• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Guerra fredda o calda: Guerra all’Umanità?

Guerra fredda o calda: Guerra all’Umanità?

A mio parere la definirei ‘caldissima’!

Quello che si prospetta a breve è una lunga guerra contro l'Umanità che, tra l’altro, viene effettuata nel pieno di una delle crisi economiche più gravi della storia moderna. Per ora ci troviamo di fronte a una guerra di livello ‘tiepido’, ma la vicenda è intimamente legata a un processo di ristrutturazione finanziaria globale, che sta portando al crollo le economie nazionali e causa l'impoverimento di vasti settori della popolazione mondiale.

L'obiettivo finale sembra essere la conquista del mondo sotto il simbolo dei diritti umani e della democrazia occidentale. E su questi altissimi principi stiamo portando l’Umanità verso uno scenario da terza guerra mondiale. Oggi, però, i criminali di guerra non sono solo le alte cariche politiche, che si rendono responsabili delle decisioni e degli avvenimenti, bensì anche le aziende multinazionali che le sostengono.

In mezzo a tutto ciò ci sono sempre loro. Gli Stati Uniti si sono imbarcati in un'avventura militare che minaccia il futuro dell'intera Umanità. È in corso una proliferazione di armi di distruzione di massa che vengono ritratte come fossero strumenti di pace, armi atomiche che vengono definite innocue per la popolazione civile, infine la guerra fra super potenze è identificata come fosse una necessaria impresa umanitaria.

Con un po’ di sforzo mentale potremmo anche concettualizzare la perdita di vite umane e la distruzione derivanti da guerre precedenti, tra cui Iraq e Afghanistan, ma oggi è impossibile comprendere appieno la devastazione che potrebbe derivare da una terza guerra mondiale. Con le nuove tecnologie e le armi avanzate, fin qui realizzate dagli schieramenti contrapposti, una guerra potrebbe durare all’infinito e distruggere milioni di vite umane in ogni parte del pianeta. Il pericolo principale è la irresponsabile considerazione attuale della comunità internazionale che ritiene, quale massima assurdità possibile, un’eventuale guerra nucleare un ‘veicolo che determina la pace nel mondo’.

"Rendere il mondo più sicuro"!

È questa la giustificazione per il lancio di un'operazione militare che potrebbe potenzialmente causare un olocausto nucleare?

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità