli integralisti (presenti ovunque) trovano più credito nelle stanze del potere, non solo politico. E che ai non credenti, piuttosto che stilare classifiche, spetta semmai il compito di incalzare chi occupa quelle stanze e di convincerlo a cambiare strategia.

* Studioso della religione e dell’incredulità, curatore di Le voci della laicità, coautore di Uscire dal gregge, segretario UAAR

NB: le opinioni espresse in questa sezione non riflettono necessariamente le posizioni dell’associazione.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares