• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’umanesimo marittimo diventa necessario

L’umanesimo marittimo diventa necessario

Nel mese di febbraio 2006 un giornale straniero pubblicava un articolo in inglese dal titolo tradotto: "Aumento delle morti innaturali tra i marinai". In questo articolo veniva riportata la preoccupazione delle Autorità locali verso fatti a dir poco sconcertanti: marinai spinti o saltati in mare, elementi psicolabili, uccisioni e suicidi. Leggendo queste cose viene spontaneo chiedersi: siamo nel medioevo o nel terzo millennio?

I marittimi a cui si riferiva l'articolo sono noti per la loro mitezza, capacità di adattamento e per il rispetto verso gli altri. Cosa ha potuto provocare questo cambiamento in diversi di loro se non lo sfruttamento continuato, che alla fine ha portato a reazioni incontrollabili? E' lo stesso sfruttamento che sta provocando, in tutto il mondo, una continua fuga dell'uomo dal mare.

Questi fatti vanno oltre la già, di per sé, pesante gravità di atti incontrollabili, poiché è risaputo che circa il 90% delle merci viaggia via mare, e se non si riuscirà a frenare la fuga dal mare la società mondiale potrebbe rischiare la paralisi totale.

Poco si sta per ora facendo per invertire la tendendenza: in giro si legge, tra l'altro, anche di soluzioni che potrebbero apparire appartenenti ad un filone cinematografico comico - brillante, come il voler realizzare films di propaganda da utilizzare per invogliare le donne e madri di famiglia a spingere i propri uomini verso la carriera marittima, senza, in questo caso, considerare il grande valore che la Gente di mare del XXI secolo da alla famiglia e alla vicinanza ai propri cari.

A nostro avviso esiste un'unica soluzione accettabile, proposta dalla Chesa durante l'ultimo convegno internazionale dell'Apostolato del mare, e cioè l'agire verso lo sviluppo di un vero e proprio umanesimo marittimo.

Protagora affermava che l'uomo è la misura di tutte le cose....E se si vuole raggiungere un vero equilibrio sociale la globalizzazione va orientata maggiormente verso l'uomo, altrimenti il rischio di una paralisi sociale, alla luce di quanto sopra, potrebbe divenire più che possibile..

Articolo correlato

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares