• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Il ricordo di Giovanni Falcone e Melissa Bassi: quando la memoria è senza (...)

Il ricordo di Giovanni Falcone e Melissa Bassi: quando la memoria è senza tempo

Melissa, stilista per gli angeli Sabato 19, il foglietto del calendario di casa recava l’annotazione di un evento a lungo e tanto atteso, ovvero il matrimonio di M. Di buonora, la nubenda, ormai alleggeritasi da ogni ansia, era allegramente intenta a maneggiare, accarezzandolo con amore, il suo abito bianco, mentre, attraverso il balcone socchiuso, le tenevano compagnia i suoni diseguali e, però, ritmati di un discreto zefiro di tramontana, che pareva voler più lucidare, la volta, lassù, di color azzurro particolarmente intenso, speciale.

Pure la piccola E., prescelta nel ruolo di damigella, s’accingeva a raggiungere la sposa. Di lì a poco si sarebbe aperta un’antica cattedrale dai cassettoni lignei e, soprattutto, impreziosita da un mirabile pavimento a mosaico. Sennonché, proprio in quei momenti, giustappunto di buonora, un’altra donna, giovanissima, con la medesima iniziale M. nel nome, senza preparazione alcuna, senza palpitazione d’attesa, andava improvvisamente a convolare a nozze, ad unirsi, non mani a mani, bensì semplicemente con il cielo.

Appena sedici primavere, le sue, e tuttavia, l’abito per quella cerimonia, la M. studentessa, se lo portava da sempre addosso, con naturalezza, in armonia e sintonia col suo volto carinissimo e pregno d’espressività e in fantastico contrasto con la sfumatura dei suoi capelli: color rosso, tonalità familiare da queste parti, intorno a M., continuazione del manto della terra dei campi, terra, in genere, madre generosa, solo raramente matrigna e avara. E’ vero, per M. non c’è stata una chiesa addobbata di fiori, in compenso ella ha avuto il privilegio d’essere di colpo sollevata su un cocchio bianco e lucido e di svettare, nel volgere d’un attimo, sino all’eden azzurro intenso rievocato prima.

In più, la sedicenne, senza bisogno d’altri corsi scolastici e di esami, ha conseguito d’incanto il suo diploma, è divenuta matura, ha già un tavolo da lavoro per la creazione e il disegno di modelli e le sue collezioni soddisfano un parterre di clienti d’alta classe, raffinati, con le ali. Ai suoi genitori, alle compagne, particolarmente a quelle che hanno sussultato accanto a lei, M. confida di essere lieta, contenta, in pace, di ricordare tutti e di ripromettersi di continuare a frequentare, librandosi fra i banchi, il suo istituto professionale, da cui, del resto, non s’è mai allontanata o staccata volontariamente. E’ felice, da ultimo, per via di un’anticipazione recatale da un angelo dai capelli rossi come i suoi, con il quale ha stretto amicizia: la scuola, d’ora in avanti, si chiamerà “Istituto professionale Morvillo e Bassi”. Nel frattempo, allo scopo di fugare ogni nostalgia, M. si è portato con sé il candore d’animo del suo papà e della sua mamma, insieme con la convinzione che l’universo dei volti della gente del suo paese e di questa terra di Puglia, nella sua totalità, è forgiato e animato da buoni e sani principi e, quindi, nulla ha a che vedere con le sparute frange di personaggi deviati e traviati. Ciao M., anzi Melissa, la tua immagine, nella mente dell’osservatore di strada che scrive, è stagliata sotto il segno d’una bellissima farfalla che si è posata a gustare il profumo di un altrettanto bellissimo fiore. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità