• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Indesit: gli operai della provincia di Caserta chiamano alla (...)

Indesit: gli operai della provincia di Caserta chiamano alla mobilitazione

Il 4 luglio gli operai dell’Indesit di Teverola-Carinaro, supportati dai comitati nati a loro sostegno, hanno indetto una grande manifestazione che percorrerà le strade di Carinaro e di Aversa, in provincia di Caserta.

Obiettivo della rabbia dei lavoratori e delle loro famiglie è ancora il drastico piano industriale presentato dai vertici aziendali, che prevede 540 esuberi nel solo stabilimento di Teverola (CE) più altri licenziamenti negli impianti di Fabriano (in prov. di Ancona) e la delocalizzazione in Turchia e Polonia.

Diverse le iniziative messe in campo nelle scorse settimane: scioperi e cortei ai quali l’azienda ha sempre risposto una chiusura senza possibilità di mediazioni.



Ancora stamattina (3 luglio), all’incontro tenutosi al Ministero dello Sviluppo Economico tra sindacati e vertici aziendali, questi ultimi hanno ribadito la volontà di ridimensionare la presenza in Italia e di procedere con le delocalizzazioni.

Il prossimo incontro è fissato per il 16 luglio; ma i lavoratori non sono disposti ad aspettare e per questa ragione hanno deciso di riversarsi nelle strade dell’aversano per raccogliere la solidarietà e il sostegno dell’intero territorio e per spingere l’azienda ad arrivare a una soluzione che non penalizzi i livelli occupazionali in una delle provincie a più alto tasso di disoccupazione d’Italia. Il corteo partirà alle ore 10:00 dal parcheggio Pala Igloo di Carinaro.

Sosteniamo la lotta degli operai dell’Indesit!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.159) 4 luglio 2013 00:48

    Vivo all’estero, peró frigo, congelatore, lavatrice e lavastoviglie sono Indesit. Abbiamo comprato tutto di questa marca perché italiana. Ero fiero di mostrare a mia moglie che il made in Italy non ha rivali. E sapete che vi dico? che non sbagliavo.Prodotti di prima qualitá a prezzi competitivi. E adesso?? spostano la produzione in Polonia? ok, vorrá dire che i prossimi saranno di altra marca. 


    Minacciamo in massa di boicottare indesit in Italia e all’estero, boicottiamo tutte le marche delocalizzano, Fiat tanto per cominciare, dichiariamo guerra alle imprese che hanno vissuto per anni di sovvenzioni statali pagate da noi e che adesso fanno le valigie per andare in posti dove la tutela sindacale non esiste, e dove per un pezzo di pane lavori tutto il giorno.
    Che vergogna di impresari.

    Forza ragazzi, almeno voi, reggete.occupate la fabbrica e collettivizzatela se necessario. Il popolo é con voi, anche se queste parole possono sembrare oramai anacronistiche. La rivoluzione nasce e cresce nelle fabbriche. Ci restate soltanto voi.
    • Di (---.---.---.159) 4 luglio 2013 13:01

      come Collettivo Clash City Workers ti ringraziamo per questo commento, che condividiamo in gran parte... Solo una cosa: per noi il problema non è tanto il "made in Italy", ma lo sfruttamento operaio a livello internazionale. il capitale per i suoi interessi licenzia qui e va a investire dove può pagare meno e sfruttare di più. Insomma: due cose sbagliate con la stessa mossa... e fa pensare che non esistono padroni buoni...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares