• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Evviva la Carfagna!

Evviva la Carfagna!

Commenti all'articolo

  • Di Francesca (---.---.---.33) 23 settembre 2008 22:02

    veramente è una vergogna per noi italiani, ma mi vergogno anche per quegli italiani che hanno votato questo governo, cosa potevamo aspettarci?

  • Di Paolo (---.---.---.65) 24 settembre 2008 21:40

    A 19 anni mentre stavo svolgendo il servizio di leva a Roma, da ragazzaccio trainato dai bollenti spiriti di quella età insieme ad altri commilitoni andammo a votare e demmo il voto all’onorevole Cicciolina.
    Una volta eletta costei mantenendo fede ai suoi ideali continuò a diffondere le sue idee di ’libertà’ pur avendo assunta la carica di onorevole della camera dei deputati. Al dilà del suo modo di professare il suo credo almeno aveva mantenuto fede al modus vivendi della sua vita precedente.
    La Carfagna che si propone di epurare il ns mondo da coloro che vendono il proprio corpo, diversamente da Cicciolina, non è riuscita a mantenere fede al suo precedente modus vivendi figurimoci di che pasta abbiamo questi ministri.

    • Di www,aleiorio.ilcannocchiale.it (---.---.---.130) 25 settembre 2008 13:29

      La sostanza non cambia. La materia cerebrale che servirebbe a noi italiani, non esiste nella Carfagna come non esiste in Cicciolina. Il mercimonio lasciamolo nelle strade, fuori dal Parlamento, fuori dal Consiglio dei Ministri.
      Ale.

  • Di Fede (---.---.---.122) 25 settembre 2008 17:21

    Grande Ale, sei arrivato anche qui!

  • Di (---.---.---.183) 25 settembre 2008 23:03

    nella vita è lecito cambiare, anche radicalemente, tanto le proprie opinioni che il proprio stile di vita.
    solo gli imbecilli ed i disonesti rimangono sempre identici a se stessi.
    l’unica cosa veramente disonesta sarebbe far finta di dimenticare il proprio passato e dire "ion non c’ero" oppure "non ero io".

  • Di (---.---.---.156) 25 settembre 2008 23:31

    Che tristezza, che squallore, non ci sono parole! Ma come si puo’ votare un governoi che propone come ministro certa gente! Viva le prostitute da strada normali e senza pretese! W Bocca di Rosa abbasso le prostitute telepolitiche

  • Di Alessandro Iorio (---.---.---.201) 26 settembre 2008 08:40

    per il primo anonimo:
    ognuno nella vita deve essere libero di scegliere la sua strada; per questo c’è chi fa l’imbecille, chi lo è per natura, chi lo diventa...e poi c’è chi scrive e dice stronzate arrogandosi quel sapere e quella intelligenza che non gli è propria. La Carfagna doveva semplicemente continuare a fare il suo "mestiere", e non governare gente come il sottoscritto.
    Amo dire: ad ognuno il suo.

    Saluti

  • Di paolo (---.---.---.173) 26 settembre 2008 21:16

    Siamo in un paese estremamente libero ed è bello che ognuno possa dire la sua anche se al di fuori delle righe o senza senso...
    Rimane il fatto che chi cambia stile di vita, rinnega il passato ne fà critica agli altri non può rappresentare un popolo in ruolo così importante.
    Poi diciamocelo, ormai per attirare voti mettiamo anche le veline, così facendo abbiamo svuotato il parlamento di politici preparati ed il paese ha imboccato la strada del dissenno.


    • Di Alessandro Iorio (---.---.---.39) 26 settembre 2008 23:14

      >----------Paolo:
      ognuno ha il proprio concetto di libertà e non trovo così bello che in politica paghiamo gente simile per farci amministrare. Chi vuole avere a che fare con il mercimonio è libero di pagare e comprarsi un calendario , un film porno o vedersi le veline in pay tv. ..Ma io non ho assolutamente il diritto, ne il dovere di avere la Carfagna Ministro della Repubblica! Non è questa la libertà che meritano taluni italiani.
      Saluti

  • Di Mariusan (---.---.---.33) 29 settembre 2008 10:14

    In effetti può sconvolgere il fatto di avere come ministra la Carfagna - e questo è già qualcosa in una società che raramente si sorprende di qualcosa - ma secondo me bisogna abbordare la questione senza acrimonia, magari con uno spirito critico più adeguato alla circostanza.
    Per esempio la ministra non ama rilasciare interviste poichè spesso le viene domandato, magari indirettamente, di che colore abbia le mutande. Lei s’incazza e non risponde commentando che tutti le fanno
    le stesse domande. Quì vi è una notevole ovvietà: ma quale tipo di domanda può essere rivolta alla Carfagna’? E’ piuttosto normale essere curiosi sul tipo di lingerie che indossa. Il suo passato, la sua bellezza, etc., autorizzano questo tipo di curiosità e non è solo una questione di maschilismo come la Peretta
    ha sottolineato ma la Carfagna presenta due facce di se che giustificano abbondantemente certe illazioni.
    Che oggi faccia la ministra della Repubblica non autorizza a non cosiderare il resto o il passato che è molto più piacevole e divertente.
    Trovi anche lei un comportamento adeguato alla sua condizione, passata e presente, e non si irrigidisca
    troppo su certe normali curiosità che i suoi occhioni vivaci, la sua bocca pronta e le sue lunghe gambe
    possono determinare.

    Mario
    mariusan@alice.it





    • Di Alessandro Iorio (---.---.---.130) 29 settembre 2008 10:37

      A me non sconvolge l’avere come ministro una come la Carfagna, mi sconvolgono le migliaia di innocenti che muoiono in Iraq e in ogni guerra. Non interessano poi le sue mutande, mentre invece attirano l’attenzione della maggioranza degli italiani (questo mi disturba).
      Non capisco cosa si può chiederle in un’intervista, a parte dei suoi tascorsi di "velina", visto che in lei io vedo una sola faccia.
      Le ricordo a proposito che il compito di un Ministro della Repubblica è quello di governare il Popolo, con la testa e non con il culo.
      Saluti.

  • Di Nino Federico (---.---.---.58) 9 ottobre 2008 15:21

    Per decenni le università, le professioni colte, prestavano i loro personaggi alla politica e questi entravano in Parlamento e nel Governo.
    Oggi il mondo dello spettacolo è il calderone da dove si prendono i ministri, quando va bene, basta pensare i parlamentari inquisiti nel PDL o in attesa di giudizio...
    Mara Carfagna, "chi era costei" avrebbe dovuto dire il caro Presidente della Repubblica Napolitano a Berlusconi. Ma è evidente, non è successo.
    Berlusconi dal canto suo avrebbe pure potuto portare Moira Orfei (con tutto rispetto per la signora e la sua professione circense) con tutte le sue belve al governo, che agli italiani sarebbe andato bene lo stesso.
    L’ho vista a Porta a Porta una sera dialogare con la giornalista Armeni e una senatrice del PD, sembrava una delle ospiti di Maria De Filippi (spero che non si offendano) .Vista la totale incapacità della signorina a svolgere quel ruolo, probabilmente Berlusconi l’avrà piazzata lì per fare qualche grosso favore a un amico Massone. Per carità è proprio carina, ha due occhioni e due labbra che ...se non fossi sposato...peccato che hanno tolto le prostitute dalla strada...
    Ciao Italiani, vi regalo un detto della mia terra calabra.
    "Quando c’è il diluvio tutti gli stronzi nuotano".
    Nino Federico - Roma

  • Di Alessandro Iorio (---.---.---.126) 11 ottobre 2008 08:11

    Un tempo si faceva così? Perchè ora è cambiato qualcosa?
    Bene Federico, sembrano chiare le tue idee, peccato per noi...tu non farai strada in politica.
    Saluti

  • Di Ettorre Viviana (---.---.---.52) 8 luglio 2009 15:12
     Viviana Ettorre

    L’avete vista oggi Mara Carfagna?
    Si è presentata dal Papa con le altre first lady del G8.

    Ma secondo voi il Papa vede i giornali e sente la tv?
    Il Papa sa chi è la Carfagna?

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares