• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Il “caso Eben Alexander”: viaggio nell’aldilà o suggestioni oniriche?

Il “caso Eben Alexander”: viaggio nell’aldilà o suggestioni oniriche?

Le “esperienze Nde e Obe”, vissute dal neurochirurgo di Harvard, sono prodotte da particolari meccanismi neurofisiologici e non stanno a testimoniare l’esistenza della vita ultraterrena.

Il 10 ottobre 2012 Emanuela Di Pasqua ha raccontato, in «L’aldilà esiste»: parola di neurochirurgo, pubblicato su www.corriere.it, l’“esperienza Nde” (Near Death Experience= esperienza vicina alla morte) vissuta dal neurochirurgo di Harvard Eben Alexander. Stando a quanto riportato nell’articolo, il medico si era sempre confessato scettico e poco incline a credere ai racconti di esperienze extracorporee come segno della presenza della vita ultraterrena. Nell’autunno del 2008, però, rimase in coma sette giorni a causa di una meningite batterica da Escherichia Coli che, in poche ore, lo condusse a perdere del tutto la coscienza. Esami strumentali e visite neurologiche dimostrarono la totale inattività della corteccia cerebrale (non si può escludere, però, una “attività corticale spontanea”), sede, tra l’altro, delle funzioni mnemoniche, linguistiche e di apprendimento.

Al risveglio dal coma, Eben Alexander, ha raccontato di «un mondo di nuvole bianche e rosa stagliate contro un cielo blu scuro come la notte» e di essersi trovato in compagnia di «esseri luminosi che lasciavano dietro di sé una scia luminosa». Queste figure, definite «forme di vita superiore», erano accompagnate da canti melodiosi. Il neurochirurgo ha detto ancora di aver camminato su un tappeto di farfalle colorato e di aver incontrato una sorta di guida, una figura femminile dai capelli biondi e gli occhi azzurri che gli ha comunicato, telepaticamente, quattro messaggi: 1) «Tu sei amato e accudito»; 2) «Non c’è niente di cui avere paura»;3) «Non c’è niente che tu possa sbagliare»; 4) «Ti faremo vedere molte cose qui. Ma alla fine tornerai indietro». Queste presunte “esperienze ai confini della morte” sono state raccontate da Eben Alexander in un libro dal titolo Proof of Heaven (La prova del Paradiso, Simon & Schuster), uscito il 23 ottobre scorso.

Dal punto di vista medico-scientifico, come si possono spiegare episodi del genere, di cui parlano anche altri pazienti usciti dal coma a causa di un trauma cranico o dopo una malattia? Possono essere spiegati con argomentazioni scientifiche l’“effetto tunnel” e le luci particolari (come quelle narrate da Alexander) che si racconta di aver visto, una volta ritornati coscienti? Episodi di“Nde” o di “Obe” (Out of Body Experience) possono avere una spiegazione scientifica? Ascoltiamo lo psicopatologo e neuropsicologo (nonché consulente scientifico del Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale) Armando De Vincentiis: «Queste esperienze sono spiegabili mediante i normali processi neurofisiobiologici e psicologici. La “visione del tunnel” è prodotta da un naturale meccanismo neuropatologico in cui viene a trovarsi il cervello dopo un minor apporto di ossigeno, come può accadere in un trauma cranico che inibisce l’attività delle cellule nervose; ne consegue, quindi, un restringimento del campo visivo dando la sensazione di “vedere” attraverso un tunnel» (cfr. Armando De Vincentiis, Esperienze mistiche in prossimità della morte, in Estasi, Edizioni Avverbi; Idem, Esperienze di pre-morte. NDE, in www.cicap.org).

Per quanto riguarda la forte luce percepita in modo differente dal normale stato di sonno o nell’attività onirica, che taluni pazienti riferiscono all’uscita dal coma, si tratta di particolari scariche casuali prodotte dalle cellule cerebrali. «Chi viene da un’esperienza simile», aggiunge Mario Campli, specialista in chirurgia d’urgenza e pronto soccorso, «riferisce di aver fluttuato in un’oscura galleria al termine della quale si intravedeva una brillante radiosità; di aver percorso un buio tunnel che si apriva verso un cielo chiaro o sereno, di aver visto la luce in lontananza». Anche nel buio più profondo, stando con gli occhi chiusi o durante il sonno (nei sogni percepiamo la luce in modo differente dallo stato di veglia), è possibile percepire uno scintillio diffuso, ovvero i fosfeni. Queste «immagini spurie», prosegue Mario Campli, «sono prodotte dalla scarica casuale e spontanea dei neuroni della corteccia visiva e dai fotorecettori della retina» (cfr. Mario Campli, Esperienze di pre-morte inwww.sci-med.it).

Durante lo stato di quiescenza in questo tipo di coma (generalmente di secondo grado), può essere attiva la percezione onirica di immagini ricostruite dal nostro cervello. I neuroni danneggiati e le parti cerebrali deputate alla registrazione della luce emettono disordinatamente delle scariche elettriche compulsive, dando la sensazione, al risveglio, di aver registrato immagini luminose mai viste prima. Dentro questi meccanismi di normale neurofisiologia (la concordanza delle testimonianze può essere letta come la conferma dell’esistenza di meccanismi cerebrali precisi, che si innescano in situazioni altamente emotive o traumatiche) si inserisce l’attività onirica del paziente, che arricchisce gli elementi di origine neurofisiologica (in comune) con immagini e ricordi personali e privati, legati alla sfera emotiva e affettiva (cfr. le interviste a Simone Angioniconsulente scientifico del Cicap, e a Dean Mobbs, neuroscienziato dell’Università di Cambridge, inwww.queryonline.it/, rivista ufficiale del Cicap).

In una situazione di forte angoscia e di stress emotivo il paziente “stacca la spina” e il cervello si abbandona a sensazioni piacevoli (attraverso la noradrenalina, un ormone rilasciato quando si soffre), generando immagini che fanno parte di ricordi benevoli e rassicuranti, come può essere la memoria dei cari defunti, che ci riporta in un periodo sereno e luminoso del nostro passato. Immagini comuni di luce, musica, angeli, nuvole e cielo azzurro rappresentano icone e segni semiotici della cultura di appartenenza, come nelle raffigurazioni canoniche e letterarie del Paradiso cristiano (il cervello rielabora immagini note). È una reazione del nostro cervello all’angoscia e a una situazione di profondo malessere, fortemente emotiva e stressante (cfr.http://mysterium.blogosfere.it/).

Sentiamo ancora De Vincentiis sulle presunte “esperienze fuori dal corpo”: «LeObe sono spiegabili dal punto di vista psicofisiologico e psicopatologico. Tali disturbi fanno parte della letteratura medica e si distinguono in: 1) depersonalizzazione autopsichica = l’individuo percepisce le proprie azioni come estranee e non appartenenti a sé; 2) depersonalizzazione somatopsichica = un soggetto vive il proprio corpo come distaccato da sé; 3) depersonalizzazione allopsichica = un soggetto percepisce l’ambiente come estraneo. La sensazione di aver visitato un luogo sconosciuto e lontano dal corpo non è altro che l’espressione di quest’ultima forma. Tali disturbi possono manifestarsi in casi di trauma, come in casi di malattie batteriche e alterazioni organiche conseguenti a lesioni del lobo temporale, nei prodromi dell’epilessia, nelle intossicazioni da Lsdo mescalina, nelle psicosi schizofreniche o depressive e nelle nevrosi isteriche. Le esperienze Obe sono dovute ad alterazioni mentali e per la conseguenza di una temporanea iperattività anomala di alcune regioni del cervello» (cfr. Armando De Vincentiis, Esperienze mistiche in prossimità della morte, in Estasi, cit.; Idem,Viaggio fuori dal corpo, in www.cicap.org/).

Tra gli studi più recenti sull’argomento, ricordiamo: Elisabeth Bressler – Sharon Holloran, Orientamento nella realtà. Riorganizzazione cognitiva in persone con traumi cerebrali, Edizioni Erickson; Giacomo Rizzolatti –Corrado Sinigaglia, So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio, Cortina; Costanza Papagno – Giuseppe Vallar (a cura di), Manuale di neuropsicologia,il Mulino; Massimiliano Prencipe, L’esame neurologico. Quadri normali e patologici, Piccin Nuova Libraria.

Le immagini: Eben Alexander e il suo libro e il logo del Cicap. Il dipinto di apertura è tratto da www.centroisa.com.

Marco Cappadonia Mastrolorenzi

(LucidaMente, anno VII, n. 84, dicembre 2012)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.99) 11 dicembre 2012 17:42

    IO dico: non è che le spiegazioni scientifiche chiariscano granché. SE il nostro cervello funziona in "quel modo" di fronte ad alterazioni emotive o traumatiche, ci sarà pure un motivo. Questo andrebbe indagato! Perché l’idea dell’aldilà è presente in così tanti casi?

  • Di (---.---.---.1) 11 dicembre 2012 19:25

    Ci risiamo: lucida mente ha sentenziato ancora. In barba a miliardi e miliardi di individui che hanno fatto la storia dell’umanità dai tempi dei tempi e che hanno sempre creduto, ognuno a modo loro nell’esistenza della vita oltre la vita, vanno liquidati con un "non è vero niente" se non che solo noi siamo i possessori della verità e cioè del niente.Complimenti articoli sempre più profondi ed universali.

  • Di (---.---.---.4) 12 marzo 2013 09:07

    Al solito, le spiegazioni del CICAP sono ormai state confutate da anni e da neurologi e medici affermati, che si aggiornino almeno....

  • Di (---.---.---.225) 3 aprile 2013 00:57

    quelli del cicap sono un manipoli di coglioni falsari quasi come tanti che vogliono smascherare

  • Di (---.---.---.216) 1 giugno 2013 14:43

    Se un neurochirurgo totalmente ateo e di mentalità razionale è sicuro di avere intrapreso quel viaggio, consapevole della sua attività celebrale pari a 0 , non credo che si debba prendere alla leggera...

  • Di (---.---.---.164) 27 giugno 2013 09:55

    Non condivido nella maniera più assoluta l’articolo in oggetto. Stiamo parlando di un neurochirurgo con un curriculum di tutto rispetto, esperto nonché estremamente preparato dal punto di vista medico! Attivo alla Harvard Medical School, nonché autore di numerosi saggi scientifici pubblicati nelle riviste e nei collegi più prestigiosi! Lui stesso afferma che prima di tale esperienza liquidava i pazienti e coloro che sostenevano l’esistenza delle NDE, affermando quanto detto in quest’articolo. Nel libro, sostiene quasi alla nausea, che la prima cosa appena sveglio e riavute tutte le capacità cerebrali, è stata il cercare in tutti i modi di dare una spiegazione scientifica a quanto accadutogli, ed elenca punto per punto tutte le cose che ha preso in considerazione, dovendole purtroppo ( o per fortuna ) escludere. Rassegnatevi, la coscienza esiste e noi siamo solo degli ominoidi di passaggio sulla Terra, completamente risucchiati dal Sistema! Se coloro i quali, come De Vincentiis, con tutto il rispetto, approfondissero il lato storico-culturale dell’origine della vita sulla terra, si renderebbero conto che millenni fa, quando non c’era un Sistema come oggi, era scontato che la morte non era altro che un passaggio verso un’altra realtà [ non basta andare tanto lontano - in Egitto si usava mettere nelle tombe tutti gli oggetti cari al defunto perché si era certi che potessero servire nell’altra vita ]... si potrebbe continuare all’infinito! E’ pura presunzione credere che esistiamo solo noi e che siamo solo corpo ed ignorare che li fuori ci sia un intero universo INFINITO...di cui non conosciamo assolutamente nulla! Infine, basti pensare che dal punto di vista fisico-quantistico ( i.e. Bohm, Einstein ) da sempre sostenevano l’inesistenza del mondo per come lo vediamo/percepiamo ( è solo illusione ). Siamo delle ’macchine’ programmate a determinate frequenze e come tali, percepiamo solo una minima parte di quello che ci circonda, il resto è ignoto! Il non percepire una realtà, non implica che non esista! Alcuni animali percepiscono gli ultrasuoni o hanno una vista molto più acuta della nostra che permette loro di vedere o sentire realtà che noi non percepiamo, eppure esistono!

  • Di (---.---.---.153) 20 novembre 2013 15:30

    E te pareva che non finivano per denigrarlo, ma non avete un minimo di vergogna?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares