• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Israele e Palestina: Popoli ostaggio dell’ottusità

Israele e Palestina: Popoli ostaggio dell’ottusità

In Cisgiordania, Israele e Gaza continuano gli omicidi come quelli di Juliano Mer-Khamis e Vittorio Arrigoni. Due persone, di tante che hanno avuto il coraggio di dare una mano all’umanità meno fortunata, ritenute pericolose più dei terroristi, o bollati come “traditori”, come le decine di esponenti dell’intellighenzia israeliana che hanno chiesto la nascita di uno Stato di Palestinese.

In questi ultimi mesi il Mondo arabo ha monopolizzato il panorama informativo con le proteste e rivolte per rivendicare il diritto alla democrazia, offuscando le notizie sulla sorte degli eritrei ed etiopi in ostaggio di predoni nel deserto del Sinai e, sino a pochi giorni fa, di un Medio oriente ferito dal continuo scambio di razzi contro missili, tra Hamas e Israele, coinvolgendo la popolazione civile di ambo gli schieramenti. Una tensione che non si attenua neanche quando si raggiunge temporanei accordi per sospendere le ostilità, anzi si accresce, come dimostrano i recenti omicidi di due persone impegnate nella solidarietà.

Ai primi di aprile viene ucciso l'attore israeliano Juliano Mer-Khamis (nella foto), promotore in Cisgiordania del "Fredoom Theatre" e autore del documentario "Arnàs Children". La notizia della morte dell’attivista filo palestinese, di padre palestinese e madre ebrea, in Italia è passata distrattamente tra le righe di un paio di quotidiani e qualcosa di più sulla rete, ma ben altro interesse ha suscitato sui giornali e i siti inglesi, statunitensi, arabi e israeliani. L’omicidio di un cinquantaduenne arabo di Israele, avvenuto con cinque colpi di pistola nel campo profughi di Jenin, seguito da quello del volontario italiano dell’International Solidarity Movement Vittorio Arrigoni, rapito e strangolato a Gaza.

Due omicidi attribuiti a gruppi estremisti islamici, per la gran parte dell’opinione pubblica, ma c’è chi vuol vederci, dietro la morte di Juliano Mer-Khamis, la mano israeliana e in particolare dello Shin Bet, il Servizio di sicurezza generale per gli affari interni, poco più di una tesi apparsa sul blog Palaestina Felix che l'Anp (Autorità nazionale palestinese) ha subito smentito con l’arresto di un militante di Hamas (Jerusalem Post: PA forces nab Hamas suspect in Mer-Khamis murder), considerato implicato, mentre per Vittorio Arrigoni Hamas ha individuato gli autori dell’assassinio nell’ambito degli oltranzisti islamici.

Juliano Mer-Khamis si sentiva 100% palestinese e 100% ebreo, Vittorio Arrigoni era schierato in difesa dei deboli, accompagnando i pescatori e i contadini nel loro lavoro quotidiano. Entrambi criticavano la politica israeliana nei confronti della minoranza araba e palestinese.

Vittorio Arrigoni non è stato mai tenero con il governo israeliano, come si evince negli interventi sul suo blog, specialmente durante l’operazione israeliana “Piombo fuso” e poi ordinati nel libro “Gaza, Restiamo Umani” (Manifestolibri, 2009), cogliendo tutta l’indignazione di chi ha vissuto in prima persona una inumana azione nella Striscia che ha fatto numerose vittime civili, come ritorsione ai continui lanci di missili.

Erano due dei tanti che hanno avuto il coraggio di dare una mano all’umanità meno fortunata e certe volte le persone come Juliano e Vittorio possono essere più pericolose dei terroristi, anche quando uno opera per una convivenza e l’altro per garantire un’immediata sopravvivenza.

La morte di Juliano potrebbe significare la conclusione dell’esperienza di un teatro educativo, continuazione dell’opera dalla madre Arna Mer Khamis, con i bambini nei Territori occupati, ma non della speranza di condivisione tra i due popoli.

Per Vittorio usare termini come 'combattere' appare inopportuno in una terra martoriata dalla violenza, per descrivere il suo lavoro nella striscia di Gaza, ma forse non improprio, nella sua accezione violenta, per chi osteggiava l’arroganza dei militari israeliani, operando per il diritto a vivere, condannando l’appropriazione indebita di terre ed edifici da parte israeliana che persevera nell’azione di ebraicizzazione di vaste aree, Gerusalemme n’è un esempio, spingendo ed emarginando in zone aspre la componente palestinese presente in Israele.

Vittorio era maggiormente interessato alla quotidianità dei palestinesi più che a cercare un dialogo tra le persone di quei territori e la scelta della madre di non far transitare la salma del figlio per Israele, perché da sempre ritenuto persona indesiderata, non abbassa i toni del confronto e non aiuta a trovare un barlume di umanità tra posizioni interscambiabili tra aggressori e aggrediti, con chi si difende e chi offende.

Tra gli ultimi eventi di un continuo uccidersi a vicenda, un poliziotto palestinese uccide il nipote ministro israeliano degli Affari culturali Limor Livnat, per una mancata comunicazione sulle intenzioni del gruppo, di cui faceva parte il nipote del ministro, nel recarsi a Nablus (Cisgiordania). Un pellegrinaggio alla tomba di Giuseppe, effettuato senza autorizzazione dell'esercito israeliano e che sarà di fonte di nuove tensioni con l’Anp (Autorità nazionale palestinese).

Un pertugio di speranza per una pacifica coesistenza viene da Tel Aviv, dove decine di intellettuali hanno chiesto la creazione di uno stato indipendente, con la petizione presentata da esponenti della cultura israeliana nella Independence Hall, dove David Ben Gurion proclamò 4 maggio 1948 la nascita dello Stato d'Israele, commentata da Yael Dayan, figlia dell'ex generale Moshe Dayan con: "Nel 1948, è stato il nostro turno, ora è la loro", per uno Stato di Palestina entro i confini del 1967.

Un’iniziativa che potrebbe dare stimolo al proposito dei palestinesi di ottenere a settembre dall’Assemblea Generale dell'Onu, il riconoscimento di un proprio Stato da proclamare unilateralmente.

Decine di esponenti dell’intellighenzia israeliana, alcuni vincitori del Premio Israele, chiedono di terminare l’occupazione, una premessa fondamentale per la liberazione dei due popoli, riferito alla risoluzione di partizione delle Nazioni Unite del 1947 e presente nella Carta di Indipendenza di Israele.

I promotori della petizione vengono stigmatizzati come “traditori” e, come ai palestinesi, destinati ad essere buttati in mare.

In Israele, come in Cisgiordania e a Gaza, ci sono molti “traditori” che non complotta nell’oscurità per danneggiare il prossimo, alla luce del sole, gettando le basi, tra mille difficoltà e incomprensioni, per una convivenza tra le persone. Persone che non possono, secondo alcune pretesa, essere “buttare in mare”, un’invocazione che accomuna gli ottusi di tutto il Mondo verso ciò che non si comprende.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.143) 26 aprile 2011 11:23

    Interessante e completo il punto di vista di questo articolo. E’ giusto portare alla luce come,al di là dell’evidente disumanità con la quale continua ad agire la politica ufficiale israeliana nei confronti del popolo palestinese,ci sia,anche all’interno di Israele,un forte dissenso e una critica a questa politica,che crescono costantemente.

    E’ importante che si sottolinei anche qs aspetto,perchè la sola e semplice demonizzazione dello stato di Israele,ovvero la logica della distruzione di Israele,nn è percorribile ne corretta.

    La soluzione dei 2 stati,probabilmente con Gerusalemme capitale "condivisa" posta sotto il controllo internazionale,credo sia l’unica che potrà portare un po’ di pace in questa terra,anche se questo significherà che entrambe le parti dovranno rinunciare a qualcosa. E’ questa la difficoltà più grande.... l’essere umano,con splendide illuminate eccezioni,purtroppo è avido e spesso incapace di vedere il suo stesso bene....

    Juliano Mer Khamis era un grande uomo,un uomo di pace impegnato in un lavoro delicato e stupendo,che era quello di far crescere insieme ragazzi palestinesi ed israeliani,mettendoli vicini attraverso l’arte e il teatro. 
    Di Vittorio Arrigoni si è detto tutto in questi ultimi tristi giorni.....era un’anima nobile e coraggiosa...
    Possano entrambi,Juliano e Vittorio,riposare insieme nella terra dei giusti e ispirare le nostre lotte e i nostri passi!

    Nonostante tutto,restiamo umani

    Andrea da Aosta
  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.20) 26 aprile 2011 13:37
    Damiano Mazzotti


    Finchè nelle scuole verrà esaltato il nazionalismo acritico l’umanità non potrà fare progressi...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares