• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Iamus il computer che compone musica classica

Iamus il computer che compone musica classica

Si chiama Iamus[1] e compone musica classica. Fin qui nulla di strano. Solo che il compositore non è umano. E’ un super computer costruito dal Gruppo di Ricerca in Computational Intelligence dell’Università spagnola di Malaga, programmato per creare spartiti musicali professionali e per mettere alla prova il Test di Turing[2]. Ovviamente il primo concerto è stato dedicato allo scienziato inglese, nel centenario della nascita di Alan Turing, e trasmesso in diretta streaming lo scorso 2 luglio. E non è finita, perché un’altra composizione di Iamus – Transits into an Abyss – è stata eseguita dalla London Symphony Orchestra e presto diventerà un CD. Iamus è stato creato e sviluppato dall’ingegnere Francisco J. Vico con l’aiuto del pianista Gustavo Díaz-Jerez.

Titolo del concerto: "Can machine be creative?" ("Le macchine possono pensare?"). Il Test di Turing è stato superato? Critici e melomani potranno dare risposte appropriate su qualità, originalità e pathos delle composizioni, ma non è questo il punto. Potremmo interrogarci su quanto possa influire la tecnologia fotografica sugli scatti degli artisti dell’immagine, o il CAD (Computer-Aided Drafting) sulle realizzazioni di architetti e designer, o la bionica in campo sanitario, ma anche qui le risposte sarebbero insoddisfacenti. 

Iamus ci lascia inquietati e basiti, perché dimostra con la cosiddetta intelligenza artificiale la scienza si avvicina sempre più alla fantascienza. La potenza di calcolo del super computer permette di comporre musica senza sosta, notte e giorno. C’è già un archivio di un miliardo di brani musicali nei formati MP3, MIDI e XML e spartiti in PDF.

Musica composta da Iamus

 

L’Università di Malaga ha avviato una spin-off – Melomics – per tentare il lancio sul mercato musicale in ambiti poco esplorati, come la musicoterapia.

Avete ascoltato il concerto? Increduli? Sconcertati? È normale. Fa questo effetto a tutti, dice il padre di Iamus, l’ingegner Francisco J. Vico.

 


[1] Iàmo o Giàmo (gr. Iamos) Figlio di Apollo e di Evadne e nipote di Poseidone. Fu il capostipite degli Iamidi o Giamidi, famiglia sacerdotale di Olimpia…Divenuto adulto, Iamo, per ordine di Apollo…si recò a Olimpia, dove il dio gli insegnò a trarre vaticini dal linguaggio degli uccelli e dai resti fumanti delle vittime, arse nel sacrificio (dal Dizionario Zanichelli di mitologia e dell’antichità classica di Mary Gislon e Rosetta Palazzi).

[2] Il test di Turing è un criterio per determinare se una macchina sia in grado di pensare. Tale criterio è stato precisato da Alan Turing nell’articolo Computing machinery and intelligence, apparso nel 1950 sulla rivista Mind,[1] ma era già stato delineato da Cartesio nel Discorso sul metodo del 1637 (da Wikipedia). 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.





    Palmares