• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Il ritorno di Marx dopo un lungo oblio

Il ritorno di Marx dopo un lungo oblio

La crisi del marxismo dopo gli anni Settanta e l’esigenza di rifondare, in chiave anticapitalistica, la dialettica materialistica sono i temi portanti del saggio di Marco Gatto “Marxismo culturale” (Quodlibet)

 

La crisi economica internazionale, innescatasi nel 2008 e di cui ancora non si intravede la fine, ha determinato, tra le altre conseguenze, anche la ripresa di interesse tra gli studiosi per la filosofia di Marx, forse troppo frettolosamente accantonata alla fine degli anni Settanta. Tra i saggi filosofici più significativi recentemente pubblicati, segnaliamo ai lettori "Marxismo culturale. Estetica e politica della letteratura nel tardo Occidente" (Quodlibet, pp. 324, € 26,00) di Marco Gatto, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filologia dell’Università della Calabria. Riportiamo di seguito una nota esplicativa tratta dalla quarta di copertina del libro:

"Negli anni Settanta, quando in Europa se ne decreta il fallimento politico, il pensiero marxista si ritira nella prigione dorata della teoria culturale e della riflessione estetica. La letteratura, in particolare, diviene un oggetto d’analisi costante. Alla sconfitta ideologica, si accompagna un’esplosione del marxismo in mille frammenti disciplinari, che ne sancisce una pacifica aderenza allo spirito dei tempi. Il riferimento diretto ai testi di Marx diventa scarno, indebolito nella sua portata politica.

Questo libro rileva la consistenza di tale involuzione, la contesta, ma si sforza anche di comprenderne i presupposti. Li coglie nella penetrazione dello strutturalismo e delle sue logiche nella concezione materialista, provando a sostenere che la crisi del marxismo vada di pari passo con la tentata distruzione del pensiero dialettico. Da qui una proposta teorica tesa a riabilitare la matrice hegeliana e totalizzante della riflessione di Marx e a suggerire il ripristino di un’istanza critica che ragioni sui processi sociali dell’odierno capitalismo. Senza trascurare l’importanza politica della sfera estetica, che, in un mondo sempre più assediato da immagini e simboli, si scopre come un nuovo terreno d’interrogazione critica."

 

 

Giuseppe Licandro

(LucidaMente, anno VII, n. 81, settembre 2012)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares