• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Il Sole è un pianeta? Gli italiani e la scienza

Il Sole è un pianeta? Gli italiani e la scienza

Observa Science in Society torna puntuale ogni anno con le statistiche sul rapporto degli italiani con la scienza, fornendo dati e spunti di riflessione da non sottovalutare. L'Annuario 2012 (a cura di Neresini F. e Pellegrini G., Il Mulino, Bologna), inerente alle indagini svolte nel 2011, comprende anche un approfondimento dedicato all'ambiente e alle energie, al centro di numerosi dibattiti soprattutto nel periodo del referendum sul nucleare.

Andando a guardare nello specifico, si è registrato un calo di partecipazione a manifestazioni e eventi scientifici: se nel 2010 era il 7,3% degli intervistati ad assistere a incontri e dibattiti pubblici, nel 2011 è stato il 4,2%, e anche per le mostre e i musei a tema si è passati da un 13,8% a un 8,2% (Totale degli intervistati 1.001). La fiducia nella scienza oscilla tra due atteggiamenti in parte discordanti tra loro: anche se il 67,6% ritiene che i benefici portati dallo sviluppo tecno-scientifico siano maggiori dei possibili effetti negativi, il 73,6% pensa che questo sviluppo cambi troppo velocemente il nostro stile di vita e il 56,1% attribuisce ad esso la maggior parte dei problemi ambientali.

Nell'ambito dell'alfabetismo scientifico, gli intervistati sono stati chiamati a rispondere a tre domande: se il Sole sia un pianeta, se gli antibiotici siano efficaci sia contro i virus che contro i batteri, se gli elettroni siano più piccoli degli atomi. Il 58% sa che il Sole è una stella, il 49% che gli antibiotici vanno utilizzati solo contro i batteri e il 47,5%, meno di uno su due, riconosce le giuste dimensioni di atomi e elettroni. Solo un italiano su dieci risponde correttamente a tutte e tre le domande e un italiano su cinque risponde a tutte in modo sbagliato.

Per quanto riguarda l'universo della scuola, l'Italia è sotto la media dei Paesi Ocse nel rendimento degli studenti in matematica e scienze e si situa in classifica dietro a Corea, Giappone, Nuova Zelanda, Paese Bassi, Danimarca, Slovenia, Rep. Slovacca, Estonia, Germania e Islanda, per citarne alcuni. Le ore di insegnamento dedicate alle materie scientifiche sono meno di quelle dedicate da Cile, Inghilterra, Polonia, Ungheria e Turchia, ma nella media dei Paesi Ocse (26% sul totale delle ore di scuola per i bambini dai 9 agli 11 anni, 29% per gli studenti dai 12 ai 14).

La percentuale di laureati in discipline scientifiche è del 6,7% sul totale dei laureati e dottorati (media Ocse 6,7%, media UE21 6,1%), in matematica e informatica del 2,1% (media Ocse 4,3%, UE21 4,1%). Ma quanto spende l'Italia per la ricerca? L'1,3% del PIL (sono escluse le spese per la Difesa), meno di quanto spendono 30 Paesi Ocse e non, tra cui Israele, Taiwan, Singapore, Estonia, Portogallo, Spagna.

Sì, la cultura scientifica italiana è fortemente in difficoltà, ma davvero servono le propagande, i Festival della scienza, un'offerta divulgativa sempre più ricca? O forse bisognerebbe guardare più all'istruzione primaria e secondaria, unico luogo dove è possibile formare gli adulti di domani?

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares