• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Religione > Il vangelo secondo George Bernard Shaw

Il vangelo secondo George Bernard Shaw

“Sia fatta la sua volontà” si può definire come l’interpretazione sintetica del vangelo secondo George Bernard Shaw. Lo scrittore scrisse “Prefazione sul Cristianesimo” nel 1915 come introduzione ad un’opera teatrale e questa è la prima traduzione italiana (www.chiarelettere.it, settembre 2011).

Shaw valuta il pensiero di Gesù dal punto di vista politico e l’apertura mentale e politica dello scrittore irlandese è stata presa a prestito anche da Robert Kennedy che utilizzò questa citazione: “Alcuni uomini vedono le cose così come sono e si chiedono: perché? Io sono le cose come non sono mai state e dico: perché no?”.

In questo caso la visione protestante di un irlandese atipico può approfondire più liberamente la critica delle principali versioni ufficiali e a volte contrastanti del pensiero di Gesù. In effetti la tradizione scritta dei vangeli deriva da una precedente tradizione orale, perciò può risultare imprecisa. Naturalmente ogni versione rispecchia il punto di vista del singolo apostolo “scrittore”.

In ogni caso Gesù appare un profeta libero pensatore che voleva rinnovare le relazioni tra le persone a tutti i livelli: personale, familiare, sociale, economico, politico e religioso. Comunque per Shaw l’apostolo Matteo ha lo stile del cronista, Luca, quello dell’artista, Marco ha il dono della sintesi e Giovanni racconta la sua testimonianza da discepolo che si sente prediletto.

Delle varie considerazioni espresse quella più significativa è questa: Gesù predica alle persone di cultura nelle sinagoghe e agli analfabeti nelle piazze, e nega la superstizione che considera la sofferenza come una cosa grata a Dio. Il suo messaggio è questo: “Misericordia io voglio, e non sacrificio” (Matteo).

E invece ancora oggi troppi sacrifici davvero intollerabili ci vengono richiesti dagli uomini religiosi, dai politici, dai banchieri e dagli economisti. Con il risultato che la maggioranza di noi è costretta a lavorare a retribuzioni minime ai limiti della sopravvivenza, “con l’ulteriore anomalia per cui la quota maggiore” va a chi non lavora affatto, “e il minimo a chi” sgobba di più. Però nel 1915 le cose andavano peggio: “in Inghilterra nove decimi della ricchezza del paese finiscono nelle tasche di un decimo della popolazione” (in quel periodo iniziò la prima guerra mondiale).

“Prima sfamali, e poi vai a chiedere loro la virtù”, dice il personaggio del Grande Inquisitore di Dostoevskij. E in effetti senza aver la pancia piena non si può pensare liberamente perché la mente è troppo impegnata nella ricerca diretta e indiretta del cibo. Ma gli uomini al potere, religiosi e non, ci vogliono bisognosi, affamati e a volte anche impegnati a cercare un secondo o un terzo lavoro, perché così non troviamo il tempo per ragionare, protestare e reclamare i nostri diritti.

La vera libertà consiste nella responsabilità di informarsi e nella fatica di ricerca la verità. Se la libertà riesce a comunicare con uomini liberi prima o poi scopriamo la verità. E falsità come questa: “La gioventù di oggi è corrotta fino al midollo. E' cattiva, atea e pigra. Non sarà mai ciò che deve essere la gioventù, né sarà capace di preservare la nostra cultura” (da un’incisione su una tavola babilonese commissionata da vecchi che avevano concentrato molti beni e poteri).

Quindi in alcuni casi e in alcuni paesi è necessario elogiare la libertà della fuga, concetto molto chiaro anche a Gesù che infatti affermò: “Quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra”. Infatti le società più antiquate sono basate su istituzioni, gerarchie e menzogne, mentre le nuove società si realizzano attraverso la partecipazione dal basso e la comunicazione scientifica. Però i mezzi tecnologici non devono essere disumanizzanti, dato che “la comunicazione avviene quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento d’anima” (Henri Luis Bergson, filosofo francese).

Inoltre l’economia dovrebbe essere riprogettata per garantire dei buoni rapporti umani: una ricerca di una fondazione americana che ha coinvolto un intero settore economico ha dimostrato che per ottenere un ambiente di lavoro positivo, motivante e molto produttivo “bisogna impegnarsi seriamente a trattare con più rispetto i subordinati” (Alfonso Aguilò, vice-presidente dell’Istituto Europeo di Studi sull’Educazione di Madrid).

Perciò un amministratore delegato che guadagna 40 o 400 volte di più del suo dipendente medio, demotiva e umilia quasi tutti i suoi dipendenti e produce danni economici incalcolabili a tutta la comunità (a medio e lungo termine).

Infine bisogna sottolineare che Shaw è un grande enigma psicologico poiché è forse l’unico scrittore che è riuscito a diventare simpatizzante delle tre personalità più antitetiche della storia umana: Gesù, Hitler e Stalin (fonte Wikipedia). E siccome lo scrittore irlandese era vegetariano come Hitler, si può tranquillamente affermare che essere vegetariano non significa essere emotivamente sano.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares